cibo, vino e quantobasta per essere felici

Acquista la copia digitale!

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, ti informiamo che questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Il cibo è cultura con Gusti di Frontiera

A precedere l’apertura ufficiale del Salotto del gusto nell'ambito di Gusti di Frontiera 2019 mercoledì 18 settembre, dalle 9.00 nella Sala del Conte del Castello di Gorizia è in programma un workshop aperto a tutti a ingresso libero sul tema dell'imprenditorialità eno-gastronomica. “Il cibo è cultura” - questo il titolo propone un focus sui protagonisti locali dell'agroalimentare e del vitivinicolo. Presenti imprenditori e produttori locali (tra cui Il Consorzio Collio, l'Associazione Rosa di Gorizia, Goriziana Caffé, Orto in Tasca, Panificio Jordan e Molino Tuzzi, PizzaMagic, Ciemme Liquori, Strada del Vino e dei Sapori, Sodexo, Ardiss, Apro, IAL, Ad Formandum) che presenteranno la loro case history per spiegare come cibo e vino rappresentino a tutti gli effetti un patrimonio culturale.

Il confronto, moderato dal direttore del settimanale Il Friuli, prevede anche la presenza di giornalisti di settore, opinion maker, che insieme si confronteranno su una serie di linee tematiche, tendenze e orientamenti con focus sulle materie prime e qualità, tradizione e innovazione; ospitalità e prodotto del territorio, packaging come veicolo di identità e territorio, sicurezza e conservazione. Presenti anche scuole e Istituti professionali, l’Agenzia Regionale per il diritto allo studio per creare un link tra i giovani e l’imprenditoria locale dell’agroalimentare e vitivinicola e avviare lo sviluppo di programmi formativi, progetti e iniziative utili anche nella prospettiva della candidatura Nova Gorica/Gorizia capitale europea della Cultura 2025.

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

Informazioni