cibo, vino e quantobasta per essere felici

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, ti informiamo che questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Despar è al fianco d’associazione Azzurra – Burlo Garofolo e dei bambini con malattie rare

Nei supermercati Eurospar e Interspar in Triveneto ed Emilia Romagna con la tradizionale cesta natalizia in Friuli Venezia Giulia, Despar è al fianco d’associazione Azzurra – Burlo Garofolo e dei bambini con malattie rare. L’Iniziativa è a sostegno delle attività dell’associazione che da 20 anni sostiene la ricerca a favore della diagnosi e della cura di malattie rare. Ritorna dunque anche per le festività del 2019 la vendita delle ceste natalizie “Questo Natale regala la Speranza”, la tradizionale iniziativa di Despar creata nel 2015 per un progetto benefico; nel primo anno era stato sviluppato solo in Veneto per poi essere allargato alle quattro regioni dove Aspiag Service è concessionaria per il marchio dell’abete (Trentino Alto Adige, Veneto, Friuli Venezia Giulia ed Emilia Romagna). In tutte le filiali Eurospar e Interspar, a partire già dagli ultimi giorni di novembre, saranno poste in vendita quasi 3.000 ceste natalizie a un prezzo di 19.90 euro ciascuna, con all’interno 10 prodotti enogastronomici intonati alle festività del Natale. Lo scorso anno l’iniziativa ha fruttato oltre 50 mila euro, devoluti all’Associazione Italiana Sclerosi Multipla; per il 2019 l’intero ricavato sarà ripartito a quattro diverse organizzazioni, una per territorio. In Friuli Venezia Giulia il ricavato della vendita delle strenne natalizie andrà all’associazione Azzurra, che dal 2000 opera all’interno del “Burlo Garofolo” per sostenere, a livello regionale, la ricerca a favore della diagnosi e cura delle malattie rare. Negli anni ha sostenuto molte attività a favore delle famiglie e dei bambini ammalati su tutta la regione, ha acquistato strumentazione tecnica di grande importanza e ha svolto una costante attività di informazione e sensibilizzazione sul tema delle malattie rare, anche grazie ai contributi raccolti per la ricerca e lo sviluppo di tali iniziative.

"Con questa iniziativa - ha dichiarato il Vicepresidente della Regione FVG Riccardi a margine della conferenza stampa svoltasi il 26 novembre 2019 nella sede della regione FVG a Udine  - si concretizza l'incrocio fondamentale fra due attori sociali che possono dare un sostegno importantissimo al ruolo delle istituzioni che garantiscono il sistema della salute: ovvero il privato e il volontariato. L'armonizzazione dei rapporti fra questi soggetti crea quel circolo virtuoso che non solo crea un valore economico che viene messo a disposizione del sistema salute. Ma consolida la coesione sociale coinvolgendo tutti in una buona azione. Quindi grazie Azzurra e brava Aspiag". “Ringraziamo Despar, promotrice di questa meravigliosa iniziativa dai molteplici risvolti etici e morali, oltre che dalle importanti ricadute sul piano economico”, ha sottolineato Alfredo Sidari, Presidente dell’associazione Azzurra Onlus. “Il ricavato delle vendite che verrà devoluto alla nostra Associazione Azzurra Onlus servirà per finanziare ore di assistenza infermieristica a domicilio, in grado di sostituire i genitori dei bambini ammalati per un certo numero di ore settimanali, nell’ottica della piena collaborazione e integrazione tra sanità, volontariato e aziende presenti sul territorio regionale. Ringraziamo Despar, promotrice di questa meravigliosa iniziativa dai molteplici risvolti etici e morali, oltre che dalle importanti ricadute sul piano economico. La proposta di Despar", aggiunge il Presidente di Azzurra Onlus “ci permetterà inoltre di incontrare moltissime persone per sensibilizzarle sul tema delle cure palliative pediatriche e dell’assistenza ai bambini affetti da malattie croniche, inguaribili o a rischio di vita, con bisogni complessi, e alle loro famiglie. Questi bambini necessitano infatti di elevata intensità assistenziale anche a domicilio, e i genitori, in particolare le mamme, spesso non hanno il tempo da dedicare ad altri figli o a loro stessi o alla vita di coppia. E’ fondamentale offrire a queste famiglie la possibilità di godere del proprio tempo, per rispondere ai loro bisogni e garantire la qualità di vita nonostante la malattia”.


L'attività rientra nell’ambito delle iniziative che vede quotidianamente impegnata l’Azienda Despar a fornire un concreto sostegno al territorio in cui opera con i suoi punti vendita, in perfetta linea con i programmi per la realizzazione della responsabilità sociale d’Impresa. “Per noi di Despar si tratta di un’attività ormai tradizionale, che vede impegnata l’intera organizzazione aziendale”, spiega Fabio Donà, Direttore Marketing Despar. “Come azienda, siamo consapevoli di avere un importante ruolo sociale e siamo onorati di poterlo esercitare affiancando una realtà importante e vicina alle persone come quella di Azzurra – Burlo Garofolo. E’ una delle iniziative attraverso cui noi di Despar, tutti i giorni, nei territori in cui opera la nostra azienda, esercitiamo quella responsabilità sociale d’impresa che sentiamo forte in ciò che facciamo. La vera differenza in questa iniziativa, però, la faranno le persone che vengono a farci visita nei nostri punti di vendita, con la loro generosità; nell’acquisto di una strenna di Natale, che diventa così un dono nel dono”.


Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.