fbpx
cibo, vino e quantobasta per essere felici

Le cipolle in agrodolce e il coltello che taglia

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1

il coltello che tagliil coltello che tagli

#ricettedaleggere Da un libro di ricordi e ricette di Clara Spada dal titolo Il Coltello che Taglia,  una preparazione adatta anche ai principianti. "A casa non si portavano  mai cipolle a tavola, in nessun modo, se ne scoprivamo qualche frammento nel sugo o in altre pietanze ne eravamo sconcertate, noi piccoli,, le mangiavano i contadini, le cipolle, poverini, non avevano altro.

Ce lo raccontava il sussidiario. Queste cipolle sono in agrodolce, ora ci piacciono. Si piange  un po' per prepararle, ma che importa, fa bene agli occhi, diventano più brillanti. Le donne ci credono,  piccola consolazione, per un compito spiacevole. 

Per un chilo di cipolle si prepara un litro di liquido con tre quarti di aceto bianco e un quarto d'acqua, un cucchiaio raso di sale, un etto di zuccherob, un bicchiere d'olio d'oliva. Si puliscono le cipolle, si tagliano a spicchi e si mettono in pentola con il liquido, si portano a ebollizione e si fa bollire per cinque minuti, si toglie dal fuoco e si fa sfreddare".   

E la vostra ricetta delle cipolle in agrodolce com'è? Ce la raccontate? scrivete a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leggi anche  https://qbquantobasta.it/cibo/parole-golose/la-parmigiana-di-melanzane-secondo-erri-de-luca

Potrebbe interessarti anche https://qbquantobasta.it/cibo/parole-golose/risotto-patrio-recipe-risotto-alla-milanese-di-gadda

 


Copyright © 2009-2021 QUBI' Editore
Riproduzione riservata

Stampa questo articolo