cibo, vino e quantobasta per essere felici

Veneto o friulano? Ma c'è anche il tiramisud!

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1

Il tiramisu è friulano. Per Decreto Ministeriale. In due versioni - carnica e bisiaca – è stato inserito, su richiesta della Regione FVG, nella lista Prodotti agroalimentari tradizionali (Pat) del territorio. Il decreto del Ministero è del 29 luglio 2017. Merito dell’Accademia della Cucina FVG e della tempestività nello svolgimento delle pratiche burocratiche di legge da parte degli enti regionali preposti. Il Veneto rivendica orgogliosamente la paternità del dolce al cucchiaio più famoso al mondo, straordinario mix di mascarpone cacao, caffè e savoiardi. In effetti qui si spera che il tiramisu diventi diffusamente friulano, in quanto personalmente fino a ora lo abbiamo raramente incontrato nei menu dei ristoranti o in pasticcerie del FVG. E crediamo che non bastino due o più documenti, ancorché autentici, a creare una tradizione, fatta anche di valori e di tipicità percepita. Questo è sicuramente il caso del Veneto, che, in ogni caso, al Festival del Cinema di Venezia lo ha servito a George Clooney e Robert Redford. #perdire. Del resto quando gli americani ci chiedono “come si dice pizza in italiano” è ovvio che – per loro – la pizza è cosa loro. Nel frattempo a Treviso si è svolta la Coppa del mondo di Tiramisu per pasticceri dilettanti che ha avuto un'affluenza trionfale sia fra i partecipanti sia fra i giurati (ovviamente c'era anche qbquantobasta). Mentre in Friuli VG  per ora è uscito un libro con la storia del tiramisu carnico e - unica iniziativa pregevole a nostra contezza - il Consorzio Friuli Via dei Sapori presieduto da Walter Filiputti, ha presentato 21 tiramisu rivisitati dai 21 ristoranti del Consorzio con caffè di Orocaffè e un ratafià di ribolla creato ad hoc dall'azienda Collavini. Per il resto le istituzioni si lamentano dello scippo trevigiano ma latitano in proposte atte a promuovere il brand. Per smorzare comunque le polemiche proponiamo ai nostri lettori la ricetta del Tiramisud di Dario Perrella (Agriturismo “Al Celone”-Foggia), segnalataci già tempo fa dall'amico Giustino Catalano. Tutti gli ingredienti base sono stati sostituiti con altrettanti prodotti del territorio del sud: il pane di grano arso intriso nel caffè ha preso il posto del savoiardo, la ricotta di bufala appena zuccherata quello del mascarpone... Giustappunto un tiramiSUD!


Copyright © 2009-2020 QUBI' Editore
Riproduzione riservata

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.