fbpx
cibo, vino e quantobasta per essere felici

Open day al Museo del Balsamico tradizionale che compie 20 anni

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1

 l'Acetaia del Museo e della Consorteria, nel sottotetto di Villa Fabriani a Spilamberto l'Acetaia del Museo e della Consorteria, nel sottotetto di Villa Fabriani a Spilamberto
Museo del Balsamico Tradizionale. Era il 24 novembre 2002 quando veniva inaugurato a Spilamberto il Museo del Balsamico Tradizionale. In questi 20 anni il Museo si è fatto conoscere in tutto il mondo ed è stato visitato da oltre 140mila persone, di cui il 40% straniere. Oggi propone un percorso di visita rinnovato e interattivo, pensato per coinvolgere i più giovani. Domenica 27 novembre 2022 l'ingresso sarà gratuito per tutti: oltre al Museo sarà possibile visitare anche l'Acetaia e degustare il Balsamico Tradizionale con la guida dei Maestri della Consorteria

Un piccolo museo di provincia dedicato a un prodotto unico al mondo, che ha raggiunto risultati sorprendenti. "L'apertura del Museo fu una grande innovazione - spiega il Gran Maestro della Consorteria Maurizio Fini - il pubblico veniva, e viene tuttora, accolto nel museo e nella sua acetaia come in casa di amici e qui ha potuto finalmente toccare con mano e partecipare alla nascita di un prodotto unico. Questa fu un'azione pionieristica, che ha poi motivato altre acetaie ad accogliere cultori e appassionati.

Il Museo è cresciuto costantemente grazie all'ampliamento degli orari e dell'offerta, ma soprattutto grazie alle tante collaborazioni con le realtà culturali ed enogastronomiche del territorio, come il Museo Casa Artusi di Forlimpopoli, ambasciatore del nostro Balsamico Tradizionale nelle loro trasferte, e gli Ecomusei della Regione Emilia Romagna. Nel 2010, poi, è arrivato il riconoscimento di Museo di Qualità da parte dell'Istituto per i Beni Artistici e Culturali e Naturali dell'Emilia Romagna. Ma rimane ancora tanto da fare per portare la tradizione del Balsamico nel futuro e nel mondo: è per questo che abbiamo intrapreso il percorso affinchè la cultura del Balsamico venga riconosciuta come patrimonio immateriale Unesco".
open day:  dalle 10.30 alle 17.30 l'ingresso al Museo è gratuito. Sarà possibile anche visitare l'Acetaia e partecipare a degustazioni guidate di Balsamico Tradizionale, insieme ai maestri della Consorteria. Verranno coinvolti anche i più piccoli, con laboratori pensati appositamente per i bambini, dalle 11 alle 13 e dalle 15 alle 17 (su prenotazione allo 059.781614).


Copyright © 2009-2022 QUBI' Editore
Riproduzione riservata

Stampa questo articolo