cibo, vino e quantobasta per essere felici

Acquista la copia digitale!

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, ti informiamo che questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Friuli Doc 2013: edizione dedicata al formaggio

La XVIII edizione di Friuli doc, in programma dal 13 al 16 settembre, sarà dedicata al formaggio: Oltre 100 stand e altrettanti eventi

Se fino ad ora la kermesse presentava, di edizione in edizione, una determinata area geografica ed enogastronomica della regione, d’ora in avanti Friuli Doc sarà dedicato a un diverso prodotto tipico per ciascuna edizione. Protagonista di quest’anno zero sarà il formaggio, una delle prelibatezze che maggiormente arricchiscono il panorama gastronomico regionale. Proprio ai prodotti caseari saranno dedicati convegni, degustazioni e incontri per approfondirne le peculiarità e le caratteristiche tipiche. Tra le novità di quest’anno, spiccano gli “show cooking” di Daniele

Persegani, sei appuntamenti all’insegna della cucina condotti e p Salva roposti in corte Morpurgo dallo chef emiliano affiancato dalla conduttrice friulana doc Franca Rizzi. I due, noti volti televisivi del programma “Casa Alice” su Alice Tv, si cimenteranno, insieme con il pubblico, tra i fornelli di  Friuli Doc. Una vera e propria cucina, allestita grazie ad Electrolux, infatti, verrà montata nella suggestiva cornice della corte in via Savorgnana, sotto un’elegante struttura coperta che accoglierà il pubblico presente.

 

Come sempre sono numerosi i partner della manifestazione tra cui Regione, Provincia, Ersa, Università, Camera di commercio di Udine, Confartigianato Udine, Ssm, Saf, Amga, Trenitalia e Ferrovie Udine-Cividale. Alla presentazione della nuova edizione della kermesse, svoltasi oggi 6 settembre a palazzo D’Aronco, erano presenti, tra gli altri, l’assessore regionale alle risorse rurali, agroalimentari e forestali Claudio Violino, il vicepresidente della Provincia di Udine Daniele Macorich, il presidente della Confartigianato di Udine Mauro Damiani, il presidente della Confcommercio di Udine Giuseppe Pavan e il rettore dell’università di Udine Cristiana Compagno.

Musica e divertimento. Nel corso dei quattro giorni di manifestazione si esibiranno oltre 500 artisti per un centinaio di eventi in programma, a cui si aggiungeranno numerose attività di animazione itinerante per bambini. Sulla scia del successo degli scorsi anni, inoltre, anche in questa edizione è confermato il grande concerto finale con l’esibizione, domenica 16 settembre alle 21 in piazza Libertà, della Abbey Town Jazz Orchestra e del sassofonista e cantante Ray Gelato, diretti dal Maestro americano Kyle Gregory, per un grande spettacolo swing, jive e boogie.

L’inaugurazione. Il taglio del nastro che aprirà ufficialmente la kermesse è in programma per giovedì 13 settembre alle 17.30 in piazza Libertà. A scandire l’evento saranno le note suonate dalla Fanfara della Julia, eccezionalmente presente per il momento clou che apre le porte della rassegna al pubblico regionale. Speaker ufficiale sarà Martina Riva. Sarà lei a presentare il testimonial di quest’anno, Dino Zoff, e le autorità locali, con il sindaco della città Furio Honsell a fare gli onori di casa.

“Friuli Doc resta un evento cardine dell’attività turistica e promozionale di Udine a beneficio di tutto il Friuli – sottolinea il sindaco di Udine Furio Honsell –. Dopo quasi 20 anni di attività la manifestazione continua a fare scuola e a confermare il ruolo di vetrina delle specialità enogastronomiche e artigianali riuscendo anche a innovarsi negli spazi, nei tempi e nelle modalità di coinvolgimento della città”. Anche quest’anno la kermesse presenta diverse novità. “In particolare valorizzeremo nuovi spazi della città, come piazza Garibaldi e Largo Ospedale Vecchio – spiega il primo cittadino – e proporremo una formula legata a un prodotto tipico più che a un luogo. Daremo inoltre sempre più spinta alla presenza dell’artigianato, che coniugando arte e tecnologia riesce a esprimere perfettamente i valori e la cultura del nostro territorio. Quest’anno, infine, abbiamo voluto marcare la differenza tra eventi più brevi e legati a una fruizione notturna, come la Notte Bianca, e Friuli Doc, che promuove la cultura della qualità enogastronomica, contrastando derive e abusi anche con una più attenta e precisa regolamentazione degli orari”.

Un approccio condiviso anche dall’assessore al Turismo e alle Attività Economiche Vincenzo Martines. “Arrivati al traguardo della XVIII edizione Friuli Doc inizia a diventare un’iniziativa storica della città – dichiara Martines –. Come abbiamo visto anche nelle ultime settimane è un evento che crea sempre dibattito, come è giusto che sia per una manifestazione di questa importanza, che al di là di tutto continua a essere soprattutto una vetrina dei produttori e per i produttori di qualità della nostra regione. Questo è il motivo per cui Friuli Doc continua a esistere e  per cui potrà continuare ad avere un futuro”.

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

Informazioni