cibo, vino e quantobasta per essere felici

Acquista la copia digitale!

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, ti informiamo che questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

A San Vito al Tagliamento la Dirindina

Venerdì 13 luglio 2018 si chiude il Piccolo Opera festival FVG ideata dal baritono Gabriele Ribis. Appuntamento alle 21 al Teatro Arrigoni di San Vito al Tagliamento con  “La cantata del caffè” di J.S.Bach e “La Dirindina” di Domenico Scarlatti. Si tratta di una produzione d’opera in versione “da salotto” realizzata in collaborazione con Opera Studio School di Bologna che prevede due intermezzi barocchi: una sorta di carosello con scenette divertenti e di spiccata quotidianità. Un inedito abbinamento legato dal tema del capriccio delle due protagoniste femminili. Liesgen, interpretata dal soprano messicano Mariana Valdés nel primo caso, è “incapricciata” del caffè e Dirindina nel secondo (con la voce del mezzosoprano giapponese Mae Hayashi) che si “incapriccia” per la carriera da cantante. La regia è firmata da Bruno Praticò e la direzione musicale da Eddi De Nadai.

La tradizione musicale sanvitese è strettamente legata alla nascita del’Opera. L’Antico Teatro Sociale, restaurato una decina di anni or sono e dedicato alla memoria di Gian Giacomo Arrigoni, ne è la testimonianza più tangibile. Il musicista sanvitese documentato a Venezia e a Vienna nella prima metà del ‘600 è uno dei primi, se non il primo a comporre concerti da camera vocali. 

 

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

Informazioni