cibo, vino e quantobasta per essere felici

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Tra il 20 e il 21 gennaio eclisse totale di luna

Tra la notte inoltrata di domenica 20 e l’alba di lunedì 21 gennaio 2019 si verificherà un’eclisse totale di Luna. Alle 4 e mezza di mattina di lunedì 21 la Luna piena si immergerà lentamente nel cono d’ombra proiettato dalla Terra illuminata dal Sole, venendo completamente eclissata dalle 5:41 alle 6:43. L’eclisse totale di Luna è sempre un evento spettacolare, ma dall’Italia la sua visione sarà disturbata”dall’orario antelucano. All'inizio la Luna sarà a 30 gradi di altezza sull’orizzonte in direzione Ovest, ma successivamente, tramontando, verrà indebolita dai bassi strati dell’atmosfera terrestre e il cielo comincerà a schiarirsi nell’ultima fase della totalità.
Se sarà sereno l’eclisse sarà comunque visibile a occhio nudo, ma un’osservazione al binocolo o al telescopio permetterà di apprezzare l’avanzare dell’ombra terrestre sulla superficie lunare e di scorgere la Luna anche al massimo dell’eclisse, alle ore 6:12. Durante la totalità, sebbene non riceverà più la luce diretta del Sole, la Luna assumerà una tonalità rossastra, più o meno cupa, dovuta ai raggi rifratti dall’atmosfera terrestre e privati dalle frequenze del blu, che vengono disperse a colorare il nostro cielo.
La prossima eclisse totale di Luna completamente visibile dall’Italia in tutte le sue fasi si verificherà appena il 20 dicembre 2029. 
Lunedì mattina in cielo brilleranno anche i pianeti Venere e Giove, a Est, un giorno prima della loro “congiunzione”, ovvero la minima distanza apparente sulla Volta Celeste. Per tutti gli appassionati, che non temono l’alzataccia, l’osservatorio astronomico di Farra d’Isonzo (GO) metterà a disposizione i suoi telescopi per osservare il fenomeno a partire dalle 4:30 del mattino di lunedì 21 gennaio, condizioni meteorologiche permettendo. Per partecipare è sufficiente associarsi al circolo astronomico: le categorie di iscrizione per il 2019 rimangono quella di "socio visitatore", tessera annuale del costo di 10 euro, e "socio junior", del costo di 5 euro, pensata per gli studenti (per informazioni, telefonare in osservatorio, dopo le 21, allo 0481 888540).G

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

Informazioni