cibo, vino e quantobasta per essere felici

Il Carso nuovo libro di testi e immagini

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1


Un tuffo in un mondo magico. Un inno al Carso e alle sue innumerevoli meraviglie naturali, storiche e culturali. Un volume che intreccia testo e fotografie, anche se concede di più a queste ultime.  “Il Carso” di Andrea Bellavite e Massimo Crivellari (Leg edizioni, 2015). Pagine di vedute sul mare, sui campi fioriti, sulle rocce incise si alternano alle riflessioni di Bellavite sul rapporto tra l’uomo e la natura, sulla edificazione dei luoghi sacri dalla notte dei tempi, sul lavoro dell’uomo. Fotografie e testi passano in rassegna il microcosmo Carso dove predominano gli elementi pietra, acqua e vegetazione. Si alternano le mani di contadini intenti a produrre vino, formaggio, foraggi, insomma vita e la vita stessa attraverso le molteplici espressioni della natura: animali, fiori, stagni. Lw immagini delle abitazioni in pietra dove l’uomo e la natura si sono dati la mano, o le esplosioni di vita durante il Carnevale. Ma anche le trincee, le gallerie, i cippi per ricordare che il Carso non è stato sempre un luogo di pace.


Questo libro Non è una guida, non riporta itinerari, ma è un omaggio poetico al territorio. Il Monte San Michele, il “sas” del San Belin, Doberdò, la rocca, il Timavo, ma anche la costiera, i paesi sloveni, la Val Rosandra, insomma il paesaggio che ci avvolge e ci protegge in 260 pagine di emozioni e di suggestioni.


Presentazioni giovedì 10 dicembre 2015 alle 18 alla Libreria Leg a Gorizia e venerdì 11 dicembre sempre alle 18 alla Libreria Ubik Rinascita di Monfalcone. A Gorizia insieme agli autori intervengono il poeta sloveno Ciril Zlobec e il giornalista Roberto Covaz. Letture di Pierluigi Pintar. A Monfalcone saranno presenti il direttore della Biblioteca Guarneriana di San Daniele del Friuli, Angelo Floramo e il giornalista monfalconese Roberto Covaz. Letture a cura di Katia Marioni.


Copyright © 2009-2021 QUBI' Editore
Riproduzione riservata

Stampa questo articolo

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.