cibo, vino e quantobasta per essere felici

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, ti informiamo che questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

EmailStampaEsporta ICS

Di Bin suona Chopin

Evento

Titolo:
Di Bin suona Chopin
Quando:
Lun, 7. Ottobre 2019
Categoria:
Concerti
Creato da:
Fabiana Romanutti

Descrizione evento

Il pianista friulano Sebastian Di BinIl pianista friulano Sebastian Di Bin

Lunedì 7 ottobre 2019 alle 20.30, nella Sala Ridotto del Verdi, concerto di uno dei maggiori pianisti della giovane generazione, l’artista friulano Sebastian Di Bin. Si esibirà su una carrellata di Studi da concerto, pagine musicali notissime di Fryderyk Chopin dai 12 Studi op.25 e op.10 e di Franz Liszt, da Études d’execution transcendante S.139. Prevendite presso TicketPoint Trieste – tel. 040 3498276. Dettagli e aggiornamenti 

Gli Études di Chopin costituirono il fondamento di quello che allora era una tecnica pianistica rivoluzionaria: sono noti per essere alcuni dei pezzi più stimolanti ed evocativi di tutte le opere nel repertorio del pianoforte da concerto. Per questo sono brani diventati assai popolari e spesso eseguiti sia in concerto che in palcoscenici privati. Gli studi trascendentali di Liszt sono uno dei cicli di composizioni dove meglio si evince la ricerca del compositore per estrarre dal pianoforte nuove possibilità espressive, anche al di là delle tecniche consolidate del pianismo: ricerca, va detto, suffragata anche dalle innovazioni strumentali che si andavano in quel periodo introducendo. Intere pagine da eseguire nel registro grave del pianoforte (Vision), si alternano a vorticose scalette su e giù per la tastiera praticamente in ogni forma possibile, con passaggi dall'armonia audace o dalle impreviste difficoltà ritmiche (Wilde Jagd).

 


Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

Informazioni