cibo, vino e quantobasta per essere felici

I segreti dell'extravergine

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1

“L’olio extravergine alla portata di tutti” potrebbe essere l’altro titolo di Olio Officina, la manifestazione che si è tenuta al Palazzo dei Giureconsulti, nel cuore di Milano, sabato e domenica. Ideatore dell’incontro il giornalista Luigi Caricato, il quale, oltre ad essere autore di diverse pubblicazioni sull’argomento, ha un’azienda agricola di famiglia con alcune migliaia di olivi in provincia di Lecce e quindi può parlare per esperienza diretta.

Palazzo dei Giureconsulti di Milano, sede della prima edizione di Olio Officina Food Festival

Grandissimo prodotto della nostra tradizione dell’agroalimentare,l’olio extravergine è per molti un illustre sconosciuto. Illustre perché si sa che è un vero toccasana per la salute con le sue proprietà antiossidanti e non solo, sconosciuto in quanto sul mercato ci sono prodotti che tentano di spacciarsi per tali e siccome nessuno legge le etichette al momento dell’acquisto, è facile sbagliare. Per dare qualche informazione pratica in più ecco appunto la creazione di Olio Officina, incontro durante il quale hanno dato il loro contributo chef, così come professori universitari, sono stati realizzati mini corsi di degustazione e vi sono stati momenti dedicati all’arte con mostre, nonché spazi riservati ai bambini. Sono stati toccati moltissimi temi, e durante gli incontri ciascun visitatore ha potuto carpire consigli utili a seconda dei propri interessi.

 

Da sinistra, lo chef Pietro Leeman e Luigi Caricato, ideatore di Olio Officina Food Festival

Sull’aspetto dell’extravergine in cucina, ad esempio, lo chef Pietro Leeman, titolare del ristorante Joia di Milano, ha sottolineato l’importanza di lasciar appassire verdure e ortaggi in padella con un filo d’olio e senz’acqua, in modo che sapori e profumi rimangano intatti. Inoltre, nel corso dell’approfondimento scientifico, il professor Giovanni Lerker, docente all’Università di Bologna nel dipartimento di Scienze degli alimenti, ha spiegato che l’acido oleico, componente essenziale di un buon extravergine, dà al cervello il senso della sazietà e che quindi non sarebbe del tutto sbagliato farsi una mini bruschetta prima di mettersi a tavola, per evitare di eccedere nel pasto.

courtesy of:  M. Beretta


Copyright © 2009-2020 QUBI' Editore
Riproduzione riservata

Stampa questo articolo

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.