cibo, vino e quantobasta per essere felici

Acquista la copia digitale!

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, ti informiamo che questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

La Piave. Racconto di un fiume

L’Estate in Città del Comune di Pordenone dà spazio al talento dei giovani e giovedì 1 agosto alle 21 presenta in Biblioteca Civica, Sala Degan il film "La Piave. Racconto di un fiume", documentario scritto e diretto dalla giornalista Elisa Cozzarini, 35 anni, prodotto dalla Sunfilms di Christian Canderan (la fotografia è di Davide Pettarini, montaggio e videoanimazioni di Valeria Cozzarini), che ripercorre il corso d'acqua che ha fatto la storia del Veneto e dell'Italia. La Piave era l'autostrada di un tempo, la grande via d'acqua che nei secoli ha collegato le Dolomiti con Venezia. Fino alla Grande Guerra, il «fiume sacro alla Patria» era femminile, madre feconda e generosa, poi è diventato maschile. Oggi, a prima vista, la Piave rappresenta l'emblema di come l'uomo si è allontanato dall'acqua, fonte di vita, sottoponendola a una logica di mero sfruttamento. Lungo tutto il suo corso, infatti, il fiume è stato intubato, canalizzato, cementificato. Il 90% delle acque non scorre più liberamente e sono rari gli scorci ancora naturali. La ferita più profonda, incisa sul Monte Toc, è la tragedia del Vajont, tra le province di Pordenone e Belluno. Resta viva, però, una cultura legata alla tutela delle acque e dell'ambiente: la Piave ancora oggi è un fluire di storie, racconti, memorie. Le persone che abitano lungo il suo corso, dalle sorgenti sul monte Peralba fino all'Adriatico, attraverso le province di Belluno, Treviso e Venezia, parlano di un legame ancora forte, viscerale, con il fiume e l'acqua. Sono loro ad accompagnare lo spettatore in un viaggio emozionale alla scoperta della  Piave oggi, delle radici culturali che porta con sé.

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

Informazioni