cibo, vino e quantobasta per essere felici

TipiGO: i tre vincitori

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1

Merletto goriziano, la Rosa di Gorizia e la Gubana goriziana sono i vincitori del Premio TipiGO: sono stati i più votati dal web. Potranno quindi fregiarsi del marchio di comunicazione TIPIGO, per acquisire una maggiore visibilità e migliorare la commercializzazione online.  Il Premio TipiGo è una novità per Gorizia: rientra nel programma Pisus/Let’sGo! messo in campo dal comune per il rilancio turistico della città anche attraverso la promozione delle sue eccellenze. I principali obiettivi del Premio sono quelli di attivare sinergie tra realtà commerciali, industriali e istituzionali per creare un “sistema virtuoso” e sostenibile di marketing del territorio; promuovere i prodotti tipici attraverso un “marchio di comunicazione” unico; valorizzare sia i prodotti sia il territorio grazie all’identificazione immediata e alla “certificazione” di una provenienza garantita. I tre prodotti hanno ottenuto il numero più alto di voti dagli utenti del web; ben oltre 5000 persone si sono infatti collegate sul sito www.letgo.gorizia.it/tipigo e hanno votato online. Tutti e tre i prodotti affondano le loro radici nel tessuto cittadino. Come ha ricordato l’avvocato Carlo del Torre, Presidente della Fondazione Scuola Merletti: “Il Merletto goriziano ha origini molto antiche; nel Seicento alcune suore dell’ordine delle Orsoline avviarono l’insegnamento del ricamo e del merletto. Anche se i merletti avevano fatto la loro comparsa in città già il secolo precedente e venivano utilizzati nell’abbigliamento, nell’arredamento, nei corredi delle spose e negli arredi delle chiese.”

“Anche la Rosa di Gorizia, varietà locale di radicchio rosso simile a una rosa appena sbocciata, affonda le sue radici nella storia della città. Viene infatti coltivata da tempo immemore negli orti cittadini e nelle zone agricole poste alla periferia – il commento di Carlo Brumat, Presidente Associazione Produttori Rosa di Gorizia - Conosciuta fin dai tempi degli Asburgo, la Rosa di Gorizia ha diffuso la sua fama a livello nazionale ed europeo.” É inoltre diventata un Presidio Slowfood.

Ariano Medeot, Presidente Confartigianato di Gorizia, ha sottolineato: “Mi unisco a tutta la categoria panificatori e pasticceri che sono qui a rappresentare, nell’esprimere la nostra soddisfazione per il successo che un prodotto “nostrano” come la Gubana goriziana ha riscontrato tra i cittadini e gli utenti del web, a testimonianza di quanto sia un apprezzato e riconosciuto da tutti.”  Per saperne di più leggi La vera storia della gubana goriziana


“Gorizia offre prodotti di eccellenza che meritano di essere riconosciuti, promossi e valorizzati non solo a livello locale e nazionale, ma anche all’estero. – ha osservato Arianna Bellan, assessore comunale al Commercio e ai Grandi Eventi - Per questo abbiamo voluto istituire il Premio Prodotto Tipico di Gorizia, un progetto che fonda un modello di marketing che potrà essere esteso facilmente ad altri prodotti e replicato più volte ed in occasioni successive, per far crescere il “panel” di prodotti tipici, moltiplicare le risorse nelle azioni di co-marketing dei produttori e produrre una ricaduta positiva su tutto il territorio”.

courtesy foto:

Rosa di Gorizia - Associazione Produttori Radicchio Rosso di Gorizia, Rosa di Gorizia e Canarino
Merletto -   Scuola Merletti
Gubana -  Punktone



Questi i 16 prodotti tipici che erano in concorso
Merletto goriziano
Rosa di Gorizia
Ljubljanska
Gubana goriziana
Pinza goriziana
Asparagi di Sant’Andrea
Mlinci
Lavanda
Miele
Caffè
Verza di Sant’Andrea
Pelinkovec
Tajada
Aronia biodinamica
Ribolla gialla
Brovada











Copyright © 2009-2020 QUBI' Editore
Riproduzione riservata

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.