cibo, vino e quantobasta per essere felici

Alla musica il Premio Casanova 2014

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1

Il Premio Giacomo Casanova 2014 dedicato alla musica In scena nel Parco del Castello di Spessa “Sogno di una notte di mezza estate” di William Shakespeare con musiche di Felix Mendelssohn-Bartholdy atteso appuntamento del Piccolo FestivalFVG. Dopo la letteratura, il cinema, la lirica, il teatro, il Premio  Giacomo  Casanova - giunto alla sua dodicesima  edizione - viene dedicato quest’anno alla musica e sarà assegnato a un protagonista della cultura che si è particolarmente distinto in Italia e all’estero. Promosso  dall’Associazione culturale Amici di Giacomo Casanova, dall’Az. Castello di Spessa e dalla Banca Popolare di Cividale, verrà assegnato il 4 luglio al Castello di Spessa di Capriva del Friuli, che dal 2003 fa da cornice al Premio dedicato a Giacomo Casanova, che vi soggiornò nel 1773, e ne apprezzò grandemente i vini, definendoli di “qualità eccellente”. E proprio con una  Magnum Casanova Pinot Nero (prezioso vino che il Castello di Spessa ha dedicato al suo illustre ospite) sarà simbolicamente premiato il vincitore, alla presenza dei Gotha dell’enologia italiana. Tutta alla musica  sarà dedicata la serata del Premio, che prenderà il via alle 20.30, e vedrà in scena nel parco del Castello il “Sogno di una notte di mezza estate” di William Shakespeare con musiche di Felix Mendelssohn-Bartholdy. Produzione e allestimento  del Piccolo Festival FVG, la cui direzione artistica è curata da Gabriele Ribis. Un’inedita prova attoriale con Maria Sole Mansutti e Luciano Roman, entrambi attori friulani conosciuti per la loro presenza sullo schermo televisivo e cinematografico; per la parte musicalel‘Orchestra dell’Accademia Musicale di Schio (Vicenza), il Piccolo Coro Artemia di Torviscosa diretto dal M° Denis Monte, il soprano Yasko Fujii e Cecilia Bernini, mezzosoprano, insieme al direttore d’orchestra Eddi De Nadai.


Copyright © 2009-2020 QUBI' Editore
Riproduzione riservata

Stampa questo articolo

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.