cibo, vino e quantobasta per essere felici

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, ti informiamo che questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Festeggiamenti di San Biagio a Udine

I biscotti di San BiagioI biscotti di San Biagio

I riti e i festeggiamenti dedicati a San Biagio, che per tradizione secolare a Udine si svolgevano nella chiesa di S. Maria di Castello, ora chiusa per restauro, per il 2018 si rinnovano nel Museo del Duomo e nella Parrocchia di Santa Maria Annunziata. Nelle giornate del 2 e 3 febbraio il programma è imperniato sul rito religioso della benedizione della gola oltre a quello della  devozione alle opere provenienti da S. Maria di Castello, temporaneamente esposte accanto alla restaurata scultura lignea rinascimentale raffigurante S. Biagio benedicente. Un'occasione per conoscerle da vicino in relazione al periodo artistico e storico e ai progetti di restauro. 

Venerdì 2 febbraio alle ore 17.30 nel coro jemale (sagrestia della cattedrale) Paolo Casadio, storico dell'arte e già funzionario della Soprintendenza, tratterà il tema Gli affreschi Arcoloniani nel Rinascimento friulano, dipinti significativi e scoperti solo nel 2001 che occupano la sala superiore del museo, quali fonte esclusiva, poichè recano la raffigurazione della più antica veduta di Udine con l'immagine del castello medievale. Sono lo sfondo dell'esposizione dedicata dal luglio scorso alla scultura lignea restaurata del San Biagio benedicente proveniente da S. Maria di Castello e alle opere in deposito temporaneo in luogo alla chiusura per restauro. Tra esse la Dormitio Virginis, manufatto ligneo pregevole e di misteriosa attribuzione, fin qui assegnata al periodo tra il secolo XIV e il XV. Per quest'opera la Parrocchia ha già preparato di concerto con la Soprintendenza un progetto di restauro per il suo recupero e che sarà illustrato nelle sue parti. La volontà di poter giungere a un suo recupero è molto sentita e sono state svolte indagini diagnostiche molto importanti grazie alla collaborazione della Dott.ssa Camilla Barbiani e al sostegno dell' IDR Imago - Istituto di Diagnostica Radiologica- presso la cui sede si sono tenute le analisi per la preparazione del progetto. Questo argomento sarà trattato sabato 3 febbraio alle ore 11,. sempre nel coro jemale (sagrestia della cattedrale), con un intervento di Maria Beatrice Bertone (direttore del Museo del Duomo e la Storica dell'Arte Lucia Sartor: La Dormitio Virginis tra le sculture di S. Maria di Castello. Iconografia e fascino prima del restauro, che successivamente accompagneranno gli ospiti anche nella visita.
E' necessaria la prenotazione inviando una e-mail a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Al termine degli eventi e delle SS. Messe non mancheranno i tradizionali biscotti di San Biagio per ricordo!
Il rito della Benedizione della gola, di cui S. Biagio è protettore, si terrà al termine delle SS. Messe del 3 febbraio alle 10.00 nella Chiesa di S. Giacomo e alle 15.00 nella Chiesa della B. V. della Purità. Dalle 16.00 visita all'esposizione nel Museo del Duomo. 

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

Gli articoli più letti degli ultimi sette giorni:
(questa finestra si chiuderà automaticamente entro 10 secondi)