cibo, vino e quantobasta per essere felici

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

L’alimentazione in Friuli nel Medioevo

Spesso quando si pensa all’alimentazione nel Medioevo i pregiudizi sono numerosi. È vero che i ricchi mangiavano solo carne e i poveri solo verdure? E le spezie, servivano davvero a coprire il sapore di carni avariate o il loro era un ruolo differente? Nell’ambito della manifestazione “Tempus est Jocundum”, l’Ecomuseo delle Acque propone una conferenza di Martina Tommasi, storica dell’alimentazione, dal titolo “L’alimentazione in Friuli nel Medioevo”. Partendo dagli antichi documenti, si scopriranno  le abitudini alimentari delle classi popolari e di quelle aristocratiche nel Friuli del XII-XIV secolo. Cosa le accomunava, e cosa le distingueva? L’incontro è in programma martedì 1 agosto 2017 alle 20.30 a  Palazzo Elti nel centro storico di Gemona. Un secondo appuntamento dal titolo “Pane e formaggio nel Friuli medievale” è in programma sempre a Gemona venerdì 11 agosto. 

Martina Tommasi, laureata in storia medievale all’Università di Trieste, è insegnante e ricercatrice free-lance e si occupa di storia orale e storia dell’alimentazione. Fra le sue pubblicazioni, il saggio Quando la politica entrò in cucina, Borderwine. I Pionieri del Vino in Friuli Venezia Giulia, interviste di Soggettività al lavoro-narrazioni di donne in “Di condizione precaria” (Eut). Come ben sanno i lettori del nostro mensile Martina Tommasi collabora anche con qbquantobasta.

 

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

Informazioni