cibo, vino e quantobasta per essere felici

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, ti informiamo che questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

EmailStampaEsporta ICS

Progetto jazz a Ronchis

Evento

Titolo:
Progetto jazz a Ronchis
Quando:
Ven, 1. Dicembre 2017 - Ven, 22. Dicembre 2017
Categoria:
Concerti
Creato da:
Fabiana Romanutti

Descrizione evento

Si intitola “Mi illumino di senso” il progetto musicale di Francesco Bearzatti, sassofono e Angelo Comisso, pianoforte, maestri di fama internazionale della musica jazz, accompagnati da letture di Massimo De Bortoli. Appuntamento venerdì 1 dicembre 2017 alla Chiesa Parrocchiale di Sant’Andrea a Ronchis per le 20.45. “Un progetto che – come spiega Comisso – nasce dall’esigenza di entrambi di realizzare qualcosa per il centenario della Grande guerra che non fosse una triste e malinconica commemorazione”. I diversi quadri rappresentano i vari momenti di una giornata di un soldato al fronte, iniziando con la lettera della chiamata alle armi. Marcia, addestramento e inquadramento alla disciplina militare, quindi la notte in trincea aspettando un ordine di attacco, mentre in lontananza si sentono cadere le bombe. Ma c’è spazio per l’ironia e il sarcasmo: mentre i militi sono carne da macello, gli alti gradi dell’esercito e le alte cariche politiche si lanciano in balli e feste. “Abbiamo scelto – conclude Comisso – un finale un po’ anarchico: un altro ballo, ma stavolta tra i ragazzi dei due fronti che, compresa l’assurdità della guerra, gettano le armi e iniziano a fare festa insieme”.


Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.