cibo, vino e quantobasta per essere felici

Know Wine da Elliot

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1

Un incontro alla scoperta di 25 cantine con vini diversi dalle “solite etichette”. È  “Know Wine”, iniziativa che si terrà sabato 7 marzo 2020, dalle 17 alle 21, al ristorante Elliot di Manzano.  

Know Wine è strettamente collegato con Slow Wine, l’originale selezione vinicola, racchiusa nella nota Guida, che Slow Food propone ogni anno a esperti, appassionati e curiosi.Slow Wine, l’originale selezione vinicola, racchiusa nella nota Guida, che Slow Food propone ogni anno a esperti, appassionati e curiosi. Di fatto, si sposa con Elliot Wine Culture «il nuovo pensiero di Elliot Restaurant – spiegano i titolari del ristorante – che si propone di valorizzare il territorio vitivinicolo di FVG e Slovenia, un modo per presentare e presentarsi, raccontando le storie dei propri vini e quelle dei loro produttori».

Nella serata a Manzano ci saranno i rappresentanti di 25 produttori Slow Wine e ciascuno porterà due o tre vini rappresentativi della propria cantina. «I vini di queste aziende negli ultimi anni ci hanno piacevolmente sorpreso, spesso oltre le aspettative», affermano i curatori Elisa de Nardo, Savio del Bianco e Richard Baudains. Il gruppo di lavoro che ogni anno assaggia buona parte della produzione vitivinicola del Friuli Venezia Giulia e della Primorska «crede – aggiungono – che la definizione di un territorio enologico ad alta vocazione turistica, come il nostro, abbia il dovere di essere descritto nel modo più esaustivo possibile, perciò con “Know Wine” vogliamo proporre un assaggio anche di vini che sono un po’ meno “sotto i riflettori” del classico wine show biz. Per comprendere a fondo la potenzialità di un territorio, frequentando enoteche e ristoranti, chi vive, frequenta o passa in Friuli Venezia Giulia per turismo, deve poter trovare anche questi vini».

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Scegliere solo le etichette più “famose” o comunque quelle “già sentite nominare” lo "riteniamo riduttivo – precisano gli organizzatori – ed è un peccato non spingersi più in là, dove spesso si trovano delle produzioni assolutamente speciali. Questo ci ha motivato a proporre il nostro evento, alla scoperta delle cantine che oltre a produrre vini di grande qualità, rappresentano la diversità e unicità del nostro territorio e un elemento di novità per il gruppo di degustatori di Slow wine».La degustazione sarà accompagnata da diversi stuzzichini preparati dallo chef Andrea Fantini e dal suo team. 

 


Copyright © 2009-2020 QUBI' Editore
Riproduzione riservata

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.