fbpx
cibo, vino e quantobasta per essere felici

L'essenza della vita in una goccia di miele

ape courtesy my personal trainerape courtesy my personal trainer

Mercoledì 28 settembre 2022 alle 16.00 nella sede dell'Università della terza età in via Corti 1/1 a Trieste si potra visitare una mostra sulle api  assieme a Livio Dorigo e Tiziana Cimolino. La mostra si articola in più sotto temi che riguardano la raffigurazione dell'Ape nella storia, nonché la morfologia e fisiologia dell'insetto, il ruolo dell'ape come sentinella della biodiversità anche l'architettura dell'alveare.
Durata: circa un'ora. Consigliata a bambini e adulti che vogliono avvicinarsi al mondo dell'apicoltura.

Per info: Tiziana Cimolino cell. 3287908116

L'essenza della vita in una goccia di miele

ape courtesy my personal trainerape courtesy my personal trainer

Mercoledì 28 settembre 2022 alle 16.00 nella sede dell'Università della terza età in via Corti 1/1 a Trieste si potra visitare una mostra sulle api  assieme a Livio Dorigo e Tiziana Cimolino. La mostra si articola in più sotto temi che riguardano la raffigurazione dell'Ape nella storia, nonché la morfologia e fisiologia dell'insetto, il ruolo dell'ape come sentinella della biodiversità anche l'architettura dell'alveare.
Durata: circa un'ora. Consigliata a bambini e adulti che vogliono avvicinarsi al mondo dell'apicoltura.

Per info: Tiziana Cimolino cell. 3287908116

Duomo di Latisana: ultimo appuntamento con Musica cortese

LUCIDARIUM a LatisanaLUCIDARIUM a LatisanaSarà nel Duomo di Latisana l'ultimo appuntamento per Musica Cortese, il Festival internazionale di musica antica nei centri storici del Friuli Venezia Giulia. Giovedì 29 settembre 2022 alle 21 la 19esima edizione della rassegna promossa da Dramsam - Centro Giuliano di Musica antica si concluderà con Una festa ebraica. Dopo la prolusione “Il mito del Medioevo: di alcune vere leggende”, a cura di Riccardo Drusi, professore dell’Università Ca’ Foscari di Venezia, si esibirà Lucidarium Ensemble, con Carla Nahadi Babelegoto, Enrico Fink e Giulia Valentini (voce), Avery Gosfield (flauto e tamburo), Fabio Accurso (liuto), Élodie Poirier (nyckelarpa) e Massimiliano Dragoni (dulcimelo, percussioni).

Prima del concerto, alle 20, sarà possible partecipare a una visita guidata a cura degli “apprendisti ciceroni” dell’ISIS Mattei di Latisana. Anche questo appuntamento, come tutti gli altri di Musica Cortese, sarà a ingresso gratuito, con prenotazione consigliata scrivendo a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

LO SAPEVI? 

Durante il Rinascimento l’Italia nordorientale ospitava un grande numero di comunità ebraiche sparse sia nelle grandi città che in quelle più piccole, compresa Latisana. La maggior parte era di origine tedesca e costituiva una sottominoranza culturale di lingua yiddish. Alcune famiglie di Spilimbergo decisero di fondare una comunità ebraica a Latisana. Durante molti dei circa 150 anni della loro presenza registrata, gli ebrei residenti a Latisana godettero di privilegi solitamente non concessi altrove, fra cui il diritto di possedere e affittare proprietà o di esercitare professioni diverse da quelle solitamente permesse, come usura o vendita di stracci, medicina o musica.

Eccezionalmente, molti erano coinvolti nell’agricoltura, quindi nella coltivazione di grano, allevamento di bestiame e viticoltura, tanto che nel 1660 Latisana fu persino sede di una cooperativa agricola cristiano-ebraica. In virtù della posizione geografica strategica e del ruolo di fornitore di carne e vini kosher per la maggior parte della regione, gli ebrei di Latisana erano al corrente delle tendenze culturali delle città più grandi. Perciò quando era il momento di festeggiare, suonavano, ballavano e cantavano in modi che avrebbero avuto molto in comune con i loro correligionari delle grandi città così come con i loro vicini Gentili.

Duomo di Latisana: ultimo appuntamento con Musica cortese

LUCIDARIUM a LatisanaLUCIDARIUM a LatisanaSarà nel Duomo di Latisana l'ultimo appuntamento per Musica Cortese, il Festival internazionale di musica antica nei centri storici del Friuli Venezia Giulia. Giovedì 29 settembre 2022 alle 21 la 19esima edizione della rassegna promossa da Dramsam - Centro Giuliano di Musica antica si concluderà con Una festa ebraica. Dopo la prolusione “Il mito del Medioevo: di alcune vere leggende”, a cura di Riccardo Drusi, professore dell’Università Ca’ Foscari di Venezia, si esibirà Lucidarium Ensemble, con Carla Nahadi Babelegoto, Enrico Fink e Giulia Valentini (voce), Avery Gosfield (flauto e tamburo), Fabio Accurso (liuto), Élodie Poirier (nyckelarpa) e Massimiliano Dragoni (dulcimelo, percussioni).

Prima del concerto, alle 20, sarà possible partecipare a una visita guidata a cura degli “apprendisti ciceroni” dell’ISIS Mattei di Latisana. Anche questo appuntamento, come tutti gli altri di Musica Cortese, sarà a ingresso gratuito, con prenotazione consigliata scrivendo a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

LO SAPEVI? 

Durante il Rinascimento l’Italia nordorientale ospitava un grande numero di comunità ebraiche sparse sia nelle grandi città che in quelle più piccole, compresa Latisana. La maggior parte era di origine tedesca e costituiva una sottominoranza culturale di lingua yiddish. Alcune famiglie di Spilimbergo decisero di fondare una comunità ebraica a Latisana. Durante molti dei circa 150 anni della loro presenza registrata, gli ebrei residenti a Latisana godettero di privilegi solitamente non concessi altrove, fra cui il diritto di possedere e affittare proprietà o di esercitare professioni diverse da quelle solitamente permesse, come usura o vendita di stracci, medicina o musica.

Eccezionalmente, molti erano coinvolti nell’agricoltura, quindi nella coltivazione di grano, allevamento di bestiame e viticoltura, tanto che nel 1660 Latisana fu persino sede di una cooperativa agricola cristiano-ebraica. In virtù della posizione geografica strategica e del ruolo di fornitore di carne e vini kosher per la maggior parte della regione, gli ebrei di Latisana erano al corrente delle tendenze culturali delle città più grandi. Perciò quando era il momento di festeggiare, suonavano, ballavano e cantavano in modi che avrebbero avuto molto in comune con i loro correligionari delle grandi città così come con i loro vicini Gentili.

Musica cortese: doppio appuntamento a Gorizia

 

de musicade musicaMusica Cortese, Festival internazionale di musica antica nei centri storici del Friuli Venezia Giulia, che nella sua 19esima edizione ha come filo rosso La porta del sogno, prosegue con un doppio appuntamento a Gorizia. Sabato 3 settembre in Duomo alle 21 si andrà alle origini della musica cristiana concentrandosi sulla figura delle donne compositrici con Ellas en Bisancio, un tuffo negli echi del passato e nelle sonorità esotiche dell’Impero Bizantino. L’esibizione di Demusica Ensemble, gruppo spagnolo formato da Susanna Vardanyan (voce), Abigail R. Horro: (voce, campane, flauti) e María Ángeles Zapata (voce, shruti box e direzione), sarà preceduta dalla prolusione “Il mito del Medioevo: il mito dell’Oriente” a cura di Riccardo Drusi, professore dell’Università Ca’ Foscari di Venezia.

Il programma ELLAS a BISANZIO, spostandosi agli antichi territori del vasto Impero Bizantino, permetterà di ascoltare Zarmanali e indz, l’unica opera sopravvissuta della poetessa armena Khosrovidukht Goghtnatsi (VIII secolo), e i versi di Srbuhi Mariam (‘Santa María’), testo acrostico di nove versi della poetessa e compositrice Sahakadukht Syuneci, nata alla fine del VII secolo. Risuonerà poi una selezione di inni di Kassia (810 - c. 867), badessa nata e vissuta a Costantinopoli, tra le prime compositrici di cui si conservano musiche
provviste di notazione. Il resto del programma è incentrato sulle meravigliose polifonie medievali della Chiesa Georgiana, con una scelta di composizioni delle diverse tradizioni geografiche georgiane e corrispondenti a diversi tempi liturgici. DeMusica Ensemble, gruppo al femminile che si dedica alla musica antica, affronta repertori che vanno dal Medioevo al Barocco. Fin dalla sua fondazione, gli obiettivi primari sono indagare, recuperare, interpretare, diffondere e divulgare la musica composta e/o interpretata da donne, per sollecitare e ottenere il riconoscimento del ruolo delle donne nell’ambito culturale e musicale, focalizzando l’attività sullo studio e l’approfondimento di opere e repertori musicali di compositrici.

musica cortesemusica corteseGiovedì 8 settembre al Kulturni Dom di via Brass alle 21 sarà presentato il documentario “RAMMENTA CHIARO ISONZO/ TAKRAT SE SPOMNI, BISTRA SOČA”, dedicato alla musica e ritualità nella Contea di Gorizia, panoramica delle chiese che si incontrano di qua e di là del confine italosloveno visitando la Valle dell’Isonzo e del Vipacco, il Collio e la Brda slovena, verso la foce del fiume Isonzo. Luoghi di culto anche poco conosciuti, ma uniti dalla presenza di un’iconografia a tema musicale espressione di una committenza di fedeli povera ma unita dal desiderio di esprimere la propria devozione religiosa. L’introduzione sarà affidata ad Andrea Bellavite, mentre il percorso storico musicale sarà curato dallo stesso Dramsam - Centro Giuliano di Musica antica. 


La Contea di Gorizia presenta alcuni elementi di sicuro interesse, a cominciare dal plurilinguismo che ancora oggi fa del territorio un unicum e un esempio di convivenza pacifica tra identità diverse. La devozione popolare in queste terre ha prodotto fin dal tardo medioevo opere artistiche dentro e fuori le chiese che nelle gran parte dei casi non hanno grande importanza in senso artistico, ma hanno piuttosto una consistente rilevanza storica poiché segnalano l’esistenza di un’identità che per quel che si può constatare ha sempre avuto un carattere
plurilinguistico e multietnico. La copiosa presenza di strumenti musicali negli affreschi di queste chiese, spesso chiese che oggi chiamiamo di “campagna”, consente di utilizzare la musica e lo stretto rapporto che questa ha intrattenuto con l’arte nel Medioevo e nel Rinascimento per rintracciare questi possibili marcatori identitari del territorio. Il titolo del documentario proviene dalla nota poesia Soči /All’Isonzo di Simon Gregorčič, poeta sloveno del XIX secolo, e ci pare evochi con un solo piccolo verso la lunga, complicata e multiforme identità del territorio che oggi chiamiamo Isontino.

Tutti gli appuntamenti sono tutti a ingresso gratuito, con prenotazione consigliata scrivendo a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..



Viaggio con il Satèn Saxophone Quartet

palchi nei parchipalchi nei parchi

Il concerto “Viaggio”, con il Satèn Saxophone Quartet, nuovo appuntamento della rassegna ideata dal Servizio foreste e Corpo forestale della Regione, “Palchi nei Parchi”, isi svolgerà domenica 21 agosto 2022 alle 11.00 in Località Madonna della Neve sull’Alpe di Ugovizza (Malborghetto-Valbruna).

Si tratta di un concerto in cui il sax indossa in modo convincente e affascinante gli abiti del jazz, della classica, del tango e del folk. L’appuntamentovede sul palco naturale di Ugovizza i musicisti Andrea Baú, Andrea Biasotto, Enrico Leonarduzzi e Alessandro Salaroli. Prima dello spettacolo, interverrà un rappresentante del Servizio Biodiversità della Regione FVG sul tema "Un grande carnivoro: il lupo". Località Madonna della Neve, è raggiungibile a piedi in 1 ora e 15 minuti circa dopo aver lasciato la macchina presso l'ultimo parcheggio della strada che da Ugovizza porta all'Alpe (si consiglia un abbigliamento adeguato e plaid o cuscino per sedersi sull’erba, scarpe da trekking. 

Ingresso libero 

 

Un calice a teatro ad Aquileia

calice a teatrocalice a teatro

CITTÀ DEL VINO DEL FVG. UN CALICE A TEATRO 2022. Le Città del Vino del Friuli Venezia Giulia uniscono gli assaggi dei vini delle cantine del territorio a divertenti spettacoli di teatro amatoriale. Prosegue infatti la rassegna Un Calice a Teatro, con appuntamenti a ingresso gratuito. Prossimo spettacolo il 20 agosto ad Aquileia: alle21 nell'Azienda Agricola Ritter de Zahony(Piazza Pirano 8) va scena la commedia in lingua friulana Veduis della Compagnia “la Loggia” di Udine. A seguire brindisi con le proposte della cantina.

Nata da un’idea di Sonia Paolone e coordinata da Luigino Zucco, la rassegna del Coordinamento regionale delle Città del Vino del Friuli Venezia Giulia è organizzata dal Gruppo Teatrale El Tendon di Corno di Rosazzo e l’Associazione Teatrale Friulana. Collaborano Pro Loco Casarsa della Delizia e Pro Loco Mitreo Duino Aurisina. Sostengono la kermesse BancaTer, PromoturismoFVG – Io sono Friuli Venezia Giulia e Strada Vino e Sapori del Friuli Venezia Giulia. La rassegna rientra nel programma nazionale di Duino Aurisina – Devin Nabrežina Città italiana del Vino.

Un calice a teatro con CDV FVG. Ingresso gratuito

locandina calice a teatrolocandina calice a teatroCITTÀ DEL VINO DEL FVG Rassegna UN CALICE A TEATRO 2022. Le Città del Vino del Friuli Venezia Giulia uniscono in uno speciale progetto -dedicato ai winelovers e ai turisti- i vini delle cantine del territorio con divertenti spettacoli di teatro amatoriale. La rassegna Un Calice a Teatro, a ingresso gratuito ha in calendario spettacoli il19 agosto a Duino Aurisina, il 20 agosto ad Aquileia.

Nata da un’idea di Sonia Paolone e coordinata da Luigino Zucco, la rassegna proposta dal Coordinamento regionale delle Città del Vino del Friuli Venezia Giulia è organizzata dal Gruppo Teatrale El Tendon di Corno di Rosazzo e Associazione Teatrale Friulana. Collaborano Pro Loco Casarsa della Delizia e Pro Loco Mitreo Duino Aurisina. Sostengono la kermesse BancaTer, PromoturismoFVG – Io sono Friuli Venezia Giulia e Strada Vino e Sapori del Friuli Venezia Giulia. La rassegna rientra nel programma nazionale di Duino Aurisina – Devin Nabrežina Città italiana del Vino.

19 agosto alle 20 a Duino Aurisina – Devin Nabrežina nell'Azienda Agricola Pipan-Klaric (Malchina/Mavhinje), La dona xe come una vipera della Compagnia “L’Armonia Gruppo Proposte Teatrali Aps FITA” di Trieste.

Il 20 agosto alle 21 ad Aquileia nell'Azienda Agricola Ritter de Zahony (Piazza Pirano 8), Veduis della Compagnia “la Loggia” di Udine.

Al termine degli spettacoli brindisi con i i vini di aziende locali 

 

Tra mare e cielo: mostra su Josef Maria Auchentaller a Grado

Joseph Maria Auchtaller e la moglie Emma alla pensione Fortino di Grado (1910)Joseph Maria Auchtaller e la moglie Emma alla pensione Fortino di Grado (1910)

È stata inaugurata nella Casa della Musica di Grado la mostra “Tra mare e cielo” su Josef Maria Auchentaller (Vienna 1865-Grado 1949) per celebrare i 130 anni di Grado località turistica. L’esposizione - a ingresso gratuito - parla di Grado e del suo territorio, con opere da collezioni private e dalle collezioni dei Musei Provinciali di Gorizia.


La mostra, curata da Roberto Festi, presenta ventidue opere provenienti da collezioni private e dalle collezioni dei Musei Provinciali di Gorizia, molte delle quali inedite oltre ad una serie di documenti d'epoca. Proprio i soggetti gradesi – le atmosfere sempre mutevoli del mare e della laguna, la luce, le nuvole, i colori delle barche, l'apparente minimalismo e la quotidianità dei soggetti, la "splendida solitudine" isolana – ispirano l'artista, sin dai primi anni del 1900, a realizzare alcuni dei suoi capolavori.

seebad gradoseebad grado

Mostra organizzata da: Consorzio Grado Turismo Comune di Grado In collaborazione con Grado Impianti Turistici SpA

Con il sostegno di: PromoTurismo FVG Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura Venezia Giulia Fondazione Carigo

 tra mare e cielotra mare e cielo

OrarI: 12.08-04.09 Tutti i giorni 18.00-23.00. Dal 05.09-15.10 Lunedì-sabato 10.00-13.00 / 16.00-19.00 Domenica 11.00-18.00

 

 

 

Arriva a Grado il Violino di Noè

il violino di Noè il violino di Noè
C’è grande attesa a Grado per l’arrivo di una vera e propria opera d’arte galleggiante: il Violino di Noè dell’artista Livio de Marchi le cui opere sono conosciute in tutto il mondo ed esposte anche al MoMA di New York. A bordo del violino galleggiante, il 9 agosto a partire dalle 21, si terrà un concerto di musica barocca a cura dei “Virtuosi di Vivaldi”.

L’opera resterà per una settimana a disposizione del pubblico e delle macchine fotografiche davanti all’ingresso principale del Lido GIT di Grado. L'imbarcazione è lunga dodici metri e mezzo e l’artista Livio de Marchi ha impiegato un anno intero per costruirla. Sono stati utilizzati legni diversi come il rovere, il mogano, l'abete, il larice, il tiglio e il ciliegio: con il Violino di Noè, l'artista di fama internazionale vuole celebrare la resurrezione dell'arte, della musica e della cultura per regalare un momento di gioia alla fine della pandemia. 

Questo evento unico è stato reso possibile dallo stretto legame dell'artista con la località turistica dell'Alto Adriatico, così ricca di tradizioni. Grado è il primo luogo al di fuori di Venezia dove si può ammirare il violino di de Marchi.

Il violino, che è dotato di un motore fuoribordo elettrico e pesa circa una tonnellata, sarà navigato dall'esperto capitano Roberto Camuffo, che condurrà l'opera d'arte dal cantiere di San Marco a Porto Mandracchio.
In un'atmosfera di festa, a partire dalle 21.00, gli artisti dei "Virtuosi di Vivaldi" suoneranno musiche del famoso compositore barocco.  Già durante il viaggio, gli artisti faranno diffonderanno suoni barocchi. L'ingresso al concerto, che garantisce non solo il piacere musicale con i punti salienti della musica barocca di Vivaldi, ma anche immagini spettacolari grazie allo spettacolo di luci che lo accompagna, è gratuito.

 

 

 

 

 

 

UN CALICE A TEATRO: al via il programma

VeduisVeduis

CITTÀ DEL VINO DEL FVG. AL VIA UN CALICE A TEATRO 2022. Le Città del Vino del Friuli Venezia Giulia propongono un simpatico progetto che unisce le degustazioni di vini del territorio a divertenti spettacoli di teatro amatoriale. Quattro  appuntamenti a ingresso gratuito. #èbelloedègratis Eccovi le date: 6 agosto Casarsa della Delizia, 19 agosto Duino Aurisina, 20 agosto Aquileia, 9 settembre Corno di Rosazzo.

6 agosto ore 21. Casarsa della Delizia nell'Antico Frutteto di Palazzo Burovich de Zmajevich (ingresso da via Segluzza), News in the gnotdella Compagnia "Sot la Nape"di Varmo.

19 agosto ore 20. Duino AurisinaDevin Nabrežina nell'Azienda Agricola Pipan-Klaric (Malchina/Mavhinje), La dona xe come una vipera della Compagnia “L’Armonia Gruppo Proposte Teatrali Aps FITA” di Trieste.

Il 20 agosto ore 21. Aquileia nell'Azienda Agricola Ritter de Zahony (Piazza Pirano 8) Veduis della Compagnia “la Loggia” di Udine.

Il 9 settembre ore 21. Corno di Rosazzo in Villa Nachini, Il Miedi par Fuarze della Compagnia “El Tendon” di Corno di Rosazzo.

miedi par fuarzemiedi par fuarze 

Nata da un’idea di Sonia Paolone e coordinata da Luigino Zucco, la rassegna Un  calice a teatro promossa dal Coordinamento regionale delle Città del Vino del Friuli Venezia Giulia è organizzata dal Gruppo Teatrale El Tendon di Corno di Rosazzo e dall’Associazione Teatrale Friulana. Collaborano Pro Loco Casarsa della Delizia e Pro Loco Mitreo Duino Aurisina.

Sostengono la kermesse BancaTer, PromoturismoFVG – Io sono Friuli Venezia Giulia e Strada Vino e Sapori del Friuli Venezia Giulia.

La rassegna rientra nel programma nazionale di Duino Aurisina – Devin Nabrežina Città italiana del Vino 2022

Musica cortese esplora anche i canti del vino e delle taverne

28 Luglio musica cortese 28 Luglio musica cortese

Nelle taverne pulsava la vita, godendo del cibo, del vino e dei giochi finché la campana della notte non obbligava l’oste a chiudere. Regole e sregolatezze traspaiono anche dagli statuti medievali e dalle carte di archivio, storie affascinanti lungo cui si sono inoltrati gli studenti dell’indirizzo turistico dell’ISIS Magrini Marchetti di Gemona del Friuli, impegnati in un progetto di valorizzazione del patrimonio culturale in collaborazione con l’Associazione Valentino Ostermann.

Musica Cortese La porta del sogno giovedì 28 luglio 2022 offrirà un assaggio di racconti, accompagnati dal commento musicale a cura dell’Ensemble Dramsam. L’appuntamento è a Palazzo Boton di Gemona del Friuli alle 19 con gli statuti comunali di Buia, Gemona e Tolmezzo: l’osteria nel Medioevo, a cura di Alberto Vidon, Angelo Floramo e gli studenti.

Alle 21 sarà la volta del percorso storico musicale a cura dell’ensemble Dramsam formata da Alessandra Cossi (voce, simphonia), Fabio Accurso (liuti), Ludovico Mosena (ciaramelli, ghironda), Elisabetta De Mircovich (voce, viella, ribeca) e Massimiliano Dragoni (percussioni). 

Concerti ed eventi collaterali della rassegna promossa da Dramsam - Centro Giuliano di Musica antica sono tutti a ingresso gratuito

prenotazione consigliata scrivendo a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 

 

 

 

Quando all’Abbazia di Benediktbeuren (Bura Sancti Benedicti) venne ritrovata una preziosa raccolta di canti compilati intorno ai primi decenni del XIII secolo si squarciò un velo su uno scenario di vita materiale del tempo medievale ricco di preziose testimonianze. Quattro le sezioni che costituiscono questa silloge di composizioni, i Carmina Moralia – sull’Etica della Chiesa del tempo- i Carmina Veris et Amoris – sulla primavera e l’amore – i Carmina Divina – legati alla pratica religiosa- e i Carmina Lusorum et potatorum – sul gioco e il vino.

Questi ultimi rappresentano senz’altro la parte più interessante ed “eversiva” del Codex Buranus. Composta dai Goliardi, categoria sociale composta al tempo da studenti e docenti delle Università, prevalentmente appartenenti a ordini clericali minori, i clerici vagantes, contestavano con franchezza di linguaggio lo stesso ordine di cui facevano parte.

Un altro Codice, compilato in terra spagnola, ma scritto nella lingua poetica del tempo (il Gallego Portoghese) alla corte di Alfonso X el Sabio, ci riporta un’immagine forte della presenza (materiale e simbolica) del vino in epoca medievale: la raccolta dei miracoli operati dalla vergine e narrati nelle Cantigas de Santa Maria. Interventi miracolosi volti a “salvare” fedeli devoti da situazioni difficili, a volte imbarazzanti, spesso legati alla semplice quotidianità del popolo ma non per questo meno salvifici.

 

 

La flor en paradis - Liturgia & fin’amor nell’Ars Antiqua.

 

dramsam 16 lugliodramsam 16 luglioMusica Cortese vi attende sabato 16 luglio 2022, alle 21 nel Museo Archeologico di Cividale, con La flor en paradis - Liturgia & fin’amor nell’Ars Antiqua. In scena Tasto Solo, con l’organettista e fondatore Guillermo Pérez e il soprano Anne-Kathryn Olsen. Il concerto sarà arricchito dalla prolusione “Il mito del Medioevo: l’invenzione delle lingue europee”, a cura di Riccardo Drusi, professore dell’Università Ca’Foscari di Venezia.

Il Festival internazionale di musica antica nei centri storici del Friuli Venezia Giulia rinnova l’indissolubile connubio tra storia, musica, arte e turismo. L’edizione 2022 affronta il ruolo dell'immaginazione reperibile nei repertori medievali (sogno, utopia, millenarismo, invenzione del romanzo epico come proiezione immaginifica di eventi reali, ecc.) e la perdurante potenza immaginifica nella cultura odierna di un concetto di Medioevo slegato dalla storia e legato piuttosto alla contemporaneità.

Concerti ed eventi collaterali della rassegna promossa da Dramsam - Centro Giuliano di Musica antica sono tutti a ingresso gratuito, con prenotazione consigliata scrivendo a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

 

A Flambro teatro di acqua e di terra

 

Mulino Braida le ruote di legnoMulino Braida le ruote di legno

Il festival Teatri dell’Anima, giunto quest’anno alla sua nona edizione, festival che pone al centro la natura come luogo di rigenerazione spirituale e personale, chiude la sua edizione 2022 nello stesso contesto in cui ha iniziato il suo programma, il Mulino Braida di Flambro. La tradizionale rassegna dedicata alla spiritualità, curata dalla compagnia Etabeta Teatro, ha scelto come focus “Effetto terra” per parlare attraverso la natura in alcuni dei luoghi naturalistici più belli e significativi sparsi sul territorio del Friuli Venezia Giulia.

Ingresso gratuito. 

LO SPETTACOLO

Sabato 16 luglio 2022 alle 19 al Mulino Braida a Flambro, l’evento conclusivo sarà lo spettacolo D’acqua e di terra - Scorci di natura del Friuli Venezia Giulia, per la regia di Andrea Chiappori a cura di Etabeta Teatro e Associazione Teatrale Friulana. Uno spettacolo originale fatto di bellezza, una composizione dei luoghi della natura del Friuli Venezia Giulia che si raccontano intrecciandosi: il suono delle risorgive e il silenzio del colle di Osoppo, la laguna di Marano e la pietra del Carso, l’acqua e i sassi rotondi del Tagliamento. Una performance teatrale intorno al Mulino Braida, luogo magico di rinascita, di risorgiva, appunto.

Uno spettacolo sulla meravigliosa terra friulana con diversi contributi: Assemblea Teatrale Maranese, La Stropula Cantieri Teatrali di Monfalcone, Teatro Maravee, Compagnia Teatrale di Ragogna, Compagnia La Risultive di Talmassons. Prima dello spettacolo alle 17.30 sarà possibile fare una visita guidata lungo l’anello del biotopo a cura di Ermanno Zanello. Evento In collaborazione con Comune di Talmassons e Filodrammatica La Risultive.

info Etabeta Teatro tel. 333.6785485 oppure Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 

Musica Cortese. Musica medievale. La porta del sogno

la porta del sogno i musicila porta del sogno i musici

Dieci appuntamenti dedicati alla musica medievale e rinascimentale in altrettanti luoghi simbolici della Regione, con una tappa in Slovenia, con professionisti di livello internazionale italiani e stranieri. Siti che diventano cassa di risonanza, non solo acustica ma anche storico – artistica, della bellezza in tutte le sue forme. Musica Cortese, il Festival internazionale di musica antica nei centri storici del Friuli Venezia Giulia, rinnova nella sua edizione 2022 l’indissolubile connubio tra storia, musica, arte e turismo. Il Dramsam - Centro Giuliano di Musica antica dal lontano 1988 ha abituato il suo pubblico all'incontro tra il fascino di note d'altri tempi e la suggestione trasmessa da luoghi insoliti, spesso ancora poco conosciuti.

Un viaggio che permetterà di conoscere la nostra Regione con angolature diverse e affascinanti, con la direzione artistica di Fabio Accurso.

Il filo rosso che unirà concerti ed eventi collaterali sarà “La Porta del Sogno”, ovvero “Immaginazione nel Medioevo e immaginazione sul Medioevo”.

Gli appuntamenti saranno tutti a ingresso gratuito, con prenotazione consigliata scrivendo a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

La rassegna è stata presentata in Regione a Udine alla presenza dell’assessore regionale alla Cultura, Tiziana Gibelli, dalla presidente del Centro Dramsam, Alessandra Cossi, dal direttore artistico del Festival Fabio Accurso e dal coordinatore tecnico Flavio Cecere.

Un Festival che rappresenta un unicum in Italia, come spiegato dal direttore artistico: “Musica Cortese è l’unico Festival di musica medievale in Italia. Il tema di quest’anno intende illustrare al nostro pubblico la storia di un rapporto che esiste ancora tra il medioevo reale, di cui abbiamo notizie storiche e documenti, e il Medioevo immaginato che abita invece la produzione culturale contemporanea”.

Tutti gli appuntamenti saranno registrati e potranno essere rivissuti tramite la pagina Facebook.

Giunto alla 19esima edizione, il Festival Musica Cortese nell'edizione 2022 affronterà il ruolo dell'immaginazione reperibile nei repertori medievali (sogno, utopia, millenarismo, invenzione del romanzo epico come proiezione immaginifica di eventi reali, ecc.) e la perdurante potenza immaginifica nella cultura odierna di un concetto di Medioevo slegato dalla storia e legato piuttosto alla contemporaneità.

Questo sarà il senso delle prolusioni ai concerti, a cura del professor Riccardo Drusi, docente di Letteratura italiana all’Università Cà Foscari di Venezia. L’ascoltatore troverà quindi un filo concettuale che poi troverà espressione estetica nel concerto. 

Alla Civica Biblioteca Guarneriana di San Daniele del Friuli saranno proposte visite guidate con la possibilità di ammirare l’esposizione di codici antichi e conoscere la figura del monaco Gottschalk, cui è attribuito un codice presente nei fondi: un’ iniziativa questa a cura di Angelo Floramo, con presentazione dei risultati del laboratorio di Miniatura da lui tenuto presso l’Accademia di Belle Arti “G.B Tiepolo” di Udine.

A Gemona presentazione del lavoro degli studenti dell'Istituto Magrini Marchetti sugli statuti comunali antichi di Buia, Gemona e Tolmezzo.

Al Kulturni Dom di Gorizia sarà proiettato il documentario riassuntivo "Rammenta, chiaro Isonzo", progetto incentrato sulle chiesette dell'Isontino italiano e sloveno, un percorso teso a individuare luoghi di culto anche poco conosciuti ma uniti dalla presenza di un’iconografia a tema musicale (moltissimi affreschi tardo gotici ricchi di strumenti musicali anche autoctoni) espressione di una committenza di fedeli povera ma unita dal desiderio di esprimere la propria devozione religiosa; iconografie che trovano poi riscontro nella mostra permanente di strumenti musicali antichi che il Dramsam gestisce nel Castello di Gorizia. 


 dramsamdramsam

 

MUSICA CORTESE 2022

 Il programma ha inizio il 9 luglio a Gradisca. L'ultimo appuntamento è previsto il 29 settembre a Latisana 

SABATO 9 LUGLIO
Palazzo Torriani - Gradisca d’ISonzo
ore 21:00 HERRU SANCTIAGU! Una messa di pellegrini sulla via per Santiago, Montalbâne Ensemble (D)

GIOVEDÌ 14 LUGLIO
BaSilica romanica di Aquileia
ore 21:00 CANAMUS CUM MODULO
i discanti di Cividale del Friuli Schola Aquileiensis / Andrea Bellavite

SABATO 16 LUGLIO
MuSeo Archeologico Nazionale di Cividale (MAN)
ore 21:00 LA FLOR EN PARADIS Liturgia & fin’amor nell’Ars Antiqua Guillermo Perez Ensemble (ES)

GIOVEDÌ 21 LUGLIO
Civica Biblioteca Guarneriana di San Daniele del Friuli
ore 19:00 GODESLACUS: MONACO SASSONE (806-870) A cura di Angelo Floramo

ChieSa di S. Antonio (San Daniele del Friuli)
ore 21:00 PERCORSO ARTISTICO MUSICALE in collaborazione con ABAUD “G.B Tiepolo” Dramsam Ensemble (I)/A. Floramo

GIOVEDÌ 28 LUGLIO
Palazzo Boton – Gemona del Friuli
ore 19:00 GLI STATUTI COMUNALI DI BUIA, GEMONA E TOLMEZZO: L’OSTERIA NEL MEDIOEVO
Alberto Vidon, Angelo Floramo e Istituto Magrini Marchetti

ore 21:00 IL VINO NEL MEDIOEVO Dramsam Ensemble (I)

I giardini storici di Villa de Claricini Dornpacher a Verde alfabeto

Parterre di villa De ClariciniParterre di villa De Claricini

Continuano gli appuntamenti de Il verde alfabeto. Nell'Aula riunioni di Villa Manin di Passariano il 5 giugno 2022 alle 16 incontro con il dottor Oldino Cernoja che illustrerà i giardini storici di Villa De Claricini Dornparcher di Bottenicco di Moimacco. 

La mostra Il Verde Alfabeto a cura del Gruppo di lavoro Erpac, ospitata nella Barchessa di Levante a Villa Manin e aperta fino al 3 luglio.  L'iniziativa è volta al grande pubblico con lo scopo di far scoprire la sorprendente ricchezza storica, artistica, botanica e paesaggistica dei giardini italiani. Un'occasione per far conoscere i giardini normalmente chiusi e per arricchire la fruizione dei giardini regolarmente aperti con eventi e attività.

parco di Villa de Claricini scorcioparco di Villa de Claricini scorcio

Fitto il programma che per l'occasione avrà inizio alle ore 10 con la visita guidata al parco storico di Villa Manin condotta da Umberto Alberini (che si ripeterà alle 11,30). Alle 14.30 è prevista una visita guidata alla mostra "Il verde alfabeto" con Giorgia Gemo.

Alle 16 nell'Aula riunioni Barchessa di Levante con il dott. Oldino Cernoja, presidente Fondazione de Claricini Dornpacher, vice presidente vicario del Consiglio di Amministrazione della Fondazione Friuli, membro dell'Accademia udinese delle Scienze Lettere ed Arti, consigliere regionale dell'Associazione Dimore Storiche Italiane: “I giardini storici di Villa de Claricini Dornpacher di Bottenicco di Moimacco”.

A seguire per chi non avesse avuto la possibilità prima dell'incontro si terrà alle 17.30 un'altra visita guidata della mostra "Il Verde Alfabeto" sempre a cura di Giorgia Gemo. Tutti gli appuntamenti sono a ingresso libero e gratuito.

 

L'arciduca e l'architetto. Passeggiata botanica gratuita a Miramare

miramare epocamiramare epoca

Appuntamenti nel Parco di Miramare. #èbelloedègratis. Il 2 giugno 2022 visita tematica tematica nel giardino botanico del Castello di Miramar (TS) per approfondirne le origini e l’evoluzione, anche alla luce del clima mutato rispetto alla sua fondazione a metà dell’Ottocento. La visita è gratuita. Per partecipare scrivere una mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

miramare dal sitomiramare dal sito

La visita,  a cura dell'Associazione Studio Didattica Nord Est, viene proposta in occasione del sessantasettesimo anniversario dell’apertura del Museo di Miramare. Si tratta di un percorso dedicato all’approfondimento delle origini e dell’evoluzione del complesso culturale attraverso la descrizione del rapporto tra Massimiliano d’Asburgo e l’architetto Carl Junker. L’analisi architettonica del Castello, delle diverse sezioni del Parco e delle strutture annesse permetterà ai visitatori di immergersi nell’atmosfera eclettica dell’architettura europea della metà dell’Ottocento. 
Orario: 17.00-18.30

 

Palchi nei parchi. #èbelloedègratis

palchi nei parchipalchi nei parchiPalchi nei parchi. Torna dal 3 giugno all’11 settembre 2022 “Palchi nei Parchi”, la rassegna di musica, danza e teatro ideata dal Servizio foreste e Corpo forestale della Regione FVG – con un inedito connubio tra gli assessorati regionali alla Cultura e alle Risorse Forestali – e la direzione artistica della Fondazione Luigi Bon.

palchi nei parchi logopalchi nei parchi logo

Diciannove eventi che per questa terza edizione troveranno spazio negli affascinanti palcoscenici naturali di tutte e quattro le province della regione: Parco Rizzani a Pagnacco (Ud), Villa Emma nella Foresta del Prescudin a Barcis (Pn), Bosco Romagno a Cividale del Friuli (Ud), Parco Piuma a Gorizia, Foresta di Tarvisio, Mulino Braida a Flambro (Ud) e Bosco Bazzoni a Trieste. L’edizione 2022 toccherà anche ulteriori esterni naturali, dove le arti sono state raramente protagoniste: il Castello di Sacuidìc a Forni di Sopra, l’Alpe di Ugovizza, i Giardini di Palazzo Altan a San Vito al Tagliamento e il Parco di Villa Chiozza.

A rendere unica questa manifestazione anche la presenza a ogni evento artistico degli esperti del Corpo Forestale Regionale per spiegare i concetti di gestione sostenibile delle foreste.

#èbelloedègratis La rassegna – che vede anche la collaborazione di FVG Orchestra, Mittelfest, l’Associazione Progetto Musica e Folkest – sarà inaugurata venerdì 3 giugno alle 20.30 a Parco Rizzani (Pagnacco, Ud) con il concerto-reading “Il carnevale degli animali”. Uno spettacolo capace di coniugare l’immenso talento di Peppe Servillo alla musica di Pathos Ensemble sui testi di Franco Marcoaldi e le celebri musiche che danno il titolo alla serata. È questo “Il carnevale degli animali…e altre fantasie”, portato in scena dal poliedrico artista napoletano con Silvia Mazzon al violino, Mirco Ghirardini al clarinetto e Marcello Mazzoni al pianoforte.

Seguiranno, sempre a Parco Rizzani, venerdì 10 giugno il concerto dei Groovin’ Karma e venerdì 17 giugno Nada màs fuerte, con Mauro Ottolini (trombone, tromba bassa e conchiglie) e la voce di Vanessa Tagliabue Yorke.

Sabato 25 giugno la rassegna si sposta a Villa Emma (Foresta del Bresculin a Barcis) con il Duo Vila Madalena – il fisarmonicista Nikola Zaric e il clarinettista Franz Oberthaler – che, per l’occasione, saranno affiancati da Bertl Mayer. Si prosegue ogni venerdì e sabato di tutto il mese di luglio e agosto, con un fitto calendario di eventi spettacolari nel segno della multidisciplinarietà.

Gran finale, domenica 11 settembre, nel Parco di Villa Chiozza a Scodovacca, che è anche sede di PromoTurismoFVG, con la performance dei ‘fantastici quattro’ della Banda Osiris (Sandro Berti, Gianluigi Carlone, Roberto Carlone, Giancarlo Macrì) con il concerto Banda 4.0, nato per celebrare i quarant’anni della celeberrima Banda.

Tutto il calendario della rassegna è consultabile QUI.  L’ingresso è gratuito.

Calici e camici con Paolo Brinis

Calici e camici cover Calici e camici cover

MERCOLEDI' 27 APRILE 2022 all'Antico Caffè San Marco di Trieste Paolo Brinis presenta il suo libro "Calici & camici"(Cinquesensi editore). Dialoga con l'Autore la dottoressa ssa Elena Paternostro. Appuntamento per le ore 18. Un libro di incontri e di amicizia, di passioni condivise e di amore per il vino. Il giornalista di News Mediaset Paolo Brinis, una lunga militanza fra vigneti e cantine, incontra, presenta e interroga uno scelto manipolo d’illustri rappresentanti di ogni campo della medicina, molti dei quali sono anche apprezzati viticoltori, per capire meglio i benefici (molti) ma anche i pericoli (pochi ma gravi) che si possono incontrare nella relazione col prodotto più simbolico e rituale della nostra civiltà.

Un’opera dove nessuno sale in cattedra ma che, tra ricordi, consigli, aneddoti e divagazioni, vuole suggerire consigli  e proporre qualche risposta nella simpatica atmosfera di un convivio tra amici.

PAOLO BRINIS | Giornalista della redazione di News Mediaset, da 30 anni racconta il Nord-Est Italia per i notiziari del Gruppo televisivo: TG4, TG5, Studio Aperto e TGCom24. Ha vissuto importanti esperienze giornalistiche anche in Israele, Iraq, Regno Unito e Giappone. Tra i suoi interessi ci sono l’arte contemporanea e la cultura vitivinicola. Fuma sigari cubani molto raramente, ma è comunque affascinato da tutto ciò che abbia con loro a che fare, tanto da averne scritto nel libro Il giro del Mondo in 80 sigari.

 

Tra i pastori e i re, eventi nel Museo del Duomo di Udine

Locandina 2021Locandina 2021Il Museo del Duomo di Udine per il S. Natale 2021 propone una serie di iniziative volte ad approfondire il tema della Natività e dell’Epifania attraverso le sue opere e con particolari momenti musicali, che permetteranno di conoscere aspetti e temi relativi alla tradizione iconografica nel contesto dell’arte e della poesia in Friuli. Verranno così offerti momenti di libera contemplazione, come pure tour guidati specifici (ancora disponibili le date 17-23- 26 dicembre 2-7-9 gennaio alle 17.30). 
È possibile fare richiesta in altre date per specifici gruppi.

Un omaggio alla Natività sarà il tema conduttore dell'atteso concerto dell’Orchestra a Plettro "Città di Codroipo" APS, diretta dal Maestro Sebastiano Zanetti in cattedrale domenica 19 dicembre alle 17. Una coniugazione della tradizione musicale e letteraria con quella strumentale in Friuli.
Il tema del Natale protagonista del concerto d’organo e orchestra con i Pueri cantores del 22 dicembre alle 20,30 sempre in cattedrale.
Per tutti gli eventi e i concerti, è necessaria la prenotazione o la conferma all’indirizzo mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. oppure rivolgendosi al Museo del Duomo, aperto dal lunedì al sabato con orari 10-12 e 16-18, domenica 16-18, chiuso il martedì.
Green pass obbligatorio.

Concerto d'organo al Duomo di Udine

Duomo di UdineDuomo di Udine

Udine. Domenica 7 Novembre alle 17 si terrà un concerto a ingresso gratuito per l'inaugurazione del restauro dell'organo in Cornu Epistolae e della rinnovata consolle moderna in Presbiterio. All'organo Beppino Delle Vedove e Alberto Pez, diretti da Alessio Venier e accompagnati dall'Orchestra Giovanile Filarmonici Friulani. Sarà anche la conclusione delle celebrazioni per i 250 anni dalla dell'organaro Pietro Nachini

L'ingresso è libero, green pass obbligatorio, prenotazione all'e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Recital organistico con il pordenonese Gaspardo

l'organista pordenonese Gaspardol'organista pordenonese GaspardoFestival Internazionale di Musica Sacra di Pordenone. Giovedì 4 novembre 2021 appuntamento alle 20.45 nella Chiesa del Seminario Vescovile di Pordenone, per il recital organistico che vedrà protagonista il giovane ma già affermatissimo organista pordenonese Alberto Gaspardo. Sarà affiancato per l’occasione dal mezzosoprano argentino Florencia Menconi e dal solista statunitense Henry van Hengen al tromboneL’accesso al concerto è gratuito, con green pass e prenotazione obbligatoria inviando mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Info e dettagli QUI

Dante Alighieri nei francobolli

1945 POSTA PNEUMATICA1945 POSTA PNEUMATICA

Esposizione filatelica “Dante Alighieri nei francobolli”:  racconto della vita e delle opere di Dante attraverso una modalità insolita, l'esposizione di tutte le emissioni filateliche italiane dedicate al grande poeta e tutte le emissioni del mondo uscite nel 1965 per celebrare i 700 anni dalla sua nascita. 

esposizione filatelica dantescaesposizione filatelica dantesca

Aperto fino al 30 novembre. Orari: dal lunedì al venerdì, dalle 9 alle 13, nei locali di Spazio Filatelia e Museo Postale di Trieste, Palazzo delle Poste Centrali di Trieste (ds via Galatti).

francobolli danteschifrancobolli danteschi

Il Faro della Vittoria #persapernequantobasta

 

Il faro della vittoriaIl faro della vittoria

 

Il Faro della Vittoria di Trieste è uno dei monumenti più celebri e simbolici della città.  Progettato dall'architetto Arduino Berlam, viene realizzato subito dopo la Grande Guerra.  La vecchia lanterna non era più adeguata alle esigenze del porto e in più si desiderava creare un faro che segnasse il nuovo momento storico. "Infatti, accanto alle funzioni di sicurezza per la navigazione, il Faro della Vittoria presenta il duplice scopo di celebrare il passaggio della città di Trieste al regno d’Italia e di commemorare i caduti in mare nel corso del primo conflitto mondiale", si legge nella newsletter di Erpac inviata con la preziosa sintesi descrittiva in occasione dell'apertura con orario continuato nei giorni 1-4 novembre 2021. 

LA COSTRUZIONE
I lavori di costruzione durano quattro anni, dal 1923 al 1927; all'inaugurazione del 24 maggio 1927 prende parte anche il re Vittorio Emanuele III. Il Faro sorge sulle strutture e nell'ambito del complesso del Forte Kressich, una delle più importanti postazioni dell’impero austroungarico della città risalente alla metà dell’Ottocento. Ogni elemento che lo compone è stato pensato per avere un forte valore simbolico.


LA STATUA DELLA VITTORIA ALATA

La statua della Vittoria Alata innalza con la mano sinistra una fiaccola, mentre con la destra stringe una colonna d’alloro. Opera dello scultore triestino Giovanni Mayer, realizzata in rame sbalzato dall’artigiano Giacomo Sebroth, è sorretta da un tubo d’acciaio che s’innesta nella torre. Pensata per resistere al forte vento di bora, le sue ali presentano alcune aperture per diminuirne la resistenza. La corona che ne orna il capo nasconde l’impianto di protezione dalle scariche atmosferiche.

LA STATUA DEL MARINAIO IGNOTO

Sempre del Mayer l’imponente scultura dedicata al Marinaio Ignoto, realizzata con la collaborazione del maestro scalpellino Regolo Salandini. La statua, alta otto metri e 60 cm, raffigura l’immagine di un marinaio con il classico copricapo da pioggia della Regia Marina, noto come “Sud-Ovest”, e alti stivali da lavoro mentre scruta il mare.


L'ANCORA

Alla base della statua è appoggiata l’ancora del cacciatorpediniere Audace, corredata dalla targa riportante la dicitura "Fatta prima d’ogni altra sacra dalle acque della gemma redenta, il 3 novembre 1918" a commemorazione dello storico ingresso della prima nave italiana a Trieste, l’Audace appunto.

L'EPIGRAFE E LA CATENA

Più sotto un’altra epigrafe “MCMXXVII Splendi e ricorda i caduti sul mare MCMXV – MCMXVIII” sottolinea ancora una volta come la luce del faro serva non solo a guidare i naviganti contemporanei, ma anche a ricordare i caduti in mare del passato. La catena, che cinge l’aiuola alla base del Faro, e i due proiettili posti all'entrata appartenevano alla corazzata austroungarica Viribus Unitis, affondata nella Base di Pola nel 1918 da incursori della Marina Italiana.


Alcuni dati


Peso complessivo: 8.000 tonnellate
Altezza complessiva: 67.85 mt
Altezza dal livello del mare: 128.85 mt
Altezza del piano focale sul mare: 116 mt
Intensità media del corpo illuminante: 1.250.000 candele

Portata media: 35 miglia
Altezza della Vittoria alata: 7.20 mt
Altezza della statua del Marinaio: 8.60 mt

Il faro dipende dalla Marina Militare ed è aperto al pubblico grazie a una speciale convenzione stipulata con la Regione Friuli Venezia Giulia tramite l’Ente regionale per il patrimonio culturale - ERPAC

Finissage della mostra "Intrecci di donne. L'essere e il tessere"

Intrecci di donne. L'essere e il tessereIntrecci di donne. L'essere e il tessere

Finissage il 31 ottobre 2021 da Eppinger Caffè in via Dante 2B a Trieste della mostra fotografica/artistica "Intrecci di donne. L'essere e il tessere" di Jenny Taverna e Manuela Burlina a cura de Le Vie delle Foto. In occasione del finissage sono previsti una visita guidata (su prenotazione) alla presenza delle artiste alle 11.00 e, a seguire, un pranzo.

Assieme alle immagini fotografiche di Jenny Taverna, saranno esposti gli arazzi realizzate delle allieve della tessitrice Emanuela Burlina. 

A curare la mostra è Linda Simeone, ideatrice de Le vie delle foto, manifestazione nata nel 2011 che da dieci anni trasforma il centro di Trieste, con i suoi esercizi pubblici e locali storici, in un’enorme mostra fotografica. Grazie a Le Vie delle Foto - format di successo che ogni anno rende Trieste la città della fotografia - i locali pubblici e gli spazi urbani di Trieste si trasformano infatti in un'unica, gigantesca galleria nella quale fotografi, professionisti e non, provenienti da tutta Italia e dal resto del mondo, possono esporre i propri scatti e che nella prima metà del 2022 a fine manifestazione  vedrà la pubblicazione di un ricco catalogo fotografico.

 

Cani da A-Mare di Fabiana Postir da Eppinger caffè

Fabiana Postir Cani da A-MareFabiana Postir Cani da A-Mare

Cani da A-mare è una mostra per sensibilizzare sull'abbandono dei cani in una città particolarmente amante degli amici a 4 zampe. Lunedì 1 novembre presso Eppinger Caffè in via Dante 2B a Trieste apre la mostra fotografica personale di Fabiana Postir a cura de Le Vie delle Foto. Inaugurazione ufficiale alla presenza dell'artista giovedì 4 novembre alle 18.30. La mostra sarà visitabile su prenotazione fino al 30 novembre.

In 20 scatti "Cani d' A-mare" vuole raccontare con spontaneità e reciprocità l'amore incondizionato che da sempre caratterizza il rapporto cane-uomo.
Frutto di un lavoro iniziato 3 anni fa, la fotografa/autrice degli scatti, Fabiana Postir, è molto legata al tema proposto nella mostra proprio perché i cani adottati nelle sua famiglia provengono da storie di abbandono.

A curare la mostra è Linda Simeone, ideatrice de Le vie delle foto, manifestazione nata nel 2011 che da dieci anni trasforma il centro di Trieste, con i suoi esercizi pubblici e locali storici, in un’enorme mostra fotografica.
Grazie a Le Vie delle Foto - format di successo che ogni anno rende Trieste la città della fotografia - i locali pubblici e gli spazi urbani di Trieste si trasformano infatti in un’unica, gigantesca galleria nella quale fotografi, professionisti e non, provenienti da tutta Italia e dal resto del mondo, possono esporre i propri scatti e che quest'anno, a fine evento, vedrà la pubbllicazione di un ricco catalogo fotografico.

La mostra fotografica "Cani da A-mare" è visitabile su prenotazione da Eppinger Caffè in via Dante 2B a Trieste fino al 30 novembre.

Per prenotare la visita guidata anche con l'artista, in considerazione delle misure antiCovid è necessario inviare una mail a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

Evento Facebook: https://www.facebook.com/events/343468760077104/

Storie di pietre e voci di confini

Storie di pietre voci di confini Storie di pietre voci di confini

Rappresentazione teatrale “Storie di Pietre e Voci di Confini” venerdì 29 ottobre 2021 alle  20.30 nella Sala Luttazzi del Comune di Trieste all'interno della rassegna “Una Luce sempre Accesa” inserita nell’ambito del progetto sostenuto dalla Regione FVG “Storie di Pietre e di Confini in tempo di Pace”. Lo spettacolo si svolge a leggìo in italiano accennando le lingue e i dialetti diversi (italiano, sloveno, tedesco, triestino, bisiaco, friulano) che sono usati nella nostra regione, al di là dei confini materiali che esistono da secoli. In collaborazione con l’Associazione Numerouno, Teatropossibile e la partecipazione straordinaria del coro S. Ignazio di Gorizia diretto dal M° Liviano Brumàt, lo spettacolo è scritto e diretto da Giorgio Amodeo con la collaborazione di Tatiana Malalan e Giuliana Zidarič. Musiche originali di Edy Meola. Scenografia di Monica Kirchmayr. Ingresso gratuito

Lo spettacolo vuole dare voce alle pietre, che siano del Carso o della Carnia, dell’Istria o del litorale giuliano-veneto. La pietra è il filo conduttore della rappresentazione che parte da brevi cenni storici sulla storia della regione Friuli Venezia Giulia e terre confinanti (a leggìo) per proseguire con scene di vita quotidiana in diverse epoche e momenti storici. Per conoscere i diversi modi di vita, le tradizioni popolari, le canzoni d’amore o di guerra, il legame con la terra e la natura per chi è nato e vive in campagna e una continua ricerca delle proprie radici per chi è nato e vive in città, le lingue e i dialetti diversi che si incrociano, si mescolano. Gli attori e il coro si esibiranno in diverse lingue e dialetti (italiano, sloveno, tedesco, triestino, bisiaco, friulano) perché i confini materiali sono esistiti, certo, e per secoli. Ma siamo nell’anno 2021 e...

Nel programma delle iniziative previste all’interno di Duino&Book, venerdì 29 ottobre alle ore 20.30 inoltre a Capriva si terranno la proiezione del film documentario “Isonzo” curato dal M° Licio Venizio Bregant, nonché diverse iniziative inserite nell'ambito della rassegna Calici d'Autore che verrranno diffuse e trasmeesse online sui canali social di Duino&Book.

Dieci i partner ufficiali: Comune di Capriva del Friuli (Gorizia – Fvg), Comune di Montereale Valcellina (Pordenone - Fvg), Comune di Prepotto (Udine - Fvg), Città di Buie / Grad Buje Buie (Croazia ), Comune di Terracina (Latina - Lazio ), Istituzione Bologna Musei – Museo del Risorgimento di Bologna (Bologna – Emilia Romagna), Associazione Nazionale Città del Vino (Siena – Toscana), Università della Terza Età Aps (Trieste – Fvg), Associazione Genitori Rilke Aps (Duino Aurisina - Fvg), Gruppo Speleologico Flondar (Duino Aurisina - Fvg), ma oltre 50 ulteriori soggetti, editori, enti, associazioni, aziende, media, saranno coinvolti e protagonisti degli eventi distribuiti negli otto mesi di svolgimento. E non possiamo non citare su tutti la Sezione di Borgo Hermada del Gruppo Ermada Flavio Vidonis con il presidente Luigi Orilia, l’Associazione Pedagnalonga, Le Vie delle Foto, il Lions Club Duino Aurisina, l’Ajser 2000 e tantissime altre entità associative e istituzionali.

 

Vita col mare: 7 racconti di mare attraverso 33 opere

Vita col mare Vita col mare

#èbelloedègratis. Vita col mare - sette racconti di mare attraverso trentatre opere scelte della Collezione d’Arte della Fondazione CRTrieste. A cura di Alessandro Del Puppo. Museo d’Arte Moderna “Ugo Carà” - Muggia (TS). Il titolo della mostra, che propone una selezione di 33 tra dipinti, disegni, incisioni e sculture provenienti dalla Collezione d’Arte della Fondazione CRTrieste (che ne conta un totale di 478), si ispira all’omonimo romanzo del 1973 di Stelio Mattioni (Trieste, 1921 – 1997). Il rapporto con il mare viene indagato mediante un percorso che si snoda attraverso sette sezioni tematiche che raccolgono e rappresentano una testimonianza della migliore produzione artistica triestina tra Otto e Novecento: La geografia, la storia; La città, il golfo; Al largo; Bagnanti; Il litorale; Muggia; Il ritorno a casa.

Gli artisti

Giuseppe Barison, Gianni Brumatti, August Černigoj, Antonio Coceani, Alexander Dzigurski, Ugo Flumiani, Guido Grimani, Guglielmo Grubissa,, Georg Keller, Paolo Klodic de Sabladoski, Mario Lannes, Maria Lupieri, Tranquillo Marangoni, Marcello Mascherini, Argio Orell, Nino Perizi, Dino Predonzani, Edgardo Sambo, Lojze Spacal, Nicola Sponza, Dyalma Stultus e Vito Timmel.

Il percorso

La Mostra si apre con la storia e la geografia locale, l’antica cartografia, le figure dei commercianti, il santo protettore. Lo sguardo poi si estende alle vedute della città, con le rive solcate di borghesi e di popolani. Si prende il largo con le spettacolari vedute marine e di imbarcazioni di Ugo Flumiani e di Sambo di cui è in esposizione anche Nudi al sole. Si prosegue con il litorale e con le vedute del porticciolo di Muggia che consentono di riscoprire alcuni autori poco noti del Novecento triestino come Gianni Brumatti, Nicola Sponza, Guglielmo Grubissa e soprattutto Maria Lupieri,donna artista che merita di essere valorizzata. L’ultimo capitolo narra il ritorno a casa. Tre sole opere, ma che permettono di documentare la presenza di un moderno stile di matrice postcubista (Nino Perizi e Lojze Spacal), fino al grande pannello decorativo di Dino Predonzani, vero omaggio al mare, alla natura e alla presenza dell’uomo.

L’allestimento

La scelta delle opere e l'allestimento creato dal curatore Alessandro Del Puppo - che è anche curatore della Collana d’Arte edita dalla Fondazione CRTrieste - con il conservatore del Museo Massimo Premuda, intende riprodurre anche nel percorso espositivo quella che è la vita lungo la costa. Le opere sono accompagnate, oltre che da una didascalia, anche da un codice QR che rimanda direttamente a una scheda di approfondimento e contestualizzazione sul dipinto, presente sul sito web della Fondazione CRTrieste

La Collezione d’Arte della Fondazione CRTrieste. A partire dai primi anni del Novecento la Cassa di Risparmio di Trieste ha avviato un lungimirante processo di acquisizione di opere d’arte nell’ambito di un progetto di sostegno e valorizzazione degli artisti di area locale più rappresentativi. Alla luce delle finalità statutarie, la Fondazione ha deciso di proseguire la valorizzazione di questo importante patrimonio con l’acquisizione, nel 2005, delle opere di maggiore significato artistico e storico della Banca al fine di garantirne il radicamento con il territorio triestino e di impedirne la dispersione conseguente alla fusione della Cassa di Risparmio di Trieste nel Gruppo UniCredit. Negli anni successivi, la Collezione si è arricchita con ulteriori acquisizioni particolarmente significative del Novecento triestino, oltre alla Collezione “Arte e industria” Stock.

Il Museo “Ugo Carà” - L’istituzione del museo nasce in seguito alla donazione alla città di Muggia da parte del Maestro Carà, scultore, pittoe, grafico. Nel 2004 la Fondazione CRTrieste ha sostenuto la realizzazione della struttura per poterle ospitare. L’edificio, di nuova costruzione per un totale di 1350 metri cubi, ha una superficie utile interna di 315 metri quadrati, con pareti espositive sviluppate per 80 metri lineari e superficie esterna di 400 metri quadrati. Le pareti interne, sistemate attorno ad un nucleo centrale di servizi, sono scorrevoli e permettono la creazione di otto diverse configurazioni, adatte ad ospitare molteplici situazioni espositive, donando così a questa struttura una versatilità non comune.

La mostra - a ingresso gratuito - resterà aperta fino a domenica 28 novembre 2021 con i seguenti orari: da martedì a venerdì 17-19; sabato 20-12 e 17-19; domenica e festivi 10-12.  L’accesso sarà vincolato al possesso del Green Pass.

Per informazioni e prenotazioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. oppure 040.336340.

Cocktail formaggi e calici a Piazzola sul Brenta

Asolo prosecco per Caseus VenetiAsolo prosecco per Caseus VenetiCOCKTAIL, FORMAGGI E CALICI. Sette inediti miscelati a base di Asolo Prosecco, ideati da Samuele Ambrosi, il bartender del Cloakroom Cocktail Lab di Treviso, pluripremiato nei più prestigiosi concorsi internazionali, ha ideato sette cocktail a base di Asolo Prosecco e di liquori e distillati del territorio asolano per accompagnare i piatti che valorizzano i formaggi veneti, preparati da sette chef nel corso degli show cooking in programma a Caseus Veneti.

Caseus Veneti 2021Caseus Veneti 2021

Caseus Veneti, la grande rassegna casearia in calendario sabato 25 e domenica 26 settembre a Villa Contarini di Piazzola sul Brenta (Padova). Insieme all’Asolo Prosecco. Tra gli ingredienti miscelati da Ambrosi ci sono il gin Cento Orizzonti e l’amaro Alpe Madre di Genziana Distillati, distilleria di Pieve del Grappa, località dell’area di produzione della denominazione asolana, elaborati entrambi a partire dalle essenze botaniche della Rocca di Asolo e dei colli circostanti.

Gli chef Saimir Xhaxhaj del Ristorante La Canonica di Verona, Edoardo Caldon di Fuel Ristorante in Prato di Padova, Giovanni Merlo del Ristorante La Paterna di Giavera del Montello (Treviso), Davide Di Rocco del Di Rocco Bistrot - Cà Matta a Noale (Venezia), Serghei Hachi dell’Osteria Al Cantinon a Venezia, Simone Selva del Ristorante Wistèria a Venezia e Nicolò Pinto di Vittoria dal 1938 a Venezia, sono stati selezionati dalla sommelier Adua Villa e dal critico enogastronomico Marco Colognese, che condurranno gli show cooking, all'insegna della sostenibilità.


Oltre a essere il fondamento della mixology, nel corso di Caseus Veneti le bollicine asolane, nelle tre versioni extra brut, brut e extra dry, accompagneranno anche le degustazioni guidate dei formaggi veneti a marchio DOP (denominazione di origine protetta) e STG (specialità tradizionale garantita) nei quattro appuntamenti previsti la domenica:

Una montagna di formaggio con l’Asolo Prosecco che sposa il Montasio e il Monte Veronese

Il gigante e la bambina con il Grana Padano e la Casatella Trevigiana

Il fiume e l’altipiano con il Piave e l’Asiago

Le diverse consistenze della filata con il Provolone Valpadana e la Mozzarella STG.

Si potrà assaggiare l’Asolo Prosecco anche nei due stand consortili allestiti nell’area esterna alla villa. L’ingresso e tutti gli appuntamenti di Caseus Veneti sono gratuiti. 

A Manzano un Calice a Teatro

un calice a teatro locandinaun calice a teatro locandinaUN CALICE A TEATRO. Spettacoli nelle cantine per sorsi di cultura e divertimento  è un progetto culturale del Coordinamento del Friuli Venezia Giulia delle Città del Vino. Sabato 18 settembre 2021 alle 20.30 nella Corte Interna del Palazzo Comunale di Manzano è in programma lo spettacolo teatrale Vino Vin? con i Trigeminus, ovvero i simpaticissimi fratelli Mara e Bruno Bergamasco. A fine spettacolo ci sarà una degustazione dei vini dell’Azienda Agricola Ronchi di Manzano che si dedica dal 1969 alla produzione di vini di alta qualità.

Ingresso libero. Prenotazione obbligatoria: Ufficio IAT di Manzano Tel. + 39 0432 1799010 dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 13.00.

In caso di maltempo lo spettacolo si terrà in Aula Magna. Accesso consentito alle persone munite di Certificazione Verde Covid-19 in corso di validità.

LO SPETTACOLO

TrigeminusTrigeminus
Vino vin? in friulano è una domanda fondamentale per ogni tipo di incontro: significa Abbiamo vino?cioè Vino ce n’è?
“Il vino non si beve soltanto, si annusa, si osserva, si gusta, si sorseggia e …se ne parla". Ne  parleranno, a modo loro, i Trigeminus attraverso i loro personaggi protagonisti di storie “spiate nella realtà”. 

 Un Calice a Teatro è una rassegna teatrale itinerante che nasce da un’idea di Sonia Paolone e che è organizzata insieme al Gruppo teatrale El Tendon di Corno di Rosazzo e all’Associazione Teatrale Friulana con il coordinamento di Luigino Zucco.

 

 

 

Fukinsei di Muner in mostra al Double Tree by Hilton

Muner FUKINSEI cover eventoMuner FUKINSEI cover eventoLunedì 13 settembre 2021 alle 18.30 apre al Double Tree by Hilton Hotel di Trieste la rassegna personale di scatti del fotografo Massimiliano Muner,dal titolo  Fukinsei, termine giapponese che indica la bellezza dell'asimmetria e dell'irregolarità.  La mostra, curata da Artrophia in partnership con Le Vie delle Foto, sarà visitabile su prenotazione fino al 26 settembre.

Protagoniste le polaroid e serigrafie dell'artista triestino, ospitate nel bar storico dell’hotel, l’elegante Berlam Coffee Tea & Cocktail.

Per prenotarsi e per partecipare alle visite guidate in programma giorni 18 e 19, 25 e 26 settembre scrivere a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.. Posti limitati.

“Fukinsei esplora il concetto di asimmetria, che nella cultura giapponese viene valorizzato – sottolineano  le curatrici Lucija Slavica e Naomi Drušković -. Tutti noi siamo stati in qualche modo segnati dalle incertezze che ha portato con sè la pandemia, proprio per questo è importante trasformare le nostre cicatrici e la nostra fragilità in bellezza. Le opere che vi presenteremo, composizioni di polaroid e serigrafie, sono state realizzate proprio nel periodo immediatamente successivo all'ultimo lockdown”. “Siamo molto liete di far parte del progetto de Le vie delle foto di Linda Simeone – concludono - . Crediamo, ora più che mai, nelle sinergie. La cultura va difesa e diffusa insieme”.

Muner Ceremony polaroid 2020Muner Ceremony polaroid 2020

LA MOSTRA by Artrophia

Shin’ichi Hōseki Hisamatsu (1889-1980), filosofo, studioso e monaco Zen di tradizione Rinzai, nella sua opera "Zen and the Fine Arts", identifica i sette valori chiave che le arti giapponesi ispirate ai principi zenisti dovrebbero possedere. Tra questi vi è anche il concetto di fukinsei 不均整 (“asimmetria”).

Fukinsei ci permette di sottrarci all'ideale della perfezione, estranea alla natura e all'esperienza umana, e di accogliere possibilità alternative. Essendo un espediente umano infatti, secondo il pensiero giapponese, è necessario ammettere la possibilità del cambiamento, abbandonando i preconcetti e certe gabbie mentali e di pensiero. Nell'arte di Massimiliano Muner la polaroid viene quindi scomposta e ricomposta: il risultato è una serie di moduli in cui ciascuno di essi ingloba un microcosmo. L'irregolarità diventa un'opportunità per esplorare i frammenti di una realtà quasi sfuggente, un silente inno al qui ed ora. Allo stesso tempo il gioco di inquadrature imperfette cristallizzate nell'enigmatica bellezza delle sue composizioni, rende i soggetti (fiori e farfalle) come un'eco della vita della morte e del tempo, suggerendo altre prospettive.

L'ARTISTA

Massimiliano Muner, nato a Trieste nel1984 si occupa di fotografia instantanea. Suoi lavori sono stati esposti in oltre 50 mostre a Trieste, Milano, Roma, Vienna, Berlino e New York, e fanno parte di collezioni pubbliche e private. Il suo lavoro è parte della prestigiosa Polaroid Collection [WestLicht, Vienna] e dell’archivio Fratelli Alinari Fondazione per la Storia della Fotografia [Firenze, Italia].

 

Fa tappa a Cividale Al Roncal Vini Gusti in Musica

Amadeus Piano DuoAmadeus Piano Duo

Il Festival Vini Gusti in Musica - musica classica nelle cantine con concerti di suoni e sapori, il nuovo progetto culturale del Coordinamento del Friuli Venezia Giulia delle Città del Vino fa tappa a Cividale del Friuli. Il 9 settembre 2021 alle 20.30 appuntamento al Roncal Wine & Resort, elegante tenuta immersa tra i vigneti terrazzati dei Colli Orientali del Friuli,

Festival Vini Gusti in Musica. Si parte da Duino Aurisina

Locandina Festival Vini Gusti in musicaLocandina Festival Vini Gusti in musica

"Proseguono nel mese di settembre le proposte di Città del Vino FVG, spiega Tiziano Venturini, assessore alle attività produttive e turismo del Comune di Buttrio. Ai winelovers e non solo a quelli amanti della musica classica doniamo delle serate emozionanti accompagnate dai vini delle cantine del territorio.

Enoturismo FVG. L'estate continua

presentazione festival gusti in musicapresentazione festival gusti in musica

FVG: l'incontro tra arte e vino prolunga la stagione turistica regionale 2021: il Coordinamento del Friuli Venezia Giulia delle Città del Vino ha presentato ad Aquileia, ospite dell'amministrazione comunale e della famiglia Clementin nella sua azienda vitivinicola Brojli,

Nuovi appuntamenti di Carniaarmonie

CarniarmonieCarniarmonie#carniarmonie #èbelloedègratis Proseguono gli appuntamenti della manifestazione firmata dalla direzione artistica di Claudio Mansutti. Venerdì 20 agosto 2021 alle 20.30 a Paluzza un concerto organizzato in collaborazione con ERT FVG: protagonista il giovane e talentuoso pianista Elia Cecino – artista residente alla Fondazione Luigi Bon – con i Cameristi della FVG Orchestra guidati dal Maestro concertatore Constantin Beschieru che proporranno un programma su musiche di Chopin e Shostakovich. 

Carniarmonie La buona novellaCarniarmonie La buona novella

Sabato 21 agosto a Comeglians (Sala Alpina, 20.30) "La buona novella” di De Andrè con Francesco Tirelli voce, chitarra, percussioni e arrangiamenti, Andrea Martinella oboe e corno inglese, Nicola Tirelli pianoforte e sintetizzatori, Marco Bianchi chitarra ed effetti, Antonio Merici al violoncello, Martina Gorasso e Emanuela Mattiussi ai cori, Sarah Turchini coreografia e danza con la direzione artistica di Giuseppe Tirelli.

Carniaarmonie vaudeville d'operettaCarniaarmonie vaudeville d'operetta

Domenica 22 agosto a Enemonzo (ore 18.00, Sala Centro Sociale), di scena Vaudeville d’Operetta: l’attrice Marzia Postogna, la soprano Ilaria Zanetti e Cristina Santin al pianoforte propongono un’irresistibile commedia musicale degli equivoci, prodotta dall’Associazione Internazionale dell’Operetta.

Tutti i concerti sono a ingresso gratuito. È necessario il green pass ed è consigliata la prenotazione QUI 

 

Il Tiepolo Brass Quintet all'Alpe di Ugovizza

 

Tiepolo Brass QuintetTiepolo Brass QuintetLa località Madonna della Neve – raggiungibile a piedi in 1 ora e 15 minuti circa dopo aver lasciato la macchina nell'ultimo parcheggio della strada che da Ugovizza porta all'Alpe – è posta nell’ampia area compresa tra il Monte Acomizza (1813 m) e il Monte Cocco (1914 m), inserita all’interno delle Alpi Carniche, lungo il confine di Stato fra Italia e Austria. Pochi lo sanno ma l’area rappresenta la linea di spartiacque tra il bacino idrografico danubiano, in Austria, e quello adriatico, in Italia. La località Madonna della Neve si trova sulle pendici orientali del monte Gozman, poco a sud dell'Osternig, sul confine italo-austriaco. Qui, a 1750 metri di altitudine, sorge una suggestiva chiesetta, costruita nel 1911 da un carinziano di Feistritz an der Gail: una semplice e minuscola costruzione in pietra a vista e tetto a scandole di legno, costituita da un unico ambiente rettangolare con una piccola abside, nella quale è stato incastonato un altare ligneo di tradizione nordica. Attorno alla chiesetta, dalla quale si può ammirare una splendida veduta sulle Alpi Carniche e Caravanche, sono ancora presenti numerosi resti bellici.

palchi nei parchi logopalchi nei parchi logo

Qui, in località Madonna della Neve ad Alpe di Ugovizza, Malborghetto-Valbruna, il 21 agosto 2021 alle 11 del mattino ci sarà il nuovo appuntamento della rassegna itinerante  Palchi nei Parchi, ideata dal Servizio foreste e Corpo forestale della Regione FVG con la direzione artistica della Fondazione Luigi Bon. Il concerto Brass & Swing con il Tiepolo Brass Quintet.

Ingresso gratuito su prenotazione

IL TIEPOLO BRASS QUINTET è un gruppo di ottoni formato da Diego Cal e Luca Del Ben alle trombe, Martina Petrafesa al corno, Andrea D’Incà al trombone ed Enrico Toso al bassotuba;  
creato e diretto dal trombettista friulano M° Diego Cal. 

Mostra fotografica di Ulderica da Pozzo

Ulderica da Pozzo mostra fotograficaUlderica da Pozzo mostra fotograficaGiovedì 19 agosto 2021 alle 18 in località SALÂRSdi Ravascletto negli spazi di Cjasa da Duga si inaugura la mostra fotografica “DI ÂGA E DI LAT. LUOGHI, STORIE, MEMORIE”.Le immagini della fotografa Ulderica Da Pozzo legano al tema della tutela delle acque la necessità di preservare antichi mestieri come quelli legati al latte. Un lavoro che è stato un tempo soprattutto maschile e che ora giovani donne  stanno cercando di fare sopravvivere. 

ULDERICA DA POZZOULDERICA DA POZZO

Interverranno il condirettore del Messaggero Veneto Paolo Mosanghini e la docente di Diritto del Lavoro dell’Università di Trieste Roberta Nunin. La mostra organizzata nell'ambito di vicino/lontano mont vede la ollaborazione delConsorzio Bim Tagliamento e del Comune di Ravascletto. Posti limitati. Ingresso gratuito con prenotazione online a sul sito vicinolontano.it Accesso con green pass.

Suggestioni archeologiche ad Aquileia.

aquileia specchiaquileia specchi

Suggestioni archeologiche.  "Lusso, ricchezza e seduzione femminile nell'antichità” è il tema del ciclo di conferenze di archeologia che si terrà nelle Gallerie Lapidarie del Museo archeologico nazionale di Aquileia in collaborazione con l’Associazione Nazionale per Aquileia.

L’edizione 2021 è legata al tema della sezione di recente inaugurata nel Museo di Aquileia, intitolata “Lusso e ricchezza” e dedicata ai reperti più preziosi della collezione, ricchi di informazioni sull’alta qualità dell’artigianato aquileiese, sui contatti commerciali del centro aquileiese,  sulla ricchezza dei suoi abitanti e sulle loro abitudini sociali.

Il primo appuntamento si terrà giovedì 29 luglio alle 17 con la conferenza dal titolo “Ori e gioielli fra mondo greco e mondo romano”, curata da Marina Rubinich dell'Università degli Studi di Udine.

Le conferenze sono a ingresso gratuito ma è obbligatorio prenotare allo 0431 91016 oppure scrivere a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

Eurogol. 60 anni di Europei in figurina

FMAV mostra eurogolFMAV mostra eurogol

#èbelloedègratis Vittoria della Nazionale italiana al Campionato Europeo 2020. FMAV propone una settimana di ingressi gratuiti per festeggiare assieme questo grande traguardo! Da mercoledì 14 luglio a domenica 18 luglio 2021, dalle16 alle 21, sarà possibile visitare gratuitamente la mostra Eurogol. 60 anni di Europei in figurina, al Museo della Figurina- Palazzo Santa Margherita (Corso Canalgrande 103, Modena).
La mostra nasce in occasione del Campionato Europeo e in stretto legame con la raccolta personale di Gianni Bellini, considerato il maggior collezionista di album di figurine dedicate al calcio. Eurogol ripercorre la storia di questa grande manifestazione attraverso figurine, album, materiali di archivio, documenti, oggetti e giochi che testimoniano il fortissimo legame tra figurine e sport.

Sabato 17 luglio alle 18, sarà inoltre possibile partecipare gratuitamente alla visita guidata condotta dallo staff del Dipartimento Educativo di FMAV.
Per prenotarsi: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Musica e parole alla scoperta di una copia manoscritta dell'Inferno

Ensemble DramsamEnsemble Dramsam

11 luglio 2021: appuntamento a San Daniele del Friuli per un viaggio anche visivo nell’opera di Dante con Angelo Floramo nel ruolo di un moderno Virgilio. Nella biblioteca Guarneriana è conservato il manoscritto 200, una delle copie più antiche al mondo dell’Inferno dantesco.

Alle 18 presentazione di questa straordinaria testimonianza da parte dello storico e studioso friulano, profondo conoscitore delle collezioni antiche della biblioteca. Floramo presenterà le pregevolissime miniature, attribuite alla mano di Bartolomeo da Fruosino, maestro di quell’Ambrogio Traversari che più tardi illustrò  i codici più belli del ‘400 fiorentino. Le più ricche, per ornato, utilizzo di pigmenti preziosi e raffinatezza del tratto sono tutte concentrate nei primi fogli.

 

Il gioco narrativo racconterà le forme e i colori delle miniature, che da sole rappresentano un itinerario di bellezza tra le pergamene.

 

 

Alle 19, nella chiesa di Sant'Antonio, percorso letterario musicale alla scoperta della copia manoscritta conservata in Guarneriana. Le musiche che accompagneranno il viaggio appartengono ai repertori in uso tra Duecento e Trecento. Cominciando dalle laudi monodiche, il primo repertorio in lingua volgare di cui si ha notizia, è stato elaborato un percorso che seguirà il grande cambiamento di cui Dante fu testimone, ovvero la diffusione delle pratiche polifoniche dal mondo sacro a quello profano. Dante stesso fu “paroliere” per questa nuova pratica di poesia in musica e di questo informa Dante medesimo nella Commedia, quando nel Purgatorio incontra Casella a cui chiede di intonare un canto e per risposta quest'ultimo intona proprio una poesia di Dante, “Amor che nella mente mi ragiona, “sì dolcemente/che la dolcezza ancor dentro mi risuona”.

A dare suono e voce a questo viaggio sarà l'Ensemble Dramsam con Alessandra Cossi alla voce e percussioni, Fabio Accurso ai liuti, Gianpaolo Capuzzo ai flauti dritti ed Elisabetta de Mircovich alla viella e ribeca. Nell’evento all’interno della chiesa di Sant’Antonio, troveranno spazio anche le “rivisitazioni” delle miniature presenti nella copia manoscritta dell’Inferno conservata all’interno della Guarneriana. Le illustrazioni in chiave digitali sono opera del giovane illustratore triestino Armando “Miron” Polacco; le animazioni sono a cura di Manuel Rizzo.

 #èbelloedègratis L'appuntamento è a ingresso gratuito, ma con prenotazione obbligatoria inviando una email a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.. Sarà possibile prenotarsi anche per uno solo degli appuntamenti della serata, visita guidata, conferenza o concerto che sia, anche direttamente QUI 

 

IN ALLEGATO

Fen art. Sculture in fieno a Pontebba

Fen ArtFen Art

Fen Art. Festival internazionale di sculture di fieno in programma a Pontebba dal 16 al 18 luglio 2021.  Sedici artisti provenienti da tutto il mondo pronti a stupirvi.  Organizzato dal Gruppo Sportivo Val Gleris, con il sostegno del Comune di Pontebba e il supporto della Regione FVG. Il Friuli Venezia Giulia sarà rappresentato da Julia Artico, di Tricesimo. 

Fen Art. Gli artisti si metteranno all’opera dalla mattina di venerdì 16 luglio e avranno tempo fino a domenica 18 alle 18 per concludere il lavoro. Le loro sculture dovranno rappresentare la “Rinascita”, con un messaggio di ripartenza post Covid-19. Fen Art si svolgerà in tutti gli angoli più caratteristici di Pontebba, dall’area del municipio alla gradinata della chiesa di Pontafel. #èbelloedègratis  Sarà possibile assistere a tutta la preparazione delle sculture in fieno. Non mancheranno gli eventi collaterali, dal mercatino delle eccellenze gastronomiche e dell’artigianato, fino allo spazio per i bambini denominato “Fen Park”. Previsti anche intrattenimento musicale ed escursioni.

Videoproiezione dell'Inferno di Bertolini per Duino&Book

Proiezione del lungometraggio Inferno Proiezione del lungometraggio Inferno

#ebelloedegratis  Domenica11 luglio 2021 Duino&Bookvi propone l'Inferno.  Proiezione del film muto del 1911 di Francesco Bertolini con musiche dei Baby Gelido. Alle 18.00 sui canali social del Festival #storiediangeli. Liberamente adattato alla Divina Commedia di Dante e ispirato alle illustrazioni di Gustav Dorè, "L'inferno" è noto per essere il primo lungometraggio italiano. Dante viaggia verso l'inferno, ma cosa prova a livello emotivo e fisico?

ll film di Bertolini rinasce, grazie al lavoro sperimentale dei Baby Gelido, duo composto da Stefano e Daniele Mastronuzzi, musicisti e compositori, che percorrono i generi alternative indie e ambient con sintetizzatori, looper, chitarre, campionatori e sezioni elettroniche.

Duino&Book è promosso dal Gruppo Ermada Flavio Vidonis e si svolge grazie al contributo della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia nell’ambito della Promozione delle attività culturali – iniziative progettuali 2021 per le manifestazioni di divulgazione della cultura umanistica e si avvale di diversi e specifici contributi nelle varie sezioni per la loro realizzazione.   

Programma completo QUI  

 

Festival degli angeli. Programma del 10 luglio

 

duino 10 luglioduino 10 luglioProsegue"Duino&Book Storie di Angeli", rassegna che vedrà tra luglio e agosto ben 44 eventi tra lettura, prosa spettacolo animazione cultura storia sport ed enogastronomia. Il programma del 10 luglio 2021 prevede:

Alle 10 Visita Guidata al Mitreo in collaborazione con il Gruppo Flondar (partenza dalla Stazione Forestale di Duino)

Dalle 19 alle 22.30 nella Dolina di Borgo San Mauro "Dante sotto le stelle nel Dante Day"

Alle 19.30 "Dante, Leopardi e l'Architrenius", la storia del libro ritrovato, il testo in latino medievale Architrenius di Giovanni di Altavilla edito da Carrocci, nelle parole dei traduttori Lorenzo Carlucci e Laura Marino intervistati da Christian Sinicco. Evento in presenza. 

Alle 21 nello Spazio Degustazioni, Dantè Sky, spettacolo di e con Gualtiero Giorgini, testi a cura di Laura Marino: in un teatro all’aperto dove gli spettatori guardano il cielo e si immergono nel Paradiso dantesco. Versi e cieli stellati dai canti della Commedia. 

 

Duino&Book è promosso dal Gruppo Ermada Flavio Vidonis e si svolge grazie al contributo della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia nell’ambito della Promozione delle attività culturali – iniziative progettuali 2021 per le manifestazioni di divulgazione della cultura umanistica e si avvale di diversi e specifici contributi nelle varie sezioni per la loro realizzazione.

Programma completo QUI  

 

 

 

Viaggio letterario online nei luoghi danteschi

Duino&Book 6 luglioDuino&Book 6 luglioDuino&Book Storie di Angeli, rassegna che ha in programma tra luglio e agosto 2021 ben 44 eventi tra lettura prosa spettacolo animazione cultura storia sport ed enogastronomia, per il 6 luglio  alle 18 ci invita a seguire online sui canali social di Duino Book L’ITALIA DI DANTE. L’ITALIA DI OGGI. Viaggio letterario nei luoghi legati all'opera e alla vita di Dante a cura di Giulio Ferroni con la presentazione del libro "L’Italia di Dante" (La nave di Teseo 2020). Videointervista a cura di Laura Marino. Regia di Linda Simeone, introduzione di Christian Sinicco.

L’incontro con tanta bellezza, e insieme con i tanti segni del passato e del presente. Un modo per rileggere la parola di Dante in dialogo con l’attualità.

IL VOLUME 
Seguendo la traccia della Divina Commedia, e quasi ripetendone il percorso, Giulio Ferroni, docente alla Sapienza di Roma, compie un vero e proprio viaggio all’interno della letteratura e della storia italiane: una mappa del nostro paese illuminata dai luoghi che Dante racconta in poesia. L’incontro con tanta bellezza, palese o nascosta, nelle città come in provincia e insieme con tanti segni della violenza del passato e dei guasti del presente, è un modo per rileggere la parola di Dante in dialogo con l’attualità, ma anche per ritrovare in questi luoghi una ricchezza, storica e letteraria, che spesso fatichiamo a riconoscere anche là dove ci troviamo a vivere. Da nord a sud, dalla cerchia alpina alla punta estrema della Sicilia, da Firenze al Monferrato, da Montaperti a Verona, da Siena a Roma, Ravenna, Brindisi, si seguono con Dante i diversi volti di questo paese “dove ’l sì suona”, “serva Italia”, “bel paese”, “giardin dell’impero”: un percorso attraverso la storia, l’arte, la cultura, con quanto di essa luminosamente resiste e con ciò che la consuma e la insidia; ma anche un viaggio che riesce a restituirci, pur tra le fuggevoli immagini di uno smarrito presente, la profondità sempre nuova della nostra memoria.

Duino&Book è promosso dal Gruppo Ermada Flavio Vidonis e si svolge grazie al contributo della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia nell’ambito della Promozione delle attività culturali – iniziative progettuali 2021 per le manifestazioni di divulgazione della cultura umanistica e si avvale di diversi e specifici contributi nelle varie sezioni per la loro realizzazione.

Programma completo QUI 

 

Fiabe al mare nello stabilimento di Castelreggio

Fiabe al Mare 5-9 luglioFiabe al Mare 5-9 luglio

Duino&Book: dal 5 al 9 luglio 2021 alle 10 alle 11 nello stabilimento balneare Castelerteggio (Sistiana) appuntamento di lattura di fiabe e racconti in italiano e sloveno . Fiabe al mare è promosso dal Lions Club Duino Aurisina con il Gruppo Ermada Flavio Vidonis, Associazione Genitori Rilke, l'Uni 3 e Ajser 2000 nell’ambito di Duino&Book, Algy il Magnifico Lettore. 

Programma completo QUI  

Musica cortese a Latisana

Ensemble Dramsam Ensemble Dramsam

27 giugno 2021 primo appuntamento di Musica Cortese nel duomo di Latisana. Appuntamento alle 21. Musica Cortese, il festival di musica antica nei luoghi storici del Friuli Venezia Giulia, abbina la musica con la scoperta dei tesori, spesso sconosciuti, del FVG. E partirà proprio con una visita guidata al Duomo di Latisana, in programma alle 20.15, la serata che vedrà protagoniste le prime laudi spirituali italiane del XIII-XIV secolo.

A eseguirle l'ensemble Dramsam composto da Alessandra Cossi, canto, synphonia e percussioni, Fabio Accurso, liuto medievale, Gianpaolo Capuzzo, flauti diritti e flauto doppi, Elisabetta De Mircovich viella, ribeca e canto, e Claudio Zinutti canto e organo portativo. A dare voce ai testi  anche l'attore Massimo Somaglino; a introdurre la serata prolusione del professor Riccardi Drusi dell'università Ca' Foscari di Venezia.

L'ingresso è libero ma con prenotazione obbligatoria da inviare alla mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Festival "Erav Laila" 2021 a Trieste in via del Monte

 

Locandina Erev LailaLocandina Erev Laila

FESTIVAL 2021. XIV edizione della rassegna Erev/Laila, Nuove Tracce verso Gerusalemme sulla terrazza del Museo Ebraico di Trieste di via del Monte, 3. La manifestazione è curata da Davide Casali in collaborazione con la Comunità Ebraica e il Museo della Comunità Ebraica di Trieste Carlo e Vera Wagner, il Festival Viktor Ullmann e l’Associazione Musica Libera.

Primo appuntamento martedì 15 giugno alle 20.30 con il gruppo Siman Tov che farà ascoltare al pubblico un programma di musica klezmer, cioè quella eseguita dagli ebrei dell'Est Europa e così tanto amata per la sua bellezza ritmica e la sua melanconia.  

Giovedì 17 giugno il Festival prevede la presentazione del libro di Raffaele Deluca "Tradotti agli estremi confini. Musicisti ebrei internati nell'Italia fascista" (Edizioni Mimesis, 2020) che ricorda la presenza dei musicisti ebrei internati nell'Italia fascista. La serata vedrà la partecipazione del Quintetto delle Prime parti dell'orchestra Pihalni di Ricmanje, che eseguirà musiche di Haas, Milaud e Farkas.

Martedì 22 giugno sarà la volta del duo voce e pianoforte Beatrice Palumbo - Gian Francesco Amoroso che presenteranno il cd “Le liriche da camera di Vittore Veneziani e Guido Pusinich” pubblicato dalla casa discografica Tactus in collaborazione con il Festival Viktor Ullmann. Il concerto permetterà al pubblico di scoprire le musiche di questo grande compositore che lavorò alla Scala di Milano con Arturo Toscanini.

Giovedì 24 giugno presentazione del libro a cura di Alessandro Carrieri e Annalisa Capristo “Italian Jewish Musicians and Composers under Fascism – “Let Our Music Be Played” (Musicisti e compositori ebrei italiani sotto il Fascismo – “Lasciate che la nostra musica venga suonata”) edito da Palgrave Macmillan nel 2021. La presentazione sarà arricchita dall'accompagnamento musicale di Pierpaolo Levi che eseguirà al pianoforte musiche di vari autori ebrei triestini. 

Quattro serate a ingresso gratuito (prenotazione obbligatoria alla email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.)

 

Presentazione del libro In cucina con il mais

invito Buttrio 19 giugno libro mais invito Buttrio 19 giugno libro mais

19 giugno alle 18.30 vi aspettiamo a Buttrio nelle sale di Villa di Toppo Florio per la presentazione del libro In cucina con il mais. Non solo polenta.  Questo appuntamento per noi di qb è un vero e proprio EVENTO. Che segna ufficialmente il ritorno alla normalità. Il piacere di incontrarci di nuovo di persona, di raccontarci le nostre esperienze e le nostre attese, di ripartire alla grande. In più la presentazione avviene - grazie alla Proloco Buri - nell'ambito della Fiera Regionale dei Vini di Buttrio, che per l'88esima edizione ha voluto essere "in presenza" all'insegna dell'ottimismo da condividere. 

Il libro  è il terzo della collana Mittelcook di qubì editore.  Un  libro di ricette ma non solo: sappiamo tutti del resto che dietro alle ricette si celano sempre delle storie. È stato realizzato in collaborazione con l'associazione 100% Buri e con il sostegno dell'amministrazione comunale di Buttrio. Senza dimenticare il prezioso supporto della Fondazione Friuli. 

Vi aspetto! Vi piacerà ascoltare storie di cucina e quindi anche di cultura e di vita. Parlare di cibo infatti significa raccontare il mondo. E la farina di mais, ingrediente principe della polenta friulana, rappresenta il nostro mondo, e ne include molti altri. Con me ci saranno l'autrice Giulia Godeassi e la presidente dell'associazione della Farina di Mais di Buttrio Luisa Lavaroni. 

Alla fine un brindisi per tutti con i vini degli agricoltori di Buttrio e alcuni assaggi di prodotti e di questa farina a filiera cortissima! 

Ingresso gratuito. 

Per i noti motivi, è necessaria la prenotazione:

tel 333 9032748   e mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Appuntamento in giardino: in Villa di Tissano

villa tissanovilla tissano

Appuntamento in giardino nella  villa secentesca di Tissano - oggi hotel e ristorante - , con parco secolare, ricco di laghetti e fontane, progettato nei primi anni del '900 dal conte Fabio Beretta. Si possono ammirare 150 specie di piante da giardino tra cui spicca un raro "albero dei fazzoletti" e un leccio di più di 200 anni. "Appuntamento in giardino", inziativa promossa dall'Apgi sabato 5 e domenica 6 giugno 2021 viene annunciato un importante progetto di catalogazione a cura dell'agronomo Giorgio Marcon che sarà affiancato da un progetto della scuola grafica del centro di formazione Giovanni Micesio di Udine che prevede l'etichettetura di tutte le piante con il codice QR per facilitarne l'identificazione  in previsione di visite didattiche e turistiche nel parco stesso. Ingresso gratuito #ebelloedegrats

 

Musica cortese anteprima per immagini

musica cortesemusica cortese

Venerdì 4 giugno 2021 a Gradisca d'Isonzo alle 20. 30 nella Sala Bergamas è in programma il  concerto “Il soffio del tempo”, viaggio musicale dal Barocco al Classicismo; protagonista l'International Recorder Quartet (Fabiano Martignago, Luca Ventimiglia Susanne Geist e Lorenzo Cavasanti). Il soffio dei flauti di legno armoniosamente mischiato con le riproduzioni ultramoderne realizzate con una stampante in 3D, in un concerto in cui la sperimentazione scientifica si fonde con la ricerca musicale. Un'anterima del festival Musica Cortese, che partirà il 27 giugno, propone a partire dall'8 giugno sui propri canali sociale tre video in cui una videocamera accompagnerà in anteprima i visitatori alla scoperta delle sedi dove si svolgeranno i concerti. Musica Cortese, festival internazionale di musica antica nei centri storici del Friuli Venezia Giulia, dal lontano 1988 ha abituato il suo pubblico all'incontro tra il fascino di note d'altri tempi e la suggestione trasmessa da luoghi insoliti, spesso ancora poco conosciuti.

Per l'edizione 2021 si va dalla cripta della Basilica romanica di Aquileia alle sale del Museo archeologico nazionale di Cividale del Friuli, dalle cantine dal sapore antico di Oslavia doveil vino riposa in anfore caucasiche fino al fascino barocco del Duomo di Latisana. Il programma del festival, organizzato dall'Associazione Dramsam per la direzione artistica di Fabio Accurso  si dipana attorno al settimo centenario dantesco. I concerti previsti, dal 27 giugno all'8 ottobre, presenteranno diversi repertori coevi all’arco biografico del Poeta.

L'ingresso è libero ed è obbligatoria la prenotazione scrivendo una email all'indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

GNOCCO DOLCE SALISBURGHESE
“SALZBURGER NOCKERL”
Ricetta salisburghese

Ingredienti per 3 grandi Gnocchi:
7 albumi d’uovo, 100 g di zucchero, 2 tuorli d’uovo, 20 g di farina fine, 1 cucchiaio di zucchero vanigliato, burro, zucchero a velo.
Preparazione:
Frullare a neve gli albumi aggiungendo man mano lo zucchero, lo zucchero vanigliato e i tuorli d’uovo.
Incorporare delicatamente la farina.
Imburrare una pirofila. Depositarvi l’impasto a piramide (può essere utile una spatola) e cuocere in forno preriscaldato a 220 °C per 9 minuti. Cospargere di zucchero a velo e servire subito.
Che sia un piatto di carne tenerissima, o un dolce sopraffino, speriamo di avervi fatto pregustare tutto il sapore del Salisburghese!

Tenuta Masselina. In mostra attrezzi agricoli storici della Romagna

Tenuta Masselina, una delle sale della nuova collezione Tenuta Masselina, una delle sale della nuova collezione

Tenuta Masselina arricchisce la sua proposta enoturistica con un viaggio nella memoria lungo un secolo per un racconto della cultura vitivinicola e agricola, dal primo ‘900 ai giorni nostri. L’azienda vitivinicola biologica di 22 ettari sulle colline di Castel Bolognese, tra Faenza e Imola, ospita in sei sale tematiche di un casolare di recente ristrutturazione una collezione di attrezzi e macchine agricole e oggetti di alto artigianato, raccolti e perfettamente conservati in tanti anni da Emilio Pezzi di Bagnacavallo, oggi quasi novantenne, appassionato cultore della civiltà contadina che li ha affidati a Tenuta Masselina. Tra gli oggetti in mostra, una collezione di gioghi ornati, il plaustro o carro agricolo a quattro ruote con timone per il trasporto dell’uva che la tradizione romagnola vuole dipinto a mano, utensili di cantina e per la lavorazione della canapa di grande pregio. “La collezione è una nuova esperienza per chi visita Tenuta Masselina– spiega Marco Nannetti, Presidente Terre Cevico, gruppo che controlla la tenuta vitivinicola -. Una proposta che si aggiunge ai percorsi di degustazione e ci consente di ampliare il racconto del vino nel solco della sostenibilità non solo ambientale, ma anche etica, sociale e culturale. Un’esperienza che Masselina offre ai territori ed alle comunità della Romagna e non solo.”

ORARI DI VISITA Collezione. L’esposizione è aperta al pubblico su prenotazione dal martedì al sabato con orario 9.00-12.30 e 15.00-18.30. L’ingresso alla collezione è gratuito. 

La visita può essere abbinata a un percorso enologico che contempla varie proposte: cantina, vigna e degustazione.

Tenuta Masselina Azienda agricola di 22 ettari, di cui 16 coltivati a vigneto in regime biologico e 6 di bosco, si trova a Castelbolognese sulla dorsale collinare tra Imola e Faenza. L’azienda si trova nell’MGA Serra della Doc Romagna Sangiovese, la menzione geografica più occidentale della denominazione, un vero spartiacque tra le consuetudini produttive emiliane e quelle R eomagnole. Altitudine tra 100 e 250 metri s.l.m. su suoli argilloso-calcarei e quasi costante ventilazione. Particolarmente vocata alla produzione di vini bianchi, circa 40.000 le bottiglie totali prodotte, fra queste Sangiovese, Albana dai ritrovati vigneti a Pergoletta romagnola e lo spumante metodo classico affinato per 36 mesi all’interno dell’azienda. Dalla collina, dove i vigneti si alternano a bosco, pini e cipressi, la vista giunge fino al mare.

Mostra fotografica sul Giappone da Eppinger

obiettivo giapponeobiettivo giapponeDal 1 giugno 2021 riparte la mostra fotografica di MIchele Marolla "Obiettivo Giappone" a cura de Le Vie delle foto. (Mostra interrotta a causa dei divieti per la pandemia). Esposizione al primo piano della pasticeria Eppinger Caffé in via Dante 2 a Trieste. Ingresso libero. 

 

Pordenone 29 maggio Un tango per ripartire

Sergio LasaponaraSergio Lasaponara26° PORDENONE MUSIC FESTIVAL. #ebellodeegratis. La direzione artistica curata in team da Sergio Lasaponara, Federico Lovato e Gianni Fassetta, in collaborazione tra Farandola, Società musicale Orchestra e coro San Marco e Fadiesis. Prende il via  il 29 maggio 2021  la 26^ edizione del Pordenone Music Festival di Farandola. Un  omaggio ad Astor Piazzolla nel 100esimo anniversario della nascita con la fisarmonica solista di Gianni Fassetta.Gianni FassettaGianni Fassetta

I concerti sono gratuiti, la prenotazione è obbligatoria: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., tel. 0434 363339

 

Casarsa alla scoperta dei luoghi pasoliniani

Lùsignis passeggiata nei borghi pasolinianiLùsignis passeggiata nei borghi pasolinianiSabato 22 maggio 2021 a Casarsa della Delizia la rassegna Lùsignis - Nei Borghi di Pasolini propone un interessante evento che unisce una passeggiata alla scoperta di alcuni luoghi pasoliniani e una riflessione sulla ruralità perduta del secondo Dopoguerra. 

Si parte alle 15 dalla corte ex Zuccheri di San Giovanni in auto  per raggiungere il borgo abbandonato di Marzinis, appartenente al Comune di Fiume Veneto. Paasseggiando l’architetto Moreno Baccichet offrirà indicazioni utili alla lettura dei segni territoriali. A Marzinis, Marta Mio e Gianfranco Badin faranno da guida alla storia del borgo, che era molto caro a Pasolini.
Al rientro alle 18 incontro con il professor Davide Papotti dell'Università di Parma intitolato "Tornerà l'età del pane?"* sulla riflessione civile pasoliniana che nel secondo Dopoguerra propose temi oggi di grande attualità sul recupero dell’economia agricola. Introduzione musicale dal vivo con il fisarmonicista Paolo Forte. In caso di pioggia l’incontro si svolgerà al Teatro Pier Paolo Pasolini.

 

Partecipazione gratuita ma con prenotazione obbligatoria contattando l'Ufficio cultura del Comune di Casarsa (tel. 0434 873981, email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.).
In caso di pioggia l’incontro si svolgerà al Teatro Pier Paolo Pasolini.

*"Gli uomini di questo universo non vivevano un’età dell’oro, come non erano coinvolti, se non formalmente con l’Italietta. Essi vivevano quella che Chilanti ha chiamato l’età del pane. Erano cioè consumatori di beni estremamente necessari. Era questo, forse, che rendeva estremamente necessaria la loro povera e precaria vita. Mentre è chiaro che i beni superflui rendono superflua la vita (tanto per essere estremamente elementari, e concludere con questo argomento)".

 

St Patrick festival 2021

st Patrick festival on linest Patrick festival on line

Dúisigh Éire! Awaken Ireland!: dal 12 al 17 marzo torna il St. Patrick’s Festival.  Awaken Ireland! (Risvegliati Irlanda) è il tema del 2021. 100 eventi per un programma straordinario con il meglio dell’Irlanda di oggi che tiene meravigliosamente insieme tradizione e avanguardia culturale. 
Entro il 1° marzo, il programma completo sarà online e chi, giorno dopo giorno, non potrà seguire alcune cose troverà tutto sul sito fino al 21 marzo. Non potendo organizzare parate, c’è molta attesa, naturalmente, per l’annuncio della #RTÉVirtualParade, un emozionante progetto virtuale di arti visive realizzato in collaborazione conlo studio di arte grafica Damn Fine Print, che sarà svelato a breve.


Un posto in prima fila per tutti QUI  Il festival può essere seguito gratuitamente collegandosi al sito

 

 


Lo sforzo degli organizzatori è stato immane e la varietà del programma non stop è letteralmente sorprendente. Davvero raramente si può avere la fortuna di trovare racchiusa da un’unica cornice una varietà così articolata: il calendario sarà suddiviso in quattro filoni – Sounds, Stories, Living Ireland e SPF Óg (junior, in gaelico) – e senza esagerare si può affermare che la settimana del festival permetterà di fare un caleidoscopico viaggio nell’Irlanda di oggi, dando spazio a una miriade di voci e temi.

SOUNDS 
Sounds porterà in scena un ricco programma dedicato alla musica contemporanea e a quella tradizionale

STORIES

Stories inviterà il mondo a esplorare l'Irlanda attraverso la lente di film, poesia, letteratura, performance e arte

LIVING IRELAND

Living Ireland offrirà un’interessante riflessione sull'Irlanda di oggi, su come gli irlandesi vivono e amano, lavorano, giocano, creano, ricordano e festeggiano il passato e il presente

SPF OG

SPF Óg offrirà una collezione di appuntamenti, spettacoli, workshop e divertenti esperienze per famiglie, ragazzi e bambini

CONTENUTI 

Ci saranno esibizioni come quelle di artisti emergenti quali le Pillow Queens, giovane band femminile in forte evidenza, ma anche di musicisti tradizionali come la McBride Family o del mitico storyteller e cantastorie Eddie Lenihan; performance dedicate al leggendario poeta Pat Ingoldsby e che porteranno in scena il giovane poeta Adam Mohamed, letteralmente esploso sul web a fine 2020 con la lettura in video di “Untitled”, pezzo dedicato all’esplorazione dell’identità e degli spazi nell’Irlanda contemporanea; tour tematici virtuali da fare a piedi tra Dublino, nel centro storico di Kilkenny o tra i luoghi del mito; readings; laboratori di artigianato sulla maglieria delle isole Aran o sull’intrecciare i salici per creare cesti e altri oggetti; talks quali quelli dalla National Gallery of Ireland, che metteranno a confronto personalità della radio e della TV con alcuni nomi dell’attualità fra cui figurano l’attivista drag queen Panti Bliss e la scrittrice Liz Nugent; creazioni artistiche a più mani; serie tematiche come quella con lo chef Tadgh Byrne incentrata sulle eccellenze del cibo irlandese e sulla sua storia o incontri a tema food & wellness dedicati alla cucina vegan con il duo star di youtube e Netflix The happy pear; cortometraggi e lungometraggi inediti; approfondimenti legati a figure da scoprire come Jennie Wyse Power, politica, businesswoman e femminista ante litteram, nata nel 1858; esibizioni circensi con bravissimi artisti; dissacranti sketch comedies e molto altro.

Per ulteriori informazioni

 

 

Oltre 200 Presepi in mostra nel centro storico di Grado

presepio dei portatori di Barbana ph Mario Callegaripresepio dei portatori di Barbana ph Mario CallegariDOVE: Grado si trasforma nell’Isola del Natale. QUANDO: Dal 5 dicembre 2020 al 6 gennaio 2021. COSA: Oltre 200 presepi in mostra nel centro storico. Musica e gastronomia tradizionale. 

presepio nelle calli ph Mario Callegaripresepio nelle calli ph Mario CallegariDisposti en plein air lungo il Porto Mandracchio(all’ingresso del centro storico, dove attraccano anche le barche dei pescatori) e in ogni angolo del castrum (il cuore antico della località), saranno visibili in un piacevole percorso itinerante, fra calli e campielli. Nei locali del Cinema Cristallo (in viale Dante Alighieri) saranno ospitati i presepi preparati con i materiali più fragili e preziosi, che non possono essere esposti all’aperto. Il loro simbolo sarà il monumentale Presepe galleggiante, allestito dai Portatori della Madonna di Barbana nello specchio del porto (illuminato a festa per l’occasione) e collocato su una grande zattera di sei metri quadrati. È ambientato in una mota (isolotto tipico della laguna) all’interno di un casone (l’abitazione tradizionale dei pescatori), con il caratteristico tetto spiovente di canna palustre. 

presepio con tronchi ph Mario Callegaripresepio con tronchi ph Mario Callegari

Nel “Villaggio di Natale”, troveranno spazio nuove esperienze degustative nei percorsi della Via del Vino e della Via della Birra artigianale, mentre i ristoratori gradesi saranno piacevolmente impegnati a offrire ai visitatori i piatti tipici locali insaporiti da secoli di storia gastronomica.

Il 5 dicembre, tutti i gruppi musicali dell’antica cittadina si daranno appuntamento nel Palazzo dei Congressi per realizzare lo spettacolo “Voci di Natale” (nel rispetto delle norme di sicurezza sanitaria).

Il giorno 26 dicembre sarà eseguito nella basilica di Santa Eufemia il tradizionale “Concerto di Santo Stefano”.

Per tutta la durata delle manifestazioni natalizie ci sarà la possibilità di parcheggiare gratuitamente.

Informazioni QUI 


Passeggiate culturali al Villaggio operaio di Panzano

panzano passeggiatapanzano passeggiataPasseggiate culturali al Villaggio Operaio di Panzano tutti i sabati e le domeniche di novembre 2020. Organizzate dal Comune di Monfalcone,con i  volontari del Servizio Civile Nazionale, in collaborazione con il Mu\Ca – Museo della Cantieristica di Monfalcone. #èbelloedègratis.

Sabato 14, 21, 28 novembre con inizio alle 15.30 e domenica 8, 15, 22, 29 novembre con inizio alle 10.00.
Prenotazione obbligatoria (tel. 0481494901 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..). Il ritrovo è fissato all’Albergo Impiegati, Europalace Hotel, via Callisto Cosulich 20, tempo di percorrenza un’ora, termine della passeggiata (a partecipazione gratuita) nei pressi delll’ex Albergo Operai, struttura inaugurata nel 1922 per dare alloggio agli operai celibi del Cantiere (non sarà possibile visitarlo a causa dell’ultimo DPCM che sospende fino al 3 dicembre le mostre e i servizi di apertura al pubblico dei musei).

Gli edifici, progettati dall’ingegner Dante Fornasir su incarico dei fratelli Cosulich, furono edificati tra il 1908 e il 1927, primo tra questi l’ex Albergo Impiegati che, restaurato tra il 2007 e il 2009, ha mantenuto i colori originali delle decorazioni del sottolinda, lo scalone centrale e la sala delle colonne. La passeggiata procederà attraverso la zona delle ville per impiegati e dirigenti, posizionate in un’area distante rispetto al centro del quartiere e differenziate dalle case operaie per lo stile eclettico e i vivaci colori delle decorazioni. Superato viale Cosulich, e ciò che resta della ferrovia che collegava il Cantiere alla stazione di Ronchi Sud, ci si addentrerà nel cuore del Villaggio Operaio, ammirando gli edifici dedicati al welfare aziendale come lo stadio, la zona delle botteghe e gli spazi di socialità del quartiere. Sarà possibile ammirare il complesso sistema urbanistico di case operaie progettato da Fornasir, distinguendone le diverse tipologie. La passeggiata si concluderà presso l’ex Albergo Operai, restaurato a partire dal 2008 nei suoi spazi esterni ed interni e oggi sede del MuCa – Museo della Cantieristica di Monfalcone.

Visioni di Tergeste Futura

 Visioni di Tergeste futuraVisioni di Tergeste futura

Visioni di Tergeste Futura, la mostra allestita nella Centrale Idrodinamica del Porto Vecchio di Trieste nell'ambito della ventesiama edizione del Trieste Science+Fiction, presenta in anteprima le tavole dei due prossimi albi di Nathan Never, celebre fumetto fantascientifico edito da Bonelli. I due albi saranno il numero 354, dal titolo “La città del vento”, e il 355 ”Check Point 23”, scritti da Bepi Vigna e disegnati da Romeo Toffanetti, ambientati in luoghi che rimandano ad una Trieste futuribile, e alcune relative alla storia Il Poeta.

 trieste futura piazza unitàtrieste futura piazza unitàNelle tavole si riconosce piazza Unità d'Italia dove si riunisce una folla robotica sorvolata da macchine spaziali o la Scala dei Giganti, presenza architettonica che suggerisce una visione fantastica di Trieste. Una Trieste del futuro, che gli autori preferiscono denominare “Tergeste”, riprendendo il suo primitivo toponimo, proprio per sottolineare una classicità fuori dal tempo.

trieste futura scala dei gigantitrieste futura scala dei gigantiRomeo Toffanetti, originario di Buenos Aires, dopo aver vissuto a Pordenone, si è trasferito da alcuni anni a Trieste. Ha disegnato una ventina tra albi di Nathan Never e almanacchi speciali, commenta così il suo lavoro: "Il disegno e le arti accettano le sfide del cambiamento, si trasformano, si adattano, anticipano ciò che tempo prima sarebbe stato impossibile. La tecnologia è stata assimilata come parte di una creatività senza limiti. Tutto è possibile a partire dalla volontà e dal bisogno di comunicare. Cercare nuove idee è meno gravoso. Fondere generi, stili e trasformare il segno è quasi un'esigenza quotidiana. Non per stupire ma per cercare nuove strade."

#èbelloedègratis. La mostra può essere visitata fino all'8 novembre, il venerdì e il sabato dalle 15.00 alle 18.00, la domenica dalle 10.00 alle 18.00. Aperture straordinarie lunedì 2 e martedì 3 novembre dalle 15.00 alle 18.00. L’ingresso è gratuito. 

18 dimore storiche FVG aperte il 4 ottobre

Castello di Villalta Castello di Villalta

DECIMA GIORNATA NAZIONALE ADSI: APRONO LE DIMORE STORICHE DEL FRIULI VENEZIA GIULIA. #èbelloedègratis. L'iniziativa è stata insignita della Medaglia della Presidenza della Repubblica e gode del patrocinio Unesco e del Mibact: si tratta di un'opportunità unica per visitare gratuitamente castelli, rocche, ville e palazzi, capolavori dell'architettura di privati non sempre aperti al pubblico. 

“La Giornata Nazionale ADSI – spiega Teresa Perusini, Presidente di Adsi Friuli Venezia Giulia - è l’occasione per sensibilizzare sul ruolo che le dimore storiche hanno avuto nel passato e continuano ad avere oggi, non solo sotto il profilo socio-culturale, ma anche economico, creando un volano turistico rilevante. Questa decima edizione è per noi molto speciale: nonostante l'emergenza Covid aprono gratuitamente 18 tra palazzi, castelli e ville della nostra regione non sempre visitabili. Un viaggio tra architettura, territorio e saper fare. Perché, è bene ricordarlo, attorno a ogni dimora gravita un mondo di figure professionali – dagli artigiani ai restauratori, dai giardinieri ai maestri vetrai – che, assieme ai proprietari, mantengono in vita questi beni senza tempo”.

“Immaginando un viaggio in varie zone del FVG – continua la Presidente - ecco dunque l'elenco delle 18 dimore storiche che apriranno domenica 4 ottobre 2020.

A Udine Palazzo Orgnani, sulle colline moreniche a nord di Udine il Castello di Villalta(nella foto sopra), il castello di Brazzà a Brazzacco e Villa Deciani a Martignacco. Nei Colli orientali: Villa Romano e Manzano e Villa de Claricini Dornpacher a Bottenicco di Moimacco; nel goriziano Villa Attems a Lucinico e Villa del Torre a Romans d'Isonzo; nella pianura a sud di Udine: Villa Lovaria a Pavia di Udine, Casa Foffani a Clauiano, Villa Elodia a Trivignano, Villa Steffaneo Roncato a Crauglio, Villa Pace a Tapogliano, Villa Iachia a Ruda, Villa Vitas a Strassoldo; nella bassa friulana: Villa Savorgnan Minciotti a Camino al Tagliamento e in Carnia Palazzo de Gleria a Povolaro.

Per visitare le dimore e gli archivi in sicurezza è necessario prenotare e recarsi in loco provvisti di mascherine. Tutte le informazioni QUI  

 

ADSI - Associazione Dimore Storiche

L’Associazione Dimore Storiche italiane, Ente morale riconosciuto senza fini di lucro, è l’associazione che riunisce i titolari di dimore storiche presenti in tutta Italia. Nata nel 1977, l’Associazione conta attualmente circa 4500 soci e rappresenta una componente significativa del patrimonio storico e artistico del nostro Paese.
L’Associazione promuove attività di sensibilizzazione per favorire la conservazione, la valorizzazione e la gestione delle dimore storiche, affinché tali immobili, di valore storico-artistico e di interesse per la collettività, possano essere tutelati e tramandati alle generazioni future nelle condizioni migliori.
Questo impegno è rivolto in tre direzioni: verso i soci stessi, proprietari dei beni; verso le Istituzioni centrali e territoriali, competenti sui diversi aspetti della conservazione; verso la pubblica opinione, interessata alla tutela e valorizzazione del patrimonio culturale del Paese.

Il Dolce Carso a Gradisca.

Il Dolce CarsoIl Dolce Carso

#èbelloedègratis. Ma questa volta al nostro consueto hastag aggiungiamo #èbeuonoedègratis. Tanja Tuta propone una degustazione con sorpresa, una tasting experiencealla scoperta dei profumi della landa del Carso che caratterizzano le sue ricette. Racconterà le erbe che la caratterizzano mentre vi farà gustare una tisana prodotta con queste stesse erbe. Potrete poi assaggiare un olio extravergine d'oliva alle erbe aromatichedi Radovič servito sul pane del panificio storico Cotič, e un miele autoctono di Settimi&Ziani più volte premiato a livello nazionale e internazionale. Alla fine l'ideatrice de Il Dolce Carsopreparerà una ricetta originale, un dolce tradizionale rivisitato in chiave moderna che verrà servito a tutti. Al termine, i partecipanti riceveranno in dono un piccolo souvenir gastronomico per portare a casa con sé i profumi e i sapori della landa carsica.

QUANDO. Sabato 3 e domenica 4 ottobre 2020 dalle 14.00 alle 15.00

DOVE. Piazza Unità D'italia Gradisca D'isonzo

L'evento è gratuito, ma il numero di posti è limitato. All'evento è obbligatorio l'uso della mascherina, che potrà essere rimossa durante la degustazione. 

Open day delle aree archeologiche di Aquileia

 

Mappa aree archeologiche di AquileiaMappa aree archeologiche di Aquileia

#èbelloedègratis. Sabato 26 settembre 2020 gli archeologi della Fondazione Aquileia accoglieranno i cittadini e gli appassionati nelle aree archeologiche della città: per la prima volta sarà visitabile la Domus di Tito Macro, e poi si potranno scoprire il Foro, il Decumano di Aratria Galla e le mura a zig-zag, il teatro, le grandi terme, gli antichi mercati, la Domus dei putti danzanti e la sponda orientale del porto.Nel rispetto del protocollo anti-Covid 19, le visite sono su prenotazione in base al calendario programmato telefonando allo 0431 919491 o scrivendo a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.  Gli archeologi aspetteranno i vari gruppi di visitatori al'ingresso di ciascuna area archeologica.

Visite e aperture straordinarie anche al Museo Archeologico Nazionale e Paleocristiano e in Basilica. Programma completo QUI. 

ORARI 

VISITE CON L'ARCHEOLOGO ALLA DOMUS DI TITO MACRO
Orari: 10.30 | 11.00 | 11.30 | 16.30 | 17.00 | 17.30 | 18.00

VISITE CON L'ARCHEOLOGO AL FORO, DECUMANO E MURA A ZIG-ZAG
Orari: 10.00 | 11.00Â | 16.30 | 17.30

VISITE CON L'ARCHEOLOGO A TEATRO, GRANDI TERME, ANTICHI MERCATI, DOMUS DEI PUTTI DANZANTI, SPONDA ORIENTALE DEL PORTO
Orari: 10.00 | 10.45 | 11.30 | 16.30 | 17.15 | 18.00

Musica cortese nel duomo di Gorizia

DialogosDialogos

 #ebelloedegratis “MUSICA CORTESE”, MUSICA E LEGGENDA. Domenica 20 settembre 2020 alle 21 nel Duomo di Gorizia appuntamento con Dialogos. L'ensemble franco-tedesco,  formato da Katarina Livljanic (voce, direzione), Albrecht Maurer (viella, rebec) e da Norbert Rodenkirchen (flauti, arpa), ispirandosi a una leggenda che sembra la versione cristianizzata della vita del Buddha, proporrà un'esperienza musicale in cui le lingue e le culture musicali medievali s’incontrano in un’incredibile affascinante Babele sonora. 

DialogosDialogosIngresso gratuito,  con prenotazione obbligatoria da inviare alla mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

 

Concerto con il duo Fil Rouge a Gorizia

 

conte Guglielmo Coroniniconte Guglielmo CoroniniConcerto con il duo Fil Rouge a Gorizia. A 30 anni dalla morte del conte Guglielmo Coronini Cronberg, avvenuta a Vienna il 13 settembre 1990, la Fondazione Palazzo Coronini Cronberg ha organizzato un concerto aperto a tutta la cittadinanza. Appuntamento domenica 13 settembre 2020 alle 18 nella chiesa di Sant’Ignazio a Gorizia. Si esibirà il Duo Fil Rouge, composto da Ester Pavlic (arpa) e Serena Michelin (flauto). Il programma include melodie di autori dell’Ottocento e del Novecento, da Bellini a Piazzolla. L'ingresso è libero, dalle 17,30 fino a esaurimento dei posti. #èbelloedègratis

Un fiume di note, flauto alle risorgive di Gorgazzo

Risorgive del GorgazzoRisorgive del Gorgazzo

EVENTO RIMANDATO PER IL MALTEMPO. “Un fiume di note”, rassegna musicale itinerante curata da Dory Deriu Frasson e Davide Fregona, vi propone un nuovo appuntamento alle Risorgive del Gorgazzo, a  Polcenigo, domenica 30 agosto 2020.  Esibizione del  M° Roberto Fabbriciani, flautista e compositore riconosciuto internazionalmente tra i migliori interpreti dello strumento che, fin da giovanissimo, ha fatto parte delle orchestre del Maggio Musicale Fiorentino e della Scala di Milano.  Il programma del concerto “Mercurio a Polcenigo” – con doppia replica alle 17.30 e alle 18.30 - è tratto dal progetto discografico firmato da Fabbriciani “Alchemies” (ed. Brilliant), dedicato ai quattro elementi.  “Mercurio”, secondo gli antichi filosofi e “alchimisti”, rappresenta l’acqua, elemento in continuo divenire, capace di mescolarsi a tutte le cose.

maestro Roberto Fabbriciani, foto di Silvia Lellimaestro Roberto Fabbriciani, foto di Silvia Lelli

Un concerto per flauto solo dedicato all’antico e affascinante mistero dell’acqua. Fabbriciani suonerà a bordo di una zattera posizionata in mezzo alle acque della risorgiva, con il pubblico ad ascoltarlo dalla riva. Se le condizioni meteo impedissero lo svolgimento del concerto, la performance sarà recuperata in una data di prossima comunicazione.

Mercoledì 2 settembre a Palazzo Zaro a Polcenigo atteso concerto de “I Solisti Veneti” (ore 20.45)

Domenica 6 settembre a Polcenigo concerto con l’Harmonie Brass del musicista friulano Diego Cal.

Casarsa: domenica fra arte storia e suggestioni pasoliniane

Il Glisiut CasarsaIl Glisiut Casarsa

"Casarsa e i suoi gioielli: 5 luoghi da scoprire tra storia, arte e suggestioni pasoliniane" . Il giorno 29 agosto 2020 i luoghi simbolo della storia di Casarsa della Delizia (nel capoluogo e a San Giovanni, Versutta e San Floreano) aprono le loro porte al pubblico per visite guidate con esperti locali della storia e delle storie che questi conservano.

Casarsa e i suoi gioielli locandinaCasarsa e i suoi gioielli locandina

L'iniziativa è di  Pro Casarsa della Delizia, Città di Casarsa della Delizia, Centro studi Pier Paolo Pasolini e Primavera 90: si potranno visitare Casa Colussi sede del Centro studi Pasolini; il Glisiùt di Santa Croce; la Loggia di San Giovanni; la chiesa di Sant'Antonio a Versutta; la chiesa di San Floreano, località che dà il nome alla raccolta di poesie di Nico Naldini, cugino di Pasolini, "La curva di San Floreano". #èbelloedègratis loggia di San Giovanniloggia di San Giovanni

I luoghi saranno aperti dalle 9 alle 12.30. Previsti tre orari (9.30, 10.30, 11.30) in cui si succederanno un primo e un secondo gruppo di visitatori con ingresso gratuitoma contingentato e con distanziamento sociale in rispetto delle norme anti covid-19 (obbligatoria la mascherina). #ociseioseguiqb

chiesa di Versuttachiesa di Versutta

Si tratta di luoghi cari a Pasolini e che rappresentano i più alti esempi dell'arte medievale e rinascimentale sul territorio comunale. Si ringrazia per la disponibilità dei luoghi di culto le Parrocchie di Casarsa e San Giovanni.

San FloreanoSan Floreano

"Un'iniziativa - spiegano gli organizzatori - che idealmente dà continuità alla tradizionale Pedalata pasoliniana che l'associazione Primavera 90 organizzava ogni anno a fine agosto e che - causa coronavirus - è stata rimandata al 2021. I visitatori potranno scegliere liberamente dove iniziare la propria visita e come continuarla poi. Basterà recarsi con mezzi propri nel luogo scelto, ascoltare la spiegazione dei nostri speciali "ciceroni", che ringraziamo per la disponibilità e proseguire autonomamente per un'altra tappa". 

Casa Colussi Centro Studi PasolinianiCasa Colussi Centro Studi Pasoliniani

Per informazioni e prenotazione (consigliata) Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

 

Dal Collio alla Georgia, riflessioni con Gravner

Gravner a DednoGravner a Dedno

Sabato 29 agosto 2020 a Mezzocorona (Trento) Joško Gravner sarà protagonista i un incontro che ha come titolo "Dal Collio alla Georgia e ritorno: riflessioni su vino e territorio". Appuntamento alle 11.00 alla Cantina Martinelli di Mezzocorona; organizzazione del Trento Film Festival con il Consorzio Vignaioli del Trentino. Il vignaiolo di Oslavia dialoga con il coordinatore nazionale di Slow Wine Fabio Giavedoni. 

Gravner: interramento delle anfore - foto A. BarsantiGravner: interramento delle anfore - foto A. Barsanti

La Georgia, repubblica caucasica dalle imponenti catene montuose, crocevia di culture e depositaria di un’antichissima tradizione vitivinicola, è l’anello di congiunzione tra Joško Gravnere la 68a edizione del Trento Film Festival, in programma dal 27 agosto al 2 settembre 2020.

TFF 2020TFF 2020
Gravner ripercorrerà il percorso che lo portò ad abbandonare la viticoltura convenzionale e a disfarsi della tecnologia, per abbracciare la fermentazione con lunga macerazione e l’antico metodo della vinificazione in anfora, proprio della tradizione caucasica. Dall’esordio negli anni Settanta alla prima importante svolta con la macerazione in grandi tini di legno fino al viaggio, dal Collio goriziano alla Georgia, intrapreso nel 2000 per approfondire l’utilizzo dei qvevri, le grandi anfore in terracotta interrate tipiche della zona dei Kakheti che Gravner aveva iniziato a usare già nel 1997. Questi i temi al centro dell’incontro che i presenti potranno ascoltare sorseggiando un bicchiere di Ribolla vinificata in una delle 47 anfore importate dal paese caucasico e lasciate a dimora nella terra della cantina di Oslavia. Incontro gratuito con prenotazione obbligatoria a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

TFF 2020 TFF 2020
La Georgia sarà il Paese ospite di questa edizione del Trento Film Festival, che ogni anno accoglie una nazione capace di unire patrimonio naturale e una solida produzione cinematografica. La manifestazione porterà in scena 97 pellicole e un ricco programma di appuntamenti collaterali nel pieno rispetto delle disposizioni normative. Sarà un Festival diffuso, con eventi che si svolgeranno in tutto il Trentino e con la possibilità di vedere i film selezionati anche online. Tutti gli eventi sono gratuiti con prenotazione obbligatoria.

Christmas in August: corsi di presepistica

Christmas in AugustChristmas in AugustPresepe di De Lucchi foto PetrussiPresepe di De Lucchi foto Petrussi

Manca poco a Natale. Il comunicato stampa che ci giunge oggi, alla vigilia di Ferragosto, dalle Pro Loco FVG dell'avvio dei corsi di presepistica, ben si sposa al nostro editoriale del numero di agosto di qb. Venti settimane passano davvero presto!  Pezzarini: "Un segnale di rinascita e fiducia nel futuro". Quindi prendete nota: il 22, 23 e 29 agosto si svolgerà il 1° corso di costruzione di un ulivo da inserire nel proprio presepe. Le lezioni, a cura del Comitato regionale del Friuli Venezia Giulia dell’Unione nazionale Pro loco d’Italia, con la collaborazione del gruppo Presepisti Udinesi, della Pro Loco Passariano e il sostegno di Fondazione Friuli, saranno tenute dal maestro udinese Claudio De Lucchi, membro del gruppo Presepisti Friulani.

“Riprendere ora, ci pare anche un augurio di rinascita, perché il presepe nè è proprio uno dei simboli: un buon auspicio per il futuro. Ancora una volta - ha aggiunto - ribadiamo quanto riteniamo importante tramandare le tradizioni, come quella bellissima del presepe". 

Le lezioni si svolgeranno in Villa Manin, nella sede della Pro Loco di Passariano, in via Quarnic nell’area parcheggi ovest. Il corso è gratuito e si terrà nel rispetto delle normative vigenti di contenimento del contagio da Covid-19. Per questo si prevede un numero limitato di partecipanti, per permettere un'adeguata organizzazione degli spazi.

La tre giorni sarà una vera e propria full immersion, dalle 9 alle 13 e dalle 14 alle 17, nelle tecniche di vegetazione presepistica: il maestro Claudio De Lucchi insegnerà le tecniche base di lavorazione professionale del timo e l’utilizzo della teloxis aristata per riprodurre gli elementi vegetali di un presepe, nello specifico un ulivo.

 

Info: tel 0432 900908  e mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Risonanze 2020. Il legno si fa musica.

RisonanzeRisonanze

13, 15 e 16 agosto 2020. Sono le tre date clou del festival Risonanze 2020. Il festival del legno che suona. Poichè la data del 13 segna già il tutto esaurito, vi segnaliamo quella di Ferragosto. Appuntamento con il “Piano Solo” di Axel Trolese alle 11 del mattino in Val Saisera con musiche di Beethoven, Albéniz, Liszt e De Falla. Le “Vibrazioni” della fisarmonica di Marco Gerolin e del violino di Christian Sebastianutto, con l'Accademia d'archi Arrigoni, direzione del maestro Domenico Mason sono in calendario per il giorno 16 agosto alle 17 sempre in Val Saisera. Repertorio classico, contemporaneo e tango. E' necessaria la prenotazione QUI

Il 23 agosto esibizione in quota, a Cappella Zita con Carlo Torlontano al Corno delle Alpi e Massimiliano Pitocco al Bayan.

Agosto di Palchi nei Parchi

Evento nel parco per Palchi nei parchiEvento nel parco per Palchi nei parchi

Agosto di “Palchi nei Parchi”. Quattro appuntamenti tra il Parco Rizzani di Pagnacco e il Bosco Romagno di Cividale del Friuli, inseriti nel cartellone dell'omonima rassegna curata dall'Orchestra del Friuli Venezia Giulia. In programma due concerti, “Rivocs” e “Vox & Cello”, un concerto recitato “Ricordi e Canzonette” e le “storie in cuffia” per bambini e famiglie di Damatrà. Tutti gli appuntamenti hanno inizio alle 18 e sono a ingresso gratuito, previa prenotazione QUI al sito dell'orchestra In caso di maltempo gli spettacoli si terranno il giorno successivo alla stessa ora.
Venerdì 7 agosto alle 18 al Bosco Romagno di Cividale, “Rivocs” vedrà sul palco Laura Giavon, voce, Tommaso Perazzo, tastiera, Marco Zenini, contrabbasso, e Federico Pascucci, tenore, clarinetto e ney. 
Venerdì 14 agosto alle 18 al Parco Rizzani di Pagnacco, “E vissero felici e contenti, storie in cuffia”, racconti a cura di Damatrà. Basta indossare le cuffie, sedersi comodamente sulla coperta colorata e la storia comincerà. 
Venerdì 21 agosto alle 18 al Bosco Romagno di Cividale, “Vox & Cello”, recital per voce e quattro violoncelli con il Gruppo Strumentale Lumen Harmonicum, formato da Federica Vinci, voce, Andrea Musto, Massimo Favento, Cecilia Barucca Sebastiani, Anna Molaro, al violoncello. Alla scoperta di preziosità musicali dimenticate del Romanticismo mitteleuropeo e immersione sonora in capolavori di alcuni tra i maggiori maestri del Barocco europeo. 
Venerdì 28 agosto alle 18 al Bosco Romagno, Cividale, “Ricordi e Canzonette”, concerto recitato con la band delle “Crunchy Candies” e gli attori Luca Ferri e Luca Marchioro. Un viaggio nel tempo, tra atmosfere musicali degli anni ‘30 ‘40 e ‘50. Protagoniste indiscusse le tre voci femminili di Marion, Claire e Julie, che con i loro intrecci vocali creano particolari armonie sul tappeto musicale offerto loro dagli strumentisti. palchi nei parchi 2020palchi nei parchi 2020

Calore e gusto: radiodramma live a Tolmezzo

Alle radici del quotidiano a TolmezzoAlle radici del quotidiano a Tolmezzo

#èbelloedègratis #ociseioseguiqb FESTIVAL MARAVEE. SEZIONE ETNOGRAFICA - I edizione. Tolmezzo, Museo Carnico delle Arti e Tradizioni Popolari “M. Gortani”
Venerdì 31 luglio 2020, 18.30. Non si fanno prenotazioni, ma si chiede cortesemente di arrivare in anticipo, al fine di consentire le procedure di registrazione.
Con il progetto intitolato “Alle radici del quotidiano. In Cucina" – la cui invenzione drammaturgica fa leva sul lockdown - il Festival Maravee annuncia l’avvio della sua Sezione Etnografica, per promuovere, con il linguaggio attoriale e video, la conoscenza e la valorizzazione del patrimonio
immateriale etnografico del Friuli Venezia Giulia. 

Nicoletta Oscuro al Museo di FagagnaNicoletta Oscuro al Museo di Fagagna

Adottando il format del radiodramma dal vivo, mette in scena con parole e musica la narrazione ideata per la stanza della cucina nel museo tolmezzino. Calore e gusto sono i sentori che restituiscono l’anima del focolare, fra gesti ripetuti per custodire, alimentare o smorzare il fuoco e laboriosità artigianali nella
produzione degli arnesi da cucina.

 

Parole e musica sulla Strada del vino e dei Sapori

Parole e musica di e con Dino PerselloParole e musica di e con Dino Persello

Parole e musica lungo la strada del vino e dei sapori del Friuli Venezia Giulia”, uno dei cinque appuntamenti a ingresso gratuito di teatro-musica insieme a un brindisi con vini del territorio, organizzati dalla Pro Loco Valle di Soffumbergo, borgo storico nel Comune di Faedis, fa tappa a Corno di Rosazzo il 25 luglio 2020.

Il terzo appuntamento dello spettacolo “Parole e musica”, firmato e condotto da Dino Persello, accompagnato sul palco dal maestro Pasqualino Petris alla fisarmonica, si svolgerà a partire dalle 19 nell'azienda agricola Vignaioli Specogna.  Prenotazioni obbligatorie per i ben noti motivi tecnici di distanziamento. Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Ein Prosit Summer Edition

Locandina Ein Prosit Summer 2020Locandina Ein Prosit Summer 2020

Il Consorzio di Promozione Turistica del Tarvisiano, di Sella Nevea e del Passo Pramollo presenta EIN PROSIT SUMMER EDITION dal 24 al 26 luglio 2020. L’iniziativa si inserisce nell’ambito del progetto GoToNATURE, Governance, Tourism and Nature, finanziato nell’ambito del programma di cooperazione transfrontaliera Interreg V-A fra Italia e Austria, con l’obiettivo specifico di creare un modello di sviluppo territoriale basato sulla valorizzazione sostenibile di destinazioni turistiche meno note e del loro patrimonio naturale e culturale. Ein Prosit Summer Editionvuole mettere in relazione temi quali la natura, la vacanza attiva e il benessere con la tradizione, la cultura e la gastronomia della Valcanale.

“Gli chef protagonisti di questa prima edizione di Ein Prosit Summer Edition si impegnano tutti i giorni nel valorizzare la cucina tradizionale e gli ingredienti locali sul loro territorio, e lo stesso lavoro verrà portato a Tarvisio, dove proporranno i piatti della loro cucina e della cucina della Valcanale. É anche stato fatto un lavoro di innovazione sulla proposta gastronomica del Tarvisiano, rivisitando insieme allo chef Emanuele Scarello (Agli Amici, 2 Stelle Michelin) alcuni piatti valcanalesi che verranno riproposti all’interno di menu ad hoc in alcuni ristoranti del comprensorio. È previsto un ricco programma di escursioni naturalistiche, workshop e masterclass” spiega l’assessore regionale alle Attività produttive e al Turismo, Sergio Emidio Bini. 

Tutte le attività saranno completamente gratuite, a numero chiuso.

 

 

“Questa prima edizione di Ein Prosit Summer Edition ci rende particolarmente orgogliosi” dichiara il sindaco di Tarvisio Renzo Zanette “un evento che punta a valorizzare il nostro territorio, la nostra cultura e le nostre tradizioni, anche gastronomiche, è ciò che serve al comprensorio del Tarvisiano”.

Nei ristoranti aderenti sarà possibile degustare un menu dedicato alla tradizione culinaria della Valcanale che prevede la presentazione di almeno uno dei piatti tipici rielaborati in chiave moderna dallo Chef Emanuele Scarello; tra questi la panada e gli gnocchetti con la ricotta acida del Tarvisiano.

Durante lo stesso fine settimana, seguendo il format tradizionale di Ein Prosit, verranno altresì proposti gli “Itinerari del Gusto” con la partecipazione di alcuni grandi Chef di montagna che proporranno i piatti della loro cucina (e non solo) presso i ristoranti presenti sul territorio. Tra gli chef della prima edizione, oltre ad Emanuele Scarello, parteciperanno Alessandro Dal Degan (La Tana Gourmet, 1 Stella Michelin), Riccardo Gaspari (SanBrite), Ana Roš (Hiša Franko, 2 Stelle Michelin).

“L'evento promuove le eccellenze enogastronomiche locali, rafforza la proposta turistica della stagione e rappresenta una promessa, mantenuta dal Consorzio di Promozione Turistica del Tarvisiano, di Sella Nevea e del Passo Pramollo, di realizzare una versione estiva di Ein Prosit.” dichiara l’assessore al turismo del Comune di Tarvisio Barbara Lagger “Fondamentale l'adesione all'iniziativa dei ristoranti del territorio che con grande impegno credono alla valorizzazione del prodotto turistico con iniziative sempre nuove.”

Per saperne di più sulla tavola rotonda "Tradizione e Contaminazione" vai al link Tradizione e contaminazione nel Tarvisiano

Tutti gli eventi si svolgeranno in modo da garantire il distanziamento sociale. Gli appuntamenti di Ein Prosit Summer Edition si divideranno all’aperto tra la Val Bartolo e il Monte Lussari, i ristoranti e la Baita di Beatrice. Gli Itinerari del Gusto avranno luogo in alcuni locali selezionati di Tarvisio, adeguati alle nuove normative.

C'è in Italia un paese #covidfree. Andiamo a leggere l'Appennino!

 

palazzuolo case in sassopalazzuolo case in sasso

Nella terra di mezzo tra la Toscana e la Romagna, in uno dei borghi più belli d’Italia, Palazzuolo sul Senio, l’Appennino si racconta con la 10^ edizione di Leggere in Appennino, dal 31 luglio al 2 agosto 2020. Perla della cosiddetta “Romagna Toscana” - in provincia di Firenze, ma con le suggestioni delle tradizioni e dei sapori romagnoli nel cuore - quella di Palazzuolo è una comunità di poco più di mille persone: un centro storico realmente #covidfree, perché fino a oggi nessun caso di coronavirus si è registrato in paese. 

«L'Appennino è storia, memoria, presenza. E' la colonna vertebrale dell'Italia. Da dieci anni, in una sera d'estate, leggiamo e discutiamo in Appennino. In quest'anno diverso dal solito lo facciamo un po' più a lungo, per tre giorni. Crediamo ci sia bisogno di leggere, raccontare e discutere di più. E c'è anche bisogno di più Appennino», così Massimo Cirri, storico autore e voce di un programma cult della radio nazionale italiana, Caterpillar Rai Radio 2. Sarà lui il “Virgilio” di questa tre giorni nelle piazze del borgo: si farà interprete dei pensieri e delle curiosità del pubblico, condurrà molte interviste con i protagonisti del festival in un viaggio immersivo fra letture, musica, natura, sapori e passeggiate nei boschi, sul filo rosso di una parola chiave, “Metamorfosi”, che ci invita a riflettere in profondità per scoprire nuove strategie, adattamenti ed evoluzioni utili ad affrontare e vivere al meglio il nostro tempo. 

Palazzuolo notturnaPalazzuolo notturnaPalazzuolo dintorniPalazzuolo dintorni

Ci sarà la possibilità di partecipare, su prenotazione a visite guidate e passeggiate, pranzi, cene, aperitivi con prodotti tipici locali. Sarà l’occasione per degustare in particolare il raviggiolo, formaggio fresco a pasta bianca, dalla consistenza tenera e dal sapore delicato e leggermente burrosotipico dell’appennino tosco-emiliano; i marroni con la cui farina si preparano dolci e polente; il cappelletto nella sua versione palazzuolese.

La partecipazione agli eventi è gratuita con accesso libero. Tutti gli eventi saranno fruibili in diretta streaming sulla pagina facebook del festival.

 Per info e prenotazioni Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

www.leggereinappennino.it

 

Degustazione gratuita di un supergelato

gelato alla crema pasticcera con vaniglia del Madagascargelato alla crema pasticcera con vaniglia del Madagascar

Eccoci con una golosa sorpresa amici della nostra rubrica è bello ed è gratis. Venerdì 26 giugno dalle 17.00 alle 21. 00, al bar X in via del Coroneo 11, Trieste, degustazione, gratuita di gelato alla Crema pasticciera con vaniglia del Madagascar e zest di lime. L’inconfondibile profumo della vaniglia, caldo e floreale, e il suo gusto dolce e cremoso creano la magia quando incontrano l’aspro e l’amaro del lime.

Presi per ramo - Mostra di Trieste Sketchers

mostra di Sketchers Triestemostra di Sketchers Trieste

Nell’anno del 50esimo anniversario dell’EarthDay, la Giornata Mondiale della Terra, venerdì 19 giugno 2020 alle 19, in Piazza Leggera allo spazio Mini Mu al Parco di San Giovanni a Trieste si inaugura la mostra collettiva di Trieste Sketchers “Presi per Ramo” nell’ambito del percorso “Albero esplorato, tra arte e scienza. Da Leonardo a Bruno Munari”. La mostra – curata da Roberto Bonivento – racconta le esplorazioni degli sketchers – disegnatori non professionisti, ma appassionati che si riuniscono per disegnare, rigorosamente dal vivo, spesso en plein air – in ambito urbano e fuori città, narra storie di luoghi e paesaggi, attraverso “ritratti” che vedono come unico protagonista l’albero.

La mostra sarà presentata da Francesca Martinelli. Fra gli artisti: Alessandra Tarlao, Roberto Bonivento, Cristina Trivellato, Leonardo Calvo, Lisa Pagnutti, Maria Elena Giusti, Veronika Adam, Samantha Pagano, Rossella Penzo, Giovanna Pacco, Claudia Tuni, Maria Grazia Urti, Chiara Gomiselli, Lorenza Fonda, Diana Zacchello, Giovanna Aversa, Lorenza Misigoi, Roberta Donda, Barbara Tedesco.

Sarà un’occasione anche per conoscere i lavori di tre importanti disegnatori amici di Trieste Sketchers: il piemontese Lorenzo Dotti, tra i più noti acquerellisti e naturalisti italiani, Marco Rossignoli disegnatore naturalista e la francese Cendrine Bonami - Redler, architetta e carnettista francese.

La mostra rimarrà aperta fino al 17 luglio ed è visitabile su prenotazione chiamando il 338.875 0883

Per tutto il mese di giugno ingresso gratuito al Castello di Gorizia

Castello di Gorizia foto di Fabio PappaletteraCastello di Gorizia foto di Fabio Pappalettera

Al Castello di Gorizia si entra gratuitamente per tutto il mese di giugno 2020 (cioè fino all’entrata in vigore del biglietto unico museale).

GLI ORARI

?Festivi: Sabato e domenica e per tutti i festivi:
10-13; 15-19 (ore 18 ultimo ingresso). E' preferibile preavvisare la visita al numero telefonico della biglietteria del castello: 0481/535146.

Gruppi di max 6 persone accompagnate lungo il percorso di visita per tutte le sale del maniero.

?Feriali:
Dal martedì al Venerdì: Dalle 8 alle 13 con prenotazione obbligatoria. 

?Lunedì chiuso.

L’accesso dovrà avvenire con mascherina e guanti.

 

Mezzo pieno, ogni venerdì un calice di vino friulano gratis

Al nostro consueto hastag #èbelloedègratis dove vi segnaliamo tutti gli appuntamenti e le iniziative gratuite, aggiungiamo oggi #èbuonoedègratis. Per promuovere un'iniziativa ideata per la #ripartenza dalla cantina Canus, una piccola azienda familaire sito nei Colli Orientali del Friuli. Un'idea carica di ottimismo, che non a caso si chiama MEZZO PIENO: vedere il calice mezzo pieno e lavorare insieme con fiducia e speranza alla ripresa. #mezzopieno.

vini canusvini canus

Per supportare bar, ristoranti, enoteche, hotel, gravemente colpiti dalla chiusura Covid-19 e dalle misure di distanziamento obbligatorie, la Canus offre ogni venerdì fino al mese di luglio 2020 il primo calice ai clienti, purchè il calice - di vini bianchi o rossi -  sia Canus ovviamente. E così ogni enotecario, barista, ristoratore potrà offrire al cliente un buon vino con gesto di amicizia e accoglienza. 

Ogni venerdì il primo giro lo offre la casa 

 

L'azienda rimborsa il calice dell'intera selezione a prezzo di listino. A disposizione materiale infografico anche per la promozione nei locali. 

 

Tel. 0432 759427 Per informazioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

2 giugno: ingresso gratuito al castello di Gorizia

Castello di Gorizia foto di Fabio PappaletteraCastello di Gorizia foto di Fabio PappaletteraMartedì 2 giugno 2020 l'ingresso al Castello di Gorizia è gratuito. Orari: 10-13 e 15-19 (ore 18 ultimo ingresso). Preferibile preavvisare della visita al numero telefonico della biglietteria del castello: 0481- 535146

Gruppi di max 6 persone accompagnate lungo il percorso di visita per tutte le sale del maniero.

Foto del Castello: g.c. Fabio Pappalettera.

Corso di tecnica presepistica

locandina presepiolocandina presepio

Lezioni del maestro presepista De Lucchi, organizzazione di Pro Loco FVG, sostegno di Fondazione Friuli.  Iscrizioni e informazioni scrivendo a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., posti limitati. #ebelloedegratis

Aperitivi della domenica a Gorizia

Continuano anche in questo mese di dicembre 2019 i concerti aperitivo della domenica a Palazzo De Grazia in Gorizia.  "Assieme al Maestro Claudio Liviero, con l’artista Antonella Fabbreti, è stato un piacere inaugurare una manifestazione che reputo preziosa perché sa mettere assieme diversi messaggi culturali e artistici che dimostrano la ricchezza cultuale che può esprimere Gorizia" il commento dell'assessore Oreti. I prossimi appuntamenti:

?DOMENICA 8 DICEMBRE
IL LIUTO DI LEONARDO
Claudio Pio Liviero (liuto) - Sophia Liviero (letture)

?DOMENICA 15 DICEMBRE
TRIO ADORÈ
Ana Cernic e Doris Kodelja (flauto) - Eva Slokar (chitarra)

Presepi in Glisiut – La vita nella vite

Presepe nella vite di Alberio CastellarinPresepe nella vite di Alberio Castellarin

Dal 7 dicembre 2019 nell’antica chiesa di Santa Croce a Casarsa sarà visitabile un'esposizione di presepi, dal significativo titolo La vita nelle vite.  L’esposizione è costituita da oltre 200 presepi realizzati a mano su tronchi e radici di vite da Alberio Castellarin. La vite ormai vecchia e non più produttiva rinasce attraverso le realizzazioni dell’artista.  Tutti i presepi in esposizione potranno essere acquistati tramite offerta e il ricavato verrà destinato al progetto “Si può dare di più” che prevede il recupero e la salvaguardia degli affreschi custoditi nella chiesa.

INGRESSO LIBERO Orari: sabato dalle 15.00 alle 18.00 domenica dalle 10.00 alle 12.00 e dalle 15.00 alle 18.00. chiuso 25 dicembre e 1 gennaio. Si effettuano visite previa prenotazione al numero 327 8407014. Info: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Spirito di Vino compie vent'anni

Spirito di vino 2019Spirito di vino 2019

Ogni anno da 20 anni aspiranti vignettisti e professionisti già affermati di tutto il mondo hanno partecipato a questa fantastica iniziativa progettando veri e propri capolavori che, oltre a essere gradevoli alla vista, facevano e fanno tutt’ora riflettere. Per tutti coloro che sono interessati a festeggiare questo compleanno speciale sabato 7 dicembre 2019 alle 15.30, negli spazi del Centro Internazionale Vittorio Podrecca, via Monastero Maggiore 38 a Cividale del Friuli, saranno proclamati i vincitori della 20° edizione del concorso internazionale di illustrazioni satiriche Spirito di Vino. La mostra con le opere finaliste e quelle realizzate dai Maestri componenti della giuria sarà visitabile al Centro Internazionale Vittorio Podrecca fino al 6 gennaio 2020 dal lunedì al venerdì dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 14.00 alle 17.00, sabato e domenica: orario continuato dalle 10.00 alle 17.00.  Le immagini che abbiamo qui utilizzato si riferiscono -ovviamente - a precedenti edizioni di Spirito Divino. Sempre fino al 6 di gennaio 2020 gli esercizi commerciali aderenti a Confcommercio esporranno nelle vetrine le opere che negli anni hanno fatto la storia del concorso satirico internazionale. 

Ecco i selezionati della 20° edizione

Giovedì 14 novembre u.s. la giuria si è incontrata nella Sala della Satira del Ristorante Rigolo di Milano per visionare le centinaia di opere ricevute per la 20° edizione di Spirito di Vi

 SEZIONE 18-35 ANNI

Il genio della caraffa _ Albuquerque Bruno _ Portogallo
Short life _ Dokur Elif _ Turchia
Med'Uva _ Maloku Xheni _ Albania
First Aid _ Najdanović Filip _ Serbia
Barman _ Paparelle Diego _ Italia
Ancora un po'! _ Strizzolo Marco _ Gran Bretagna
Old wine & modern Art _ Youssef Morhafì _ Siria

SEZIONE OVER 36 ANNI

No title _ Alexandrescu Aurel Ştefan _ Romania
L’influenza del vino _ Arriaga Manuel _ Spagna
No title _ Basol Erdogan _ Turchia
Captain Corkscrew _ Behr Henrique _ Brasile
Perfect choice _ Çam Menekşe _ Turchia
El corazón del Vino _ Campos de León Israel _ Messico
Fionda provvidenziale _ Corradeschi Ghino _ Italia
Spirito di Vino _ Cunha Dias Ronaldo _ Brasile
Moon _ David Evžen _ Repubblica Ceca
Headgrape _ Demattio Rainer _ Germania
Art and wine _ Demirci Hicabi _ Turchia
Brindisi _ Gianno Tommaso _ Italia
Balancing _ Harsanta Fransiskus Agus _ Indonesia
Custer _ Iacumin Franco _ Italia
Fingerprint _ Khalil Raed _ Siria
St. Wine _ Krčmar Vaso _ Serbia
Vino _ Kubec Roman _ Repubblica Ceca
Qua c'è un qui pro quo _ Marino Pietro _ Italia
Vino d'autunno _ Momot Valery _ Ucraina
La magia del vino _ Ospina Elena _ Colombia
Double refuelling _ Przęzak Czesław _ Polonia
Love Astronome _ Quadros Ferreira Telmo _ Portogallo
Avanti a tutta forza _ Tasser Friedrich _ Italia
Sommelier _ Vlahovic Jugoslav _ Serbia

 

Ti regalo una canzone

Ti regalo una canzone locandinaTi regalo una canzone locandina

 

Alcuni commercianti di Pordenone hanno accolto l’appello a sostenere il progetto educativo rivolto ai giovani che stanno seguendo studi musicali, condividendo l’importanza di un percorso formativo che non solo sviluppa abilità tecniche, ma anche contribuisce alla crescita di una generazione più attenta e sensibile. E' nata così “Ti regalo una canzone”, una nuova iniziativa che vedrà protagonisti alcuni negozi del centro e l’Accademia di Chitarra “Tarrega” dell’associazione Farandola.
A partire dalle 10.30 di sabato 30 novembre 2019 ogni negozio aderente accoglierà gli interventi musicali dei giovani allievi e del M° Michele Costantini che li accompagnerà lungo un percorso durante il quale sarà possibile ascoltare performance chitarristiche, dal solismo al quartetto.
Alle 10.30 in corso Garibaldi i giovani suoneranno nei negozi Être e Ulysses, alle 11.30 in Corso Vittorio Emanuele nei negozi Dimore Concept, e il Merletto, e a seguire da Grace Spazio Benessere. Nel tardo pomeriggio alle 17.00 si esibiranno da Birba'S Details, Queen's, Queen's, Complemento Oggetto, per concludere da Cappelletto Calzature. 
L’ingresso è libero e tutti sono invitati. 

Fadiesis Accordion Festival

 Liana Maeran Liana Maeran

 

Una scenografia straordinaria – il castello di Villalta a Fagagna – per uno spettacolo straordinario. Giovedì 14 novembre 2019 alle 20.30 nel cartellone del Fadiesis Accordion Festival, la voce della soprano Liana Maeran e l’eclettica fisarmonica di Ivano Battiston per un viaggio musicale attraverso brani cubani, brasiliani e argentini, danze spagnole, macedoni, ungheresi, italiane.

 Ivano Battiston Ivano Battistonll concerto è realizzato in collaborazione con l’Associazione Culturale Ricreativa Les Vilanes. INGRESSO GRATUITO. 

Sabato 23 novembre il festival si sposterà a San Quirino nell'Azienda Agricola Borgo delle Rose, dove alle 20.30 si esibirà il Duo Gardel (Gianluca Campi, fisarmonica, Claudio Cozzani, pianoforte). I

CAPO IN B CHAMPIONSHIP

Chicchi di salute con la farmacia Ai gemelliChicchi di salute con la farmacia Ai gemelli

Le Botteghe del Caffè si aprono a Trieste anche il 3 novembre 2019 negli spazi del container di Piazza della Borsa con corner di Torrefazione Primo Aroma, Guatemala Torrefazione Caffè, Torrefazione Caffè San Giusto e Qubik – Vidiz & Kessler che illustreranno i loro diversi tipi di caffè di qualità e presenteranno le loro specialità, spiegandone le origini, i metodi di tostatura e i diversi tipi di preparazione cui si prestano. Il pubblico potrà fare domande direttamente ai torrefattori, degustare i vari caffè e acquistare le miscele. Dalle 10 alle 20. 

Coffee Tour (partenza dall’Antico Caffè San Marco - prenotazione obbligatoria da Tipicamente Triestino) Passeggiate per le vie del centro di Trieste alla scoperta dei luoghi storici della città legati al caffè.  Partenza alle 10.30. 

Alle 11.00 Chicchi di Salute Viaggio nell'alimentazione e nel gusto alla scoperta degli effetti curativi della corretta nutrizione, con un focus dedicato al caffè. Le farmaciste della Farmacia “Ai Gemelli” illustrano ai presenti tutti i benefici e le curiosità intorno alla caffeina, partendo dagli usi più comuni per arrivare fino a quelli medicali.

Alle 12.30 WORKSHOP DI CUCITO CON LE TELE DI JUTA Gatonero aka Elena Favretto mostra come ricavare accessori utili e originali creazioni dalle tele di juta. Riciclo e sostenibilità!

E alle 16.00 l'attesissimo "Capo in B Championship"  (al link la vincitrice 2018 https://qbquantobasta.it/eventi/i-vincitori-della-capo-in-b-championship)
Chi realizza il migliore “Capo in B”? Lo stabiliranno domani i giudici della “Capo in B” Championship, la sempre più attesa gara tra baristi e operatori del caffè del territorio che si sfideranno a colpi di “cappuccino in bicchiere”.  La competizione è realizzata in collaborazione con la FIPE di Trieste e il sostegno di La Marzocco che ha messo a disposizione la macchina da espresso e il macinadosatore. La valutazione riguarda: aspetto visivo, proporzioni tra caffè e schiuma e gusto delle preparazioni. Il tutto va realizzato entro 5 brevissimi minuti, in cui dare prova di abilità manuale, spirito artistico e capacità di gestire lo spazio di lavoro.
Come da tradizione, la gara sarà aperta al pubblico che potrà assistere alle fasi della competizione e sostenere il proprio barista di fiducia.
A competere per il titolo della 6° edizione 8 concorrenti: Lillian Polito del Nuovo Bar Zaule, Margherita Tornaghi e Sofia Fontana del Buffet degli Artisti, Aurora Apone di Cadenaro Junior Srls, Caterina Zheng del Bar Primo Volo, Alexia Nigris del bar Al Nuovo Sombrero, Piero Bassanese de Il Pane Quotidiano e Roberto De Gioia del bar La Macchia Gialla.
La giuria è composta  dal coffee expert indipendente Franco Schillani, dal sales manager di Bazzara Andrea Bazzara; dall'amministratore e responsabile commerciale per la vendita del caffè crudo di Coffee Tree, Simone Marzaroli; dal direttore di Excelsior Industria Caffè Torrefatto, Omar Zidarich e dalla referente per la logistica del caffè di Donelli Group, Oriana Bresciani.

Tutte le attività sono a ingresso libero fino all’esaurimento posti in sala.

 

Oggetti di vita quotidiana delle donne romane

Donna romana courtesy ph. romanoimpero.comDonna romana courtesy ph. romanoimpero.com

In collaborazione con il Centro Italiano Femminile di Udine sono stati organizzati due incontri divulgativi curati da Alessandra Gargiulo, nella sala Paolo Diacono (Via Treppo 5 - UD)  dal titolo “LE DONNE ROMANE ATTRAVERSO GLI OGGETTI DI VITA QUOTIDIANA”:
– Lunedì 4 novembre 2019 17.00 - 18.30,
– Sabato 9 novembre 2019, 10,00 - 11,30.
Gli incontri saranno un ideale “viaggio nel tempo” durante il quale si scopriranno i segreti di bellezza delle donne romane attraverso reperti che sono giunti fino a noi e che ci raccontano se e come le abitudini del passato siano rimaste nella nostra vita di ogni giorno. Ingresso gratuito fino a esaurimento posti. 

Coffee tour & botteghe del caffè a Trieste capitale del caffè

Trieste Coffee FestivalTrieste Coffee Festival

TRIESTE COFFEE FESTIVAL: 2 NOVEMBRE 2019 in Piazza della Borsa a Trieste

Dalle 10.00 alle 20.00 Le Botteghe del Caffè aperte
Gli spazi del container di Piazza della Borsa ospitano i corner di Torrefazione Primo Aroma, Guatemala Torrefazione Caffè, Torrefazione Caffè San Giusto e Qubik – Vidiz & Kessler che illustreranno i loro diversi tipi di caffè di qualità e presenteranno le loro specialità, spiegandone le origini, i metodi di tostatura e i diversi tipi di preparazione. Il pubblico potrà fare domande direttamente ai torrefattori, degustare i vari caffè e acquistare le miscele.

Coffee Tour (partenza ore 14.30 dall’Antico Caffè San Marco - prenotazione obbligatoria)
Passeggiate per le vie del centro di Trieste alla scoperta dei luoghi storici della città legati al caffè. Dall’arrivo a Trieste delle navi con il caffè verde, all’apertura in città dei primi esercizi pubblici per consumarlo, ai caffè storici presenti ancora oggi. Una passeggiata di un’ora e mezza dall’Antico Caffè San Marco (via Battisti 18 - Trieste) al container del Trieste Coffee Festival in Piazza della Borsa. Informazioni e prenotazioni: 347 803 6396.

Alle 4.30 Pausa “Bellezza al caffè”
“Un tocco di Caffè sulle mani" proposta da Lotus Beauty & Relax.  Esfoliazione alle mani al caffè e insegnamenti per l'auto-massaggio, applicazione dello smalto con i colori del caffé!
Iniziativa gratuita aperta a 15 persone, su prenotazione obbligatoria via email a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

Alle 16.30 Iniziativa per i bambini “Un caffè #abassavoce"
L'Associazione Nati per leggere propone alle famiglie con bambini da due anni in su letture a "cosa beviamo e cosa mangiamo”. Durante l’appuntamento saranno condivisi libri scelti tra la migliore produzione editoriale per l’infanzia sul cibo, storie da ridere e per pensare.

Alle 18.00 Conferenza “I segreti della Moka”
La Moka è tutt’ora lo strumento più adoperato dagli italiani per preparare il caffè a casa propria. Lucio del Piccolo, autore del blog http://caffettiere.blogspot.com/, mostra i principali trucchi per preparare un ottimo caffè, migliorandone il gusto e l’aroma.

Tutte le attività sono a ingresso libero fino all’esaurimento posti in sala.

Per partecipare alle conferenze è consigliata la prenotazione via email a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

PORTE APERTE AL CAFFÈ

Trieste Coffee Festival 2019 logoTrieste Coffee Festival 2019 logo

 

È arrivato il weekend di Porte Aperte al Caffè, l’evento di apertura del TRIESTE COFFEE FESTIVAL giunto alla sesta edizione Il porte aperte è dedicato alla tostatura e alle aziende della filiera del caffè, che apriranno i loro spazi al pubblico. Un'occasione da non perdere in cui scoprire come la tostatura sia un'arte antica, che richiede impegno, pratica, ricerca e grande attenzione. Una giornata in cui i torrefattori illustreranno al pubblico come durante la tostatura si formino circa 800 diverse sostanze che conferiscono gusto e aroma al caffè e quanto sia dunque fondamentale gestire correttamente temperature e tempi. Se il calore fosse troppo elevato o la durata del processo troppo lungo, infatti, non si verrebbe a creare il corretto equilibrio di note che conferisce vita al gusto della bevanda. L'appuntamento è rivolto a tutte le età. Domenica 27 ottobre 2019 dalle 10-13 sono aperte per voi  Excelsior Industria Caffè Torrefatto, Guatemala Torrefazione Caffè, Primo Aroma Caffè.  Lunedì 28 ottobre 2018, ore 10-13, vi attende Amigos Caffè. 

Gli indirizzi e le e-mail delle torrefazioni 

Excelsior Industria Caffè Torrefatto (Via Cumano 14/1 a Trieste - tel. 040391185 e email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.)

Guatemala Torrefazione Caffè (Via Padovan 4 a Trieste - tel. 040393733 e email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.)

Torrefazione Primo Aroma (Stazione di Prosecco 36/B a Sgonico - tel. 040225270 e email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.).

Amigos Caffè (Strada delle Saline, 3 – Muggia; Tel 040 923 5052, email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Torrefazione Caffè San Giusto (San Dorligo della Valle - Zona Artigianale Dolina 507/10; Tel. 040820090 - email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.).

La partecipazione è gratuita ed è gradita la prenotazione della visita ai recapiti dell'azienda che si intende visitare.

QUI il programma completo con tutte le attività del Trieste Coffee Festival.
MEMO
Il Trieste Coffee Festival. è promosso dall'Associazione Caffè Trieste, in co-organizzazione con il Comune di Trieste. L’iniziativa è svolta il patrocinio di Turismo FVG, della Camera di Commercio, Industria, Agricoltura e Artigianato della Venezia Giulia, di Confcommercio Trieste e dell’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Orientale . La “Capo in B Championship” è realizzata in collaborazione con FIPE Trieste.

 

DETTAGLI

Social: Facebook: Trieste Coffee Festival; Instagram: Trieste Coffee Festival; Twitter: @TsCoffeeFest; Youtube: Trieste Coffee Festival.
Hashtag: #TriesteCoffeeFestival e #TriesteCapitaleCaffe.

 

Camminata fra gli olivi a Duino Aurisina e a San Dorligo

Sono 124 le Città dell’Olio che in occasione della Giornata della Camminata tra gli Olivi, domenica 27 ottobre 2019, organizzeranno passeggiate all’aperto negli oliveti, visite a frantoi e olivi secolari, degustazioni di olio e corsi di assaggio e molto altro ancora per raccontare la bontà del nostro olio e far scoprire la bellezza del nostro paesaggio.

In  provincia di Trieste due i comuni interessati: Duino Aurisina e San Dorligo della Valle. Le iniziative sono state presentate nella Sala Desiata della Camera di Commercio della Venezia Giulia. Il direttore di Aries, dott. Patrizia Andolfatto ha ricordato che ai partecipanti agli appuntamenti che lasceranno agli organizzatoi il loro indirizzo mail verrà inviato un biglietto a prezzo scontato per l'ingresso a Olio Capitale 2020. 



A Duino Aurisina la camminata è coordinata dalla Rete Landa Carsica in collaborazione con alcune aziende agricole locali produttrici di olio, la Proloco Mitreo e il Gruppo Speleologico Flondar, con il sostegno dell'Amministrazione comunale all'interno del segmento "Duino Aurisiana città dei Sapori" inserito nel progetto Duino Aurisina prota d'ingresso della provincia di Trieste. L’itinerario si snoderà tra i punti di interesse del Carso, per conoscere e promuovere i prodotti e le peculiarità di questa terra, tra spettacolari panorami che spaziano dal mare all’entroterra, tra vigneti e uliveti, tra i luoghi della storia del territorio, dalle trincee ai resti risalenti alla Prima guerra mondiale e nei luoghi dove sono tuttora visibili tracce dell’epoca romana.

Parco SkaljunkParco SkaljunkDalle 9.00 alle 9.50 – ritrovo e registrazione partecipanti in piazza a San Pelagio. Alle 10.00 – partenza, percorso attraverso gli uliveti e visita dell’Azienda Agricola Stubelj di San Pelagio.   La camminata prosegue con la visita del Parco Tematico della Grande guerra Lupinc Škaljunk, realizzato in ricordo dei prigionieri russi che hanno costruito le trincee, ristrutturato nel 2014 in occasione del centenario della Prima guerra mondiale. Qui si possono visitare trincee, bunker, postazioni militari e due casite (ripari agropastorali costruiti in pietra carsica) godendo nel contempo di un bellissimo panorama. L’itinerario prosegue verso la Grotta Caterina. Con breve deviazione dal percorso principale si può visitare anche questa cavità, abitata sia in epoca preistorica che romana. Sono previste tappe a Prepotto presso l’Azienda Agricola Gabrovec Ivan per ammirare l’architettura del Carso e presso l’Azienda Lupinc per visitare vigneti e uliveti. Il percorso si concluderà con l’arrivo alla Trattoria Sardoč, dove ci sarà la presentazione e la degustazione dei prodotti tipici locali. 

Oliveti a San Dorligo della Valle Dolina Oliveti a San Dorligo della Valle Dolina

A San Dorligo della Valle il percorso della camminata porterà i visitatori tra gli oliveti situati nella zona di Dolina. La partenza è prevista dalla zona artigianale di Dolina, nei pressi di frantoio dell’azienda Parovel; si proseguirà lungo le stradine campestri tra vigneti e oliveti della zona storicamente agricola del capoluogo comunale in direzione del monte Dolga krona. All’inizio il tragitto sarà su strada asfaltata nella zona bassa di Dolina. Qui si visiterà il primo uliveto. Dopo un centinaio di metri si svolterà negli uliveti della zona agricola chiamata Šmarten, dove si visiternno altri due uliveti. Si contiunerà poi nuovamente su un tratto asfaltato verso Dolga krona. Alle pendici di Dolga krona saranno visitati altri due uliveti, di cui uno a Vouče nel quale si trovano le piante più vecchie della zona di Dolina messe a dimora subito dopo la gelata del 1929. Lungo tutto il tragitto si potranno ammirare altri meravigliosi uliveti nascosti. Nel comprensorio di Dolga krona sarà prevista una sosta presso il punto di ristoro della società cooperativa dove sarà orgnizzato per tutti partcipanti un assaggio gratuito degli oli extravergine dei produttori locali, con possibilità di acquisto. Questo sarà anche il punto terminale della passeggiata. I partecipanti saranno accompagnati lungo tutto il percorso da esperti dell’olivicoltura locale. Per l’occasione apriranno le porte anche due frantoi situati su territorio comunale: il frantoio Parovel (punto partenza della camminata) e il frantoio dell’Agricola di Trieste Soc. Coop. in Via Travnik 10, San Dorligo della Valle (TS). In caso di maltempo i visitatori verranno accompagnati poi nel centro storico di Dolina dove verrà organizzata negli spazi dell’Oil Bar (cantina-museo che ospita l’antico frantoio) anche una degustazione guidata degli oli extravergine locali. 

 

NOTE DI SPEZIE. TUTTI I SAPORI DELLA MUSICA A DUINO

Busina Brass QuintetBusina Brass Quintet

Domenica 29 settembre 2019 "Note di spezie" torna ai matinée delle 11, nell'Auditorium del Collegio del Mondo Unito dell'Adriatico di Duino, con il Busina Brass Quintet (due trombe, corno, trombone e tuba) che arriva da Zagabria, ma è composto da solisti provenienti da Paesi e orchestre diverse dei Balcani (tra cui anche l'Orchestra dell'Opera di Zagabria). I Busina si dedicano a brani originali e arrangiamenti dal classico al jazz, dal repertorio moderno alle colonne sonore. Progetto curato da Chiara Vidoni, Direttore artistico di ICMA e di “Note di Spezie”, sostenuto anche da qb per la comunicazione.

Leggi anche

Note di spezie - Tutti i sapori della musica 

Note di spezie Euritmia a Trieste

Note di spezie Euritmia a Trieste

  Euritmia Orchestra di fiati di PovolettoEuritmia Orchestra di fiati di Povoletto

Sabato 28 settembre 2019 alle 21, per la rassegna Note di spezie dell'ICMA, alla Piccola Fenice, sala-auditorium in via San Francesco a Trieste, si esibisce l'Orchestra di Fiati Euritmia, di Povoletto: un'istituzione che ha le sue radici in Friuli nella seconda metà dell'Ottocento e che oggi - grazie alla costituzione di un'associazione culturale - vanta, oltre all'Orchestra, tantissime attività, legate anche a una seguitissima scuola di musica e a una mini banda. A Trieste l'Orchestra propone un progetto dedicato a Leonardo a cinquecento anni dalla sua scomparsa: un racconto dedicato al rapporto dell’artista con la musica, attraverso composizioni, testi e immagini che restituiscono il talento multiforme di Leonardo da Vinci.

Leggi anche 

NOTE DI SPEZIE. TUTTI I SAPORI DELLA MUSICA A DUINO

Note di spezie - Tutti i sapori della musica

 

Incontro con Beppe Severgnini

ABBAZIA DI ROSAZZO (MANZANO, UDINE). Venerdì 20 settembre 2019 h. 18 . “Italiani si rimane” editore Solferino libri. Un viaggio nel cambiamento professionale e personale del giornalista e scrittore Beppe Severgnini entrando nelle pagine di “Italiani si Rimane”, edito da Solferino Libri: questa la proposta del nuovo appuntamento della rassegna “I colloqui dell’Abbazia. Il viaggio della carta geografica di Livio Felluga” in programma  nella Sala delle Palme della Abbazia di Rosazzo. L’incontro, condotto dalla giornalista Margherita Reguitti, è promossa dalla Fondazione Abbazia di Rosazzo e dall’azienda Livio Felluga nella storica Abbazia friulana in comune di Manzano.
Un viaggio ironico, sentimentale e istruttivo: dalla scuola di Montanelli al Corriere della Sera, dal primo articolo per La Provincia di Cremona al New York Times, dai libri alla radio, da Twitter al teatro (entrambi utili, il secondo più moderno). In Italia e in Europa, in America e in Australia, in televisione e sui treni del mondo. In ogni esperienza si nasconde una lezione. Beppe Severgnini prova a capire qual è, e condivide con noi le sue scoperte. Una narrazione intima e sorprendente, una scrittura nuova e appassionata. Italiani si rimane non spiega solo le trasformazioni nei media a cavallo tra due secoli: parla del tempo che passa, del legame con la terra e la famiglia, del piacere di insegnare e veder crescere nuovi talenti. Questo libro arriva vent’anni dopo Italiani si diventa, dove l’autore ripercorreva l’infanzia, l’adolescenza e la prima gioventù. La sua collaudata ironia ora diventa autoironia, l’autobiografia diventa biografia di una generazione. Serenità, intuizione, occhio prensile: a Beppe Severgnini i dettagli non sfuggono. Le pagine luccicano di leggerezza intelligente. Italiani si rimane è un viaggio dentro il cambiamento: personale, professionale, nazionale. Un racconto utile ai più giovani per progettare e ai meno giovani per ricordare. Un libro che prova una cosa: qualunque lavoro si faccia, e qualsiasi cosa succeda, italiani si rimane.
L’appuntamento si concluderà con un brindisi dei vini Livio Felluga, la cui etichetta, rappresentata da un’antica mappa del territorio, viaggia in oltre ottanta Paesi nel mondo.
La rassegna, promossa dalla Fondazione Abbazia di Rosazzo e dall’azienda Livio Felluga, è realizzata in collaborazione con MiBAC, Biblioteca Statale Isontina, Associazione culturale Vigne Museum e il Comune di Manzano.

Il violoncello secondo Vandini e Tartini

Elinor FreyElinor Frey

Evento conclusivo giovedì 19 settembre 2019 alle 20.30 nella Sala Tartini del Conservatorio di Trieste, del Festival ”Il suono di Tartini”, a cura di Margherita Canale e Paolo Da Col, prima delle celebrazioni per i 250 anni dalla scomparsa del grande compositore e violinista di Pirano. In scena,Elinor Frey violoncello, Marc Vanscheeuwijck violoncello, Patxi Montero violone, Isabella Bison e Lorenzo Gugole violini, Stefano Marcocchi, viola, Federica Bianchi, cembalo. La serata sarà dedicata all'integrale delle composizioni note di Antonio Vandini: tre Sonate per violoncello e cembalo e il Concerto per violoncello dello stesso Vandini, grande amico e sodale di Giuseppe Tartini sin dagli anni giovanili, musicista attivo nella cappella antoniana. Per lui Tartini scrisse i suoi due Concerti per violoncello. L’ingresso è aperto gratuitamente al pubblico. 

 

Musica cortese fra medioevo e rinascimento

Strumenti antichiStrumenti antichi

Lunedì 16 settembre 2019 alle 17 al Kulturni Dom (Prosvetni dom) di Opicina (Ts) è in programma un viaggio nella musica antica con MUSICA CORTESE, VIAGGIO NELLA MUSICA OCCIDENTALE TRA MEDIOEVO E RINASCIMENTO lezione concerto tenuta da Fabio Accurso, Alessandra Cossi e Teodora Tommasi. Un percorso per immagini e suoni segnato dai timbri e dalle qualità espressive di una serie di strumenti musicali che hanno caratterizzato i diversi momenti del loro rapporto con la voce umana. A cura dell'associazione Dramsam, Centro giuliano di musica antica, in collaborazione con la Glasbena Matica, l'istituto di Musica Sloveno di Trieste. Ingresso libero fino a esaurimento dei posti disponibili. 

Scoprire la vera storia del tiramisu- Avete prenotato il vostro posto?

tirime su coppa vetturinotirime su coppa vetturinoNel concorso del convegno che si svolgerà a Trieste inella Sala Maggiore del Palazzo della Borsa Vecchia l 16 settembre 2019 a partire dalle 16.15 sarà proiettato in anteprima anche il documentario “La vera storia del Tiramisù”: l’evento è organizzato dal Consorzio Culturale del Monfalconese, dall’Ecomuseo Territori “Genti e Memorie tra Carso e Isonzo”, dalla Camera di Commercio Venezia Giulia, da Aries e da PromoTurismoFVG. 

È ancora poco noto che la versione originaria del dolce più famoso al mondo sia stata ideata dallo chef Mario Cosolo per i suoi clienti del ristorante di famiglia “Al Vetturino” che all’epoca - alla fine degli anni 30 - si trovava a Pieris, in provincia di Gorizia.

L'ingresso all'evento di lunedì 16 settembre è libero, fino a esaurimento dei posti a sedere in sala, previa registrazione a questo link: www.eventbrite.it/e/biglietti-alla-scoperta-del-tirime-su-coppa-vetturino-la-ricetta-originale-71769666003

Di seguito il programma completo.

ore 16.15 registrazione partecipanti

ore 16.30 saluti introduttivi

Antonio Paoletti Presidente Camera di Commercio Venezia Giulia

Giorgio Rossi Assessore alla cultura sport turismo del Comune di Trieste

Claudio Fratta Sindaco di San Canzian d’Isonzo

Sergio Emidio Bini*
Assessore alle attività produttive e turismo della Regione Friuli Venezia Giulia

Lucio Gomiero*
Direttore generale PromoTurismoFvg

Bruno Vesnaver
Presidente Fipe Trieste

ore 16.50

Davide Iannis Presidente Consorzio Culturale del Monfalconese “Il ruolo degli Ecomusei nella valorizzazione del territorio locale”

Danilo Gasparini Docente di Storia dell’agricoltura e dell’alimentazione Università degli Studi di Padova “Valore della conservazione e valorizzazione delle ricette storiche”

L’importanza dello storytelling a cura di PromoTurismoFvg

ore 17.15 proiezione in anteprima del documentario “La vera storia del Tiramisù”

moderatore Stefano Cosma giornalista enogastronomico

A seguire show cooking e assaggio del “Tirime su - Coppa Vetturino™” per tutti i partecipanti a cura della pastry chef Loretta Fanella e di Flavia Cosolo
figlia dello chef Mario Cosolo, che da molti anni si dedica alla promozione di questa ricetta

*in attesa di conferma

Tirime su Coppa del Vetturino- Un dolce da re

 tirimesu coppa vetturino invito 16 settembretirimesu coppa vetturino invito 16 settembre

 

Segnatevi subito la data, voi appassionati di dolci e amanti delle nostre tradizioni culinarie. Lunedì 16 settembre 2019 alle 16.30 nella sede della Camera di Commercio Venezia Giulia in piazza della Borsa a Trieste è in programma un pomeriggio di approfondimenti alla scoperta delle origini del dessert più famoso al mondo! Dopo gli interventi degli esperti e la proiezione di un documentario a tema ci saranno anche gli assaggi. Presente Flavia Cosolo, figlia dell'inventore del Tirime su di Pieris  e la pastry chef Loretta Fanella. Ingresso libero fino a esaurimento posti a sedere in sala. Prenotatevi al link https://www.eventbrite.it/e/biglietti-alla-scoperta-del-tirime-su-coppa-vetturino-la-ricetta-originale-71769666003 

Il Tirime su di Pieris in degustazione al Brocante

Tirime su Coppa del Vetturino on tour

Mangiare con i menu filosofici e la razionsufficiente

Mangiare con filosofia pubblicato su qb di agosto 2019Mangiare con filosofia pubblicato su qb di agosto 2019

 

Dal 13 al 15 settembre 2019 torna a Modena, Carpi, Sassuolo il Festival della filosofia.  È una festa interamente gratuita: lezioni magistrali, mostre, spettacoli. Tullio Gregory, il  filosofo scomparso qualche mese fa, sin dalla prima edizione del festival ha firmato la sezione “cucina filosofica”, ideando particolari percorsi gastronomici. In questa edizione per rendergli omaggio sono stati scelti otto menu tra i più significativi da lui proposti in passato: verranno serviti per tre giorni in più di 70 ristoranti ed enoteche. E la “razionsufficiente”? È il cestino del festival per pranzare e cenare a soli 5,00 euro. Numerose le convenzioni di ospitalità e spostamenti fra le varie sedi.

Alla scoperta della collezione al Museo di Miramare

Con il Focus on il Museo di Miramare intende avviare un nuovo progetto di approfondimento tematico con cadenza quadrimestrale che metta in luce, di volta in volta, una o più opere della propria collezione, oggetti d’arte che spesso,  tra le fastose decorazioni del percorso museale e le affascinanti prospettive sul mare, passano inosservate.
Un’occasione per scoprire con sguardo nuovo le collezioni del Museo e per raccontarne la storia a partire dagli oggetti, ricostruendone il contesto di produzione, i significati e le vicende conservative.  

 

​Primo  appuntamento Il Porto di Istifan  in una carta nautica del Settecento. Nuova acquisizione del Museo Storico di Miramare.

Castello di Miramare, Appartamenti del Duca d'Aosta. 12 settembre - 8 dicembre 2019

Eccezionalmente per l'inaugurazione, giovedì 12 settembre alle 16.30, ci sarà la possibilità di accedere gratuitamente prenotandosi alla mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
(fino a esaurimento posti disponibili e previa ricezione di conferma)

 

 

 

 

Il Tirime su di Pieris in degustazione al Brocante

Tirime su Coppa vetturinoTirime su Coppa vetturinoNuovo appuntamento giovedì 12 settembre alle 19 con il Tirime su all’Osteria Contemporanea Brocante, il locale di Monfalcone selezionato per rappresentare e servire il dolce più famoso di tutto il mondo, che ha avuto origine a Pieris presso il Ristorante al Vetturino. Una presentazione con degustazione per scoprire la vera storia del dolce più conteso; la serata sarà condotta dalla figlia di Mario Cosolo, Flavia. 

Brocante- Gusti*Spazi*Esperienze. Viale San Marco 44. Monfalcone. Tel. 0481-360262

Tirime su Coppa vetturinoTirime su Coppa vetturino

 

 

CASARSA CELEBRA LA SUA CHIESA STORICA

Casarsa della Delizia riscopre la sua antica patrona Santa Croce e valorizza la chiesa a essa intitolata (detta affettuosamente Il Glisiut in friulano casarsese), l'edificio più antico della cittadina (XV secolo) e cuore della comunità: attorno a essa infatti c'era la cortina fortificata dove la popolazione si rifugiava in caso di pericolo. Fu la prima chiesa parrocchiale e i preziosi affreschi che l'arricchiscono, realizzati da Pomponio Amalteo ma nei quali si intravede vede la mano del suocero del pittore, cioè Il Pordenone, sono stati in gran parte distrutti dalle bombe cadute durante la Seconda guerra mondiale.

Per ricordarne l'importanza nella storia casarsese e promuoverne il recupero attraverso un interessante progetto digitale riguardante i citati affreschi sabato 14 settembre si terrà la manifestazione "Festa dell'Esaltazione della Santa Croce". 

Si punterà a sensibilizzare i partecipanti al progetto “Si può dare di più” finanziato da Friulovest Banca. La banca ha infatti assegnato un conto corrente gratuito (Iban IT 67 O 08805 64810 003008101703) alla Parrocchia di Casarsa della Delizia dove raccogliere fondi fino al 30 novembre 2019. Dopo quella data l'istituto di credito cooperativo garantirà l'integrazione aggiuntiva dei fondi raccolti con un'assegnazione del 50% in più fino a un massimo di 10 mila euro: in pratica per ogni due euro raccolti dai promotori. L'obiettivo è quello di tornare ad ammirare gli affreschi perduti grazie alla realtà virtuale basata su foto del primo Novecento (realizzate nel 1909 da Giovanni Caprioli). Inoltre sarà risanato l'ambiente che soffre d'infiltrazioni di umidità e riqualificata l'area circostante, che come detto è la più antica del nucleo abitato di Casarsa. A chi effettuerà delle donazioni sarà donata una speciale cartolina che raffigura l'eccezionale foto di come era la volta affrescata prima dei bombardamenti e una esclusiva calligrafia realizzata da Sarah Barbato.

Affreschi del Glisiùt di CasarsaAffreschi del Glisiùt di Casarsa

IL PROGRAMMA DELLA GIORNATA

Credit foto CiolCredit foto Ciol

 

La Festa inizierà sabato 14 settembre 2019 alle 9.00 con l'apertura alle visite della chiesa di Santa Croce: si potranno ammirare gli affreschi e la lapide sull'invasione turca del 1499 che ispirò a Pier Paolo Pasolini il suo dramma teatrale i Turcs tal Friûl. Durante la giornata all’interno della chiesa e nell’area verde circostante esposizione di icone di Valeria Rizzo, suggestioni calligrafiche di Sarah Barbato insieme a fotografie, studi e documenti sull’antica chiesa parrocchiale a cura di Clelia Mungiguerra ed Ester Pilosio.

Alle 10.00 inaugurazione della mostra "I putti del Pordenone" con le fotografie di Elio Ciol delle opere del maestro rinascimentale nello spazio espositivo Il Glifo.

Alle 11.00 conferenza nella chiesa "L’avventurosa storia conservativa della chiesa di Santa Croce e l’instancabile opera di Mons. G.M.Stefanini" sui restauri delle opere lungo il Novecento: previsti interventi di Raffaella Plos e don Simone Toffolon.

Alle 12.30 aperitivo del Patrono per tutti sul sagrato della chiesa.

Alle 15.00 nell'area verde della cortina di Santa Croce spazio ai più piccoli con "Le storie della Vera Croce" racconti ed ex tempore per bambini e ragazzi (ai partecipanti sarà anche offerta la merenda).

Alle 16.00 in chiesa concerto dell'Ensemble Psallere Voce: Sofia Masut (arpa) con Valentino Pase (baritono).

Alle 17.30 nel Centro studi Pasolini in via Guidalberto Pasolini inaugurazione della mostra "La forma del borgo: memorie letterarie e identità rustiche nelle fotografie di Giovanni Castellarin" (evento all'interno della rassegna Lùsignis).

Alle 18.30 Santa Messa per l’Esaltazione della Santa Croce nella Chiesa Parrocchiale "nuova", quella che a fine Ottocento sostituì il Glisiùt.

Alle 20.45 gran concerto "Note per Santa Croce" della Corale Casarsese diretta dal maestro Giorgio Molinari con il Coro femminile San Lorenzo di Sacile diretto dal maestro Roberto Cozzarin.

Tutti gli eventi sono a ingresso libero.

  • 1
  • 2