cibo, vino e quantobasta per essere felici

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Alla mercè dei barbari un appuntamento lungo un anno

Da giovedì 7 dicembre 2017 ogni primo giovedì del mese fino a ottobre 2018 a Ronchis (UD)  alle 20.45 appuntamento con la lettura pubblica del libro “Alla mercè dei barbari”, dal diario di Giovanni Battista Trombetta. Le serate si svolgeranno ogni primo giovedi del mese, in luoghi sempre diversi (pubblici e privati) che verranno comunicati di volta in volta. La lettura pubblica, libera e aperta a tutta la popolazione, è un modo per conoscere un’opera letteraria di grande importanza, rispettandone, tra l’altro, anche la struttura cronologica poichè i mesi di guerra del ‘17-18 (fino al 3 novembre quando sul pone del Tagliamento si videro le biciclette dei Bersaglieri)  verranno letti nei corrispondenti mesi del 2017-’18. Le “altre storie” sono storie che, chiunque lo desideri, può leggere o raccontare: tratte da libri, dal web o semplicemente ascoltate purchè abbiano come tema conduttore il Primo Conflitto Mondiale. Chiunque fosse interessato ad ospitare una serata è pregato di comunicarlo alla Commissione Cultura del Comune di Ronchis.  G. B. Trombetta (1883-1953) nacque a Osoppo, fu parroco a Sant’Odorico di Flaibano e a Ronchis di Latisana dal 1917 al 1953.  Scrisse il più importante diario sull’occupazione austro-ungarica del Friuli, evicenziando’opera insostituibile dei parroci friulani in difesa della popolazione: solo 79 sacerdoti su 642 lasciarono il Friuli, e senza di loro molte donne, bambini e vecchi avrebbero incrementato il prezzo di quella guerra. 

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

Informazioni