cibo, vino e quantobasta per essere felici

Agape dei sardoni barcolani

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1

Grande successo per l'Agape dei sardòni barcolani che il Ducato dei Vini Friulani ha organizzato il 21 luglio 2017 al Pavillon di Porto Piccolo a Sistiana. Oltre 60 i partecipanti. Atmosfera da vacanza con un affaccio strepitoso sul golfo di Trieste. Protagoniste del menu alici o acciughe che dir si voglia. Cioè sardòni.  Per capirci, Engraulis encrasicholus. In area giuliana il sardòn batte decisamente la sardella (sardèla) un popolarità. Poichè si è notata una certa approssimazione nella conoscenza ittica specifica, vi ricordiamo che alice e sardella sono due specie che appartengono a famiglie diverse e hanno un aspetto decisamente differente. L’acciuga ha corpo allungato e snello, privo della cresta ventrale di scaglie rigide presente nella sardina, la colorazione è argentea sui fianchi e biancastra sul ventre, il dorso è verde-azzurro. Si tratta di un tipico pesce pelagico (cioè che nuota o si fa trasportare e si appoggia solo occasionalmente al substrato) che si può trovare anche a grande distanza dalle coste a cui si avvicina nei mesi di maggio e giugno per la riproduzione. Esattamente come fanno i sardòni barcolani che in questi mesi affollano il golfo di Trieste. Quindi non fatevi trarre in inganno (vale per i non triestini): il sardòn è più piccolo della sardella. E quello a pasta bianca, barcolano, è insuperabile in cucina. 


Copyright © 2009-2020 QUBI' Editore
Riproduzione riservata

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.