cibo, vino e quantobasta per essere felici

Acquista la copia digitale!

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, ti informiamo che questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Concerti devotionali per Paschalia 2016 Abbazia di Rosazzo


Nell'ambito del progetto Paschalia 2016 il tradizionale Concerto di Pasqua, organizzato dalla Fondazione Abbazia di Rosazzo, si svolgerà domenica 10 aprile alle 16 presso la chiesa di San Pietro Apostolo all'Abbazia di Rosazzo (Manzano-UD).  La millenaria Abbazia ospiterà il Coro “Vincenzo Ruffo” di Cervignano del Friuli, diretto dal Maestro Davide Pitis,  con l’accompagnamento di Valentina Salucci all’organo, Mauro Pestel alla chitarra e Giuseppe Mini alla tromba.

Il programma del concerto in Abbazia di Rosazzo prevede cinque parti. Nella prima parte, con coro ridotto, ci sarà l’esecuzione di QUEM ETHERA ET TERRA (Discanto Aquileiese  arm. Da M. Sofianopulo), AD CANTUM LETICIE (Discanto Aquileiese  arm. Da M. Sofianopulo), DE LA CRUDEL MORTE DE CRISTO (Laudario da Cortona), accompagnato da chitarra, MAGDALENA (Laudario da Cortona) accompagnato da chitarra, TEMPO GIOCUNDISSIMO (Petrus Hedus) – “Capretto”, EXAUDI DEUS  (G. Croce). Nella seconda parte, strumentale, saranno eseguiti brani strumentali rinascimentali con organo e tromba. Nella terza parte, con coro a cappella (dagli inediti “Officia Ebdomadae Sanctae”), saranno proposti ECCE VIDIMUS EUM (V. Ruffo), VINEA MEA ELECTA (V. Ruffo), TENEBRAE FACTAE SUNT (V. Ruffo), e CHRISTUS FACTUS EST (M. Asola). La quarta parte prevede brani strumentali rinascimentali con organo e tromba. Infine la quanta e ultima parte, a coro e organi, prevede PIE IESU (B. Cordans), ADORO TE DEVOTE (J. Tomadini).
Ingresso libero.

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

Informazioni