cibo, vino e quantobasta per essere felici

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

ArtinVilla a Villa Dora

Il 17 febbraio 2018 alle 20.30, a Villa Dora nel comune di San Giorgio di Nogaro andrà in scena lo spettacolo “Doppia visione”, di e con Federica Sansevero, una performance interattiva, con musica dal vivo e maschere, che s’ispira alla vita e alle opere dei poeti Ted Hughes e Sylvia Plath. La forza espressiva di uno spettacolo dal vivo, interdisciplinare e interattivo (teatro, musica, danza) si  intreccerà con i luoghi e le storie locali. Al termine della performance, lo storico Stefano Perini cercherà di intrecciare i temi proposti con i racconti e la storia della villa. Villa Dora, complesso storico-architettonico, sede della biblioteca comunale, nel cuore storico del paese, di fronte a uno dei simboli di riferimento della comunità: l’antica chiesa dell’Addolorata, fu costruita alla fine del XVII secolo, come risulta da antiche mappe conservate nell'archivio storico di Gorizia, ed era proprietà della famiglia dei conti Novelli. Agli inizi dell'Ottocento fu ereditata dalla famiglia dei baroni Andriani, che hanno apportato profonde trasformazioni all'edificio. Dopo essere passata alla famiglia dell'ammiraglio Canciani, agli inizi del Novecento, la villa è stata abitata da diverse famiglie, fino all'acquisto, negli anni Novanta, da parte dell'amministrazione comunale, che ha voluto ristrutturare l'edificio per farne la nuova biblioteca del paese. 

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

Informazioni