cibo, vino e quantobasta per essere felici

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, ti informiamo che questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Torta arancia all'acqua

La torta arancia all’acqua è un dolce privo di uova, latte e burro. È leggera, umida e morbidissima, perfetta se accompagnata da una tisana nel pomeriggio o da uno yogurt per colazione. Provatela e non ve ne pentirete!

INGREDIENTI• 300 g fdi arina (mezza “00” e mezza “1”)• 200ml di succo di arancia appena spremuta• 200 ml di acqua• 120 g di zucchero integrale• 100ml di olio di semi di girasole• 1 bustina di lievito per dolci• buccia grattugiata di 1 arancia bio

PROCEDIMENTO: Preriscaldare il forno a 170 °C. In una ciotola capiente unire l’acqua tiepida al succo d’arancia e allo zucchero. Mescolare energicamente con la frusta per permettere allo zucchero di sciogliersi completamente. Aggiungere quindi l’olio e continuare a mescolare. Unire a questo punto anche la farina setacciata, la buccia dell’arancia grattugiata e il lievito setacciato fino a ottenere un composto liscio e privo di grumi. Versare il composto in una teglia da plum-cake precedentemente imburrata e infarinata. Cuocere in forno statico per circa 40 minuti facendo sempre il test dello stecchino. prima di togliere dal forno.

Ricetta pubblicata sul numero di febbraio 2020 del mensile qbquantobasta

Pizza di cavolfiore

I  puristi diranno “Questa non puoi chiamarla pizza!”. Ovviamente questa è una simpatica variante senza glutine e senza farina che nulla ha a che vedere con la classica pizza. un’ottima alternativa low carb per chi sta seguendo una dieta ipocalorica o per chi è intollerante al glutine o addirittura celiaco. Credetemi, vi sorprenderà! 

INGREDIENTI (per 1 pizza) • 300g cavolfiore (privato delle foglie) • 30g lievito alimentare in scaglie (o formaggio grattugiato) • 1 uovo intero • Curcuma in polvere • Sale e pepe q. b.

Per il condimento • 3 cucchiai di passata di pomodoro • ½ cucchiaino di concentrato di pomodoro • Olio EVO • Sale e pepe qb • 1 mozzarella di riso (o vaccina) • 1 cucchiaino di capperi • 3 pomodori secchi • Basilico fresco

PROCEDIMENTO Preriscaldare il forno a 250° lasciando una teglia al suo interno. Frullare le cimette di cavolfiore fino a ridurle in briciole. Versare le briciole di cavolfiore in una padella calda e cuocerle per una decina di minuti a fuoco medio per permettere all’acqua di evaporare. Raffreddare il composto e tenerlo da parte.In una capiente ciotola unire il lievito alimentare, l’uovo intero, il sale, il pepe e la curcuma. Mescolare molto bene e unire quindi le briciole di cavolfiore raffreddate. Mescolare nuovamente. Posizionare su un piano un foglio di carta da forno e versarvici il composto andando quindi a creare un disco e livellandolo bene per evitare cotture disomogenee (max 8mm di spessore). Una volta che il forno avrà raggiunto la temperatura, infornare la “pizza” posizionandola sulla teglia rimasta in forno (questo permetterà al cavolfiore di cuocersi più rapidamente). Cuocere per 15-20 minuti. Dovrà risultare omogeneamente dorata. Nel frattempo condire la passata di pomodoro con l’olio EVO, il sale, il pepe e il concentrato di pomodoro. Togliere la pizza dal forno e condirla con la salsa di pomodoro, la mozzarella di riso, i capperi e i pomodori secchi. Posizionarla sulla gratella del forno e cuocerla nella parte alta del forno per far sì che la mozzarella si sciolga bene. Terminare con qualche foglia di basilico e un filo di olio extravergine di oliva.

Biscottino-albero di Natale al cavolo nero

Biscottini natalizi al cavolo neroBiscottini natalizi al cavolo nero

Perfetti per l’aperitivo natalizio, questi biscotti regalano colore alla tavola imbandita e felicità ai vostri ospiti. Saporiti e friabili, i biscottini al cavolo nero conquisteranno tutti!

INGREDIENTI• 160g farina 0• 50g fecola di patate• 50g formaggio grattugiato• 90g burro freddo• 20g cavolo nero (già privato della costa centrale)• 1 uovo• sale e pepe qb

PROCEDIMENTO: Preriscaldare il forno a 180°. Sbollentare per pochi minuti le foglie di cavolo nero in abbondante acqua salata. Scolare le foglie e immergerle per qualche secondo in acqua e ghiaccio. Strizzarle bene e porle in un bicchiere per mixer ad immersione. Aggiungerere quindi l’uovo e frullare il composto fino a renderlo liscio e cremoso.

In una ciotola a parte versare la farina setacciata, la fecola e il formaggio grattugiato al quale aggiungerete anche il burro freddo tagliato a tocchetti. Il composto che otterrete risulterà granuloso. Aggiungere quindi la crema di cavolo nero preparata precedentemente, mescolare bene e trasferire l’impasto su una spianatoia lavorandolo e compattandolo per bene. Avvolgere il panetto con la pellicola per alimenti e porlo in frigo per almeno 20 minuti.

Una volta trascorso il tempo indicato, riprendere il panetto e stenderlo con un mattarello su una spianatoia leggermente infarinata fino a ottenere uno spessore di max 5mm. Con l’aiuto di uno stampino – che per l’occasione sarà natalizio – ricavare i biscotti e posizionarli su una teglia rivestita di carta forno. Infornare a 180° per 25 minuti. A cottura ultimata, sfornare e lasciare raffreddare i biscotti prima di servirli.

 

Tempeh marinato con prugne al timo

Tempeh con prugneTempeh con prugne

Il tempeh, noto anche come “carne di soia”, si ottiene dalla fermentazione dei fagioli gialli di soia. Proprio questa fermentazione permette di ottenere un prodotto più digeribile rispetto allo stesso legume consumato dopo una classica cottura in acqua. In questa ricetta l’ho associato alle prugne leggermente caramellate. Questo contrasto agrodolce mi piace particolarmente perché è lontano dal nostro uso abituale e più vicino alla cucina mediorientale. Accompagnato da due cucchiai di riso integrale, risulta un ottimo piatto unico.

INGREDIENTI• 320g tempeh affumicato • 3 prugne di media dimensione • 3 cucchiai succo di limone • 2 cucchiai zucchero integrale • mix di spezie africane • curry • aprika affumicata • timo fresco • Olio evo • Sale e pepe qb

PROCEDIMENTO:

Preparare la marinatura del tempeh con due cucchiai di succo di limone, due cucchiai di olio evo, le spezie africane, il curry e la paprika affumicata. Lasciare da parte per almeno 30minuti. Preparare a parte le prugne, tagliandole longitudinalmente. Scaldare una padella capiente e, una volta raggiunta la temperatura, versarvici le prugne. Cuocere a fuoco vivace per qualche secondo, quindi unire lo zucchero integrale. Abbassare leggermente la fiamma per permettere allo zucchero di caramellizzarsi uniformemente su ogni spicchio di prugna. Una volta assorbito tutto lo zucchero, concludere con il timo fresco e con un cucchiaio di succo di limone che evaporerà nel giro di pochissimi secondi. Preparare quindi il tempeh scaldando a parte un’altra padella capiente. Una volta calda, versare tutto il composto (tempeh+marinatura) e cuocere per circa 10 minuti. Una volta che il tempeh sarà ben rosolato, aggiungere 4 cucchiai di acqua. Lasciare cuocere per un altro minuto e unire per ultimo le prugne. Mescolare e servire caldo.

Farinata di ceci e funghi

Farinata di ceci VEGoodFarinata di ceci VEGood

 

La farinata è uno dei quei piatti che mangerei di continuo. La trovo perfetta anche come accompagnamento all'aperitivo; è un piatto semplice,veloce e di sicura riuscita. Ottima nella sua versione semplice, è versatile e personalizzabile!

INGREDIENTI:• 200g funghi misti puliti• 15g funghi secchi• 150g farina di ceci• 300ml acqua• erbe aromatiche a piacimento• 3 pomodori secchi• 1 scalogno• Olio EVO• Sale e pepe qb

PROCEDIMENTO: In una capiente ciotola versare la farina di ceci e unire a filo l’acqua mescolando accuratamente con unafrusta e facendo attenzione che non si formino dei grumi. Aggiungere il sale e mescolare fino a completo assorbimento. A parte frullare i funghi secchi, le erbe aromatiche e i pomodori secchi precedentemente asciugati fino a formare un trito molto molto fine che andrà aggiunto al composto di ceci. Fare riposare l’impasto per almeno 5 ore in frigorifero. Preriscaldare il forno a 180°.

A parte soffriggere lo scalogno con due cucchiai di olio EVO, unire i funghi freschi precedentemente tagliati fini e lasciare cuocere fintanto che risulteranno teneri. Lasciare raffreddare e unire il tutto alla pastella di ceci. Versare il composto in una teglia rivestita di carta forno abbondantemente oleata e cuocere per circa 40 minuti. Sfornare la farinata, cospargerla di sale grosso integrale e servirla tiepida.

Zuppa rustica di funghi, patate e castagne

Zuppa di funghi patate e castagne VegoodZuppa di funghi patate e castagne Vegood

Ottobre è arrivato! L’aria è più fresca, il profumo è tipico di questo particolare momento dell’anno e la voglia di gustarsi una zuppetta calda diventa sempre più intensa! Questa che vi propongo ha tutte le caratteristiche dell’autunno: morbida, densa e profumata, è già perfetta per una cenetta davanti al caminetto!

INGREDIENTI• 1 kg di patate pasta gialla• 300 g di funghi misti, puliti e tagliati a pezzi• 20 g funghi secchi• 80 g castagne già cotte• 500 ml brodo vegetale• 1 scalogno di media dimensione• 3 foglie di salvia• 2 rametti di maggiorana• Olio EVO• Sale e pepe qb

PROCEDIMENTO: In un pentolino capiente fare rinvenire i funghi secchi in abbondante acqua fredda per circa 20 minuti. Sbucciare le patate, tagliarle a cubetti e metterle da parte. In una capiente casseruola versare un filo d’olio EVO, lo scalogno finemente tritato, la salvia spezzettata, la maggiorana e cuocere per una decina di minuti. Aggiungere le patate e i funghi freschi, mescolare e cuocere per 15 minuti facendo attenzione a non fare attaccare le patate al fondo della casseruola. Una volta trascorso il tempo indicato, aggiungere nella casseruola i funghi secchi (strizzati e tagliati dopo l’ammollo di 20 minuti), 300ml di brodo vegetale e cuocere a fuoco basso per altri 20 minuti. Aggiungere le castagne sbriciolate e altro brodo se il composto dovesse risultare troppo denso. Cuocere per ulteriori 15 minuti. Terminare la zuppa aggiustando di sale, pepe e un filo d’olio EVO.

Muffin prugne e cocco al vapore

Muffin versione VEGoodMuffin versione VEGood

Il muffin al vapore è una valida alternativa VEG e light al muffin con la più classica cottura al forno. La cottura al vapore permette di ottenere un dolcetto soffice e leggero, perfetto abbinato con un bicchiere di tè freddo al limone.

INGREDIENTI• 100g farina integrale• 100g farina 0• 140g prugne private del nocciolo• 40g cocco rapé• 50g di olio di semi di girasole deodorato• 120g sciroppo di riso/agave• 120ml latte di mandorla/riso• ½ bustina di lievito per dolci

PROCEDIMENTO Per prima cosa mettere un ampio tegame sul fuoco con 5cm di acqua e portare a ebollizione. A parte, unire tutti gli ingredienti secondo questa sequenza: le due farine, il coccò rapè, l’olio di semi di girasole, lo sciroppo di riso e il latte di mandorla. Mescolare molto bene fino a ottenere un impasto liscio e omogeneo. Una volta ottenuto, unire anche le prugne precedentemente tagliate a cubetti.

Con l’aiuto di un porzionatore per gelato, versare il composto nei pirottini di carta per muffin e disporli nel cestello in bamboo per la cottura a vapore. Una volta sistemati tutti i pirottini (in un cestello ce ne stanno 6 o 7), posizionare il cestello sopra al tegame e coprirlo con il suo coperchio. Cuocere per circa 25 minuti.

Lasciarli raffreddare prima di consumarli.

 

Fusilli di mais con prugne, pecorino e noci

Amo le paste fredde in ogni stagione! Sono talmente versatili da poter essere condite con gli ingredienti più vari, in tutti iperiodi dell’anno. Questi fusilli di mais -tra le altre cose, gluten free- legano benissimo la prugna al pecorino, da sempre un valido connubio nei risotti invernali. Il pomodoro secco e il cappero chiudono il cerchio con la loro piacevole sapidità.

INGREDIENTI: *280g fusilli di mais *200g pecorino fresco *3 prugne di media dimensione *6 pomodori secchi sottolio *1 manciata di capperi sottolio *50g noci *10 foglie di basilico + ciuffi per decorare *6 cucchiai olio EVO *sale e pepe qb

PROCEDIMENTO : Cuocere in abbondante acqua salata i fusilli di mais, facendo attenzione a tenerli qualche minuto indietro di cottura. Scolarli e sciacquarli velocemente sotto l’acqua corrente fredda per evitare che si scuociano. Preparare a parte il condimento, unendo in una ciotola capiente le prugne e il pecorino tagliati a cubetti, i pomodorini secchi tagliati fini e i capperi sottolio ben sciacquati. Unire le noci tagliate grossolanamente e le foglie di basilico fresco. Unire quindi i fusilli al condimento e aggiustare di sale e pepe qb. Servire tiepida o fredda.

 

Ciambella al limone e semi di papavero

La freschezza del limone incontra il gusto particolare dei semi di papavero. Questa meravigliosa ciambella richiama gli incontri tra amiche in giardino, all'ombra fresca di un antico albero, ottima da gustare fredda assieme a un delizioso tè freddo alla menta. Se vi piacciono gli agrumi, potete sostituire il limone con arancia, lime o bergamotto.

CIAMBELLA AL LIMONE E SEMI DI PAPAVERO

Ingredienti per uno stampo da 24 cm di diametr

  • 250 g di farina di farro bianca
  • 180 g di zucchero di canna
  • 150 g di yogurt bianco senza zucchero
  • 120 g di maizena
  • 120 g di olio di semi di girasole
  • 3 cucchiai di semi di papavero
  • 3 uova intere
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • scorza grattugiata di 1 limone biologico
  • succo di mezzo limone
  • un pizzico di sale

Per la glassa

  • 100 g di formaggio fresco tipo Philadelphia
  • 50 g di zucchero a velo
  • 1 cucchiaio di succo di limone

PROCEDIMENTO

Scaldate il forno a 180° C in modalità statico. Imburrate e infarinate uno stampo da ciambella. Sgusciate la uova in una ciotola capiente e montatele con le fruste elettriche assieme allo zucchero. Unite quindi l'olio, lo yogurt, la scorza e il succo di limone. Mescolate bene. A parte miscelate le polveri: la farina, la maizena, il lievito, il sale e i semi di papavero. Unite il tutto al composto. Versate l'impasto nello stampo e cuocetelo in forno per 45 - 50 minuti. Fate la prova stecchino per controllare la cottura. Una volta pronta, sformate la ciambella e fatela raffreddare su una gratella. Montate a parte il formaggio cremoso assieme allo zucchero e al succo di limone. Versate la glassa sulla ciambella fredda e decorate con fiori freschi e semi di papavero aggiuntivi.

Spaghetti al pesto di avocado, rucola e zucchine

VEGood Spaghetti al pesto di avocado, rucola e zucchineVEGood Spaghetti al pesto di avocado, rucola e zucchine

Questo pesto è stato una vera rivelazione! Un'ottima modalità per utilizzare l’avocado un po’ maturo e difficile da tagliare a piccole fette. Perfetto con la pasta, secondo me è perfetto anche per farcire un panino in aggiunta a qualche altra verdura grigliata!

Ingredienti

  • 240g spaghetti integrali
  • 120g avocado privato di buccia e nocciolo
  • 80g zucchine già tagliate e mondate
  • 15 foglie basilico
  • 2 manciate rucola fresca
  • 1 cucchiaio succo di lime
  • 1 cucchiaio lievito alimentare in scaglie
  • 10g pinoli
  • 2-3 cubetti di ghiaccio
  • 2 cucchiai olio extravergine di oliva
  • 2 cucchiai mandorle a lamelle
  • sale e pepe qb

Preparazione

In un robot da cucina unire l’avocado pulito, le zucchine, la rucola fresca, il succo di lime, i pinoli (leggermente tostati) e il lievito alimentare.

Unire quindi anche l’olio evo, il sale, il pepe e i due cubetti di ghiaccio che manterranno vivo il colore della rucola e della zucchina, mentre il succo di lime eviterà l’ossidazione dell’avocado. Tritare il tutto fino a rendere il pesto liscio e omogeneo. Cuocere la pasta e condirla con il pesto appena fatto. Completare con qualche lamella di mandorla.

Una valida alternativa alla classica bollitura della pasta è quella della cottura “risottata”. Questa particolare tipologia di cottura permette di cuocere pasta e condimento insieme, all’interno della stessa padella.

Si procederà quindi facendo bollire in un pentolino dell’acqua calda (o brodo vegetale). A parte, in una capiente padella scaldare leggermente il pesto, unire quindi gli spaghetti e aggiungere gradatamente l’acqua bollente in modo da lasciare cuocere lentamente la pasta nel suo stesso sugo. Il risultato sarà un pasta cremosa, densa e legata perfettamente con il condimento.

Quinoa nera con piselli zucchine e menta

La ricetta è stata pubblicata sul numero di maggio 2019 del mensile qbquantobasta dove curo con passione la rubrica VEGood- Acquista qui la tua copia!

INGREDIENTI

  • 200g quinoa nera
  • 100g piselli freschi
  • 4 zucchine di medie dimensioni
  • 1 spicchio d’aglio
  • sale e pepe qb
  • Olio extra vergine di oliva
  • qualche foglia di salvia
  • un rametto di timo
  • menta fresca

PROCEDIMENTO

Sciacquare la quinoa nera sotto l’acqua corrente per qualche minuto affinché venga eliminata la saponina, una sostanza presente nel chicco che ha un sapore molto amaro. Una volta sciacquata, versare la quinoa all’interno di un bicchiere. Per ogni bicchiere di quinoa calcolare due bicchieri di acqua. Versare in una pentola la quinoa, l’acqua e mettere sul fuoco. Salare e chiudere con un coperchio fino a quando i chicchi avranno assorbito tutta l’acqua. La quinoa si cuocerà in 12-15 minuti. A parte cuocere i piselli con un filo d’olio extra vergine, la salvia e il timo.

In una terza padella scaldare un filo di olio di oliva con uno spicchio d’aglio privato dell’anima. Una volta calda, unire le zucchine precedentemente tagliate a julienne. Il tempo di cottura delle zucchine sarà molto veloce (7-10 minuti). Dovranno rimanere croccanti, saporite e non dovranno sfaldarsi. Comporre il piatto unendo la quinoa nera scolata, i pisellini cotti e le zucchine a julienne. Terminare con un filo d’olio extravergine di oliva a crudo e qualche foglia di menta spezzata. Mescolare bene e servire.

 

Gli articoli più letti degli ultimi sette giorni:
(questa finestra si chiuderà automaticamente entro 10 secondi)