cibo, vino e quantobasta per essere felici

Il matrimonio Sforza Aragona rivive a Casarsa

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1



Milano, 1490: si celebrano le nozze tra Gian Galeazzo Maria Sforza e Isabella d’Aragona. Un'unione politica, fondamentale per i signori milanesi nel quadro di alleanze europee dell'epoca. Per questo Ludovico il Moro, padre dello sposo, commissiona a Leonardo da Vinci un portentoso spettacolo, tra coreografie, macchine danze e costumi che lasceranno gli invitati a bocca aperta. 

La Festa del Paradiso leonardesca rivive al teatro comunale Pasolini di Casarsa della Delizia giovedì 16 gennaio 2010 alle 20.45. I costumi e le danze dell'epoca, così come erano stati voluti da Leonardo stesso, si uniscono alle melodie rinascimentali de laReverdie, uno dei massimi complessi di musica antica del mondo. L'artista multimediale Igor Imhoff ha ridato vita, in chiave moderna, alle scenografie vinciane. Uno straordinario gioco di luci disegnerà i colori sugli abiti lasciati volutamente di un bianco candore. Ultimi posti disponibili al prezzo di 10 euro, contattando la Biblioteca civica di Casarsa, telefono 0434 873981

"Festa ossia Rappresentazione chiamata
Paradiso che fece fare il signor Ludovico in lode della
Duchessa di Milano, e così chiamasi, perché vi era
fabbricato con un grande ingegno ed arte di Maestro
Leonardo da Vinci fiorentino il Paradiso con tutte le
sfere, pianeti che giravano, ed i pianeti erano rappresentati
da uomini nella forma ed abito che si descrivono
dai poeti, e tutti parlavano in lume della anzidetta
Duchessa Isabella”.

Una produzione Wunderkammer - Viva comix in collaborazione con la civica scuola di musica Claudio Abbado e il festival estense di musica antica “Grandezze & Meraviglie”. Da un’idea di Andrea Lausi e Paola Erdas. Regia e coreografia di Ilaria Sainato. Drammaturgia di Paola Bristot. Direzione musicale di Claudia Caffagni. Elaborazione testi di Matteo Zenatti. Video animazione di Igor Imhoff. Musica antica laReverdie. Regia luci di Carlo Villa.

 


Copyright © 2009-2020 QUBI' Editore
Riproduzione riservata

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.