cibo, vino e quantobasta per essere felici

Battiston il nuovo Casanova

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1

Battiston vince il Premio Casanova 2019Battiston vince il Premio Casanova 2019

SONO DISPONIBILI 20 INVITI GRATUITI PER IL PUBBLICO: DETTAGLI SUL SITO.  Va all’attore Giuseppe Battiston il Premio Casanova 2019, “per essere stato un formidabile ambasciatore del Friuli Venezia Giulia attraverso scelte e performance attoriali intense e appassionate. Per aver restituito personaggi, luoghi e il sentire di questo piccolo ‘compendio dell’universo’ attraverso una cifra stilistica personale, inconfondibile e seducente, intessuta di sapida leggerezza e di profonda empatia per l’anima umano. Per aver spesso valorizzato, con le sue interpretazioni, la sana cultura del vino come strumento di socializzazione e convivialità”. Classe 1968, Giuseppe Battiston è senz’altro uno degli attori più amati, e più rappresentativi del cinema italiano contemporaneo. Ancora una volta, dunque, la seduzione - questa volta in rapporto al teatro e al grande schermo - è al centro del Premio Giacomo Casanova, promosso dall’Associazione culturale Amici di Giacomo Casanova con l’Azienda Castello di Spessa. Il riconoscimento sarà consegnato a Giuseppe Battiston venerdì 12 luglio, a Capriva del Friuli, in occasione della 17^ Serata Casanova che prenderà il via alle 20.30. L’artista, introdotto dal critico cinematografico Gian Paolo Polesini sarà premiato dal presidente di Castello di Spessa Loretto Pali. Noi di qbquantobasta saremo in prima fila per relazionarvi su tutti i dettagli della serata. 

Statua del Casanova al Castello di SpessaStatua del Casanova al Castello di Spessa
La novità è che 17^ edizione del Premio Casanova si apre al pubblico, che potrà partecipare con inviti gratuiti sino a esaurimento: i dettagli QUI
Gli invitati assisteranno all’intera serata, condotta dalla giornalista Sabrina Vidon: prima delle fasi di premiazione è prevista una conversazione legata ai temi dell’agroalimentare e della sostenibilità: “Vino e clima: la sfida e la seduzione della sostenibilità” è il filo rosso della conversazione che coinvolgerà due veri luminari, il Premio Nobel Filippo Giorgi, climatologo di fama mondiale, impegnato nel pool di scienziati al fianco di Al Gore per le ricerche che nel 2007 furono insignite del Nobel per la Pace; e il docente e storico dell’enologia Attilio Scienza, fra i maggiori esperti mondiali di viticoltura, autore del saggio Sperling&Kupfer “La stirpe del vino”, firmato con Serena Imazio. Con i relatori converserà “Doctor Wine” Daniele Cernilli, una delle personalità più influenti in ambito enologico. A inizio serata è prevista anche l’introduzione musicale del pluripremiato Quartetto d’Archi Pezzè, composto da Nicola Mansutti e Lucia Clonfero violino, Elena Allegretto viola e Mara Grion violoncello, con il soprano Giulia della Peruta.
Giacomo Casanova fu “uomo di una multilateralità stupefacente per noi moderni” (Hermann Hesse): il Premio Casanova ricorda e celebra il suo passaggio al Castello di Spessa, dove Casanova soggiornò per un paio di mesi nell'autunno 1773, consegnando memoria di quell'esperienza nell' Histoire de ma vie.

 

 


Copyright © 2009-2020 QUBI' Editore
Riproduzione riservata

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.