fbpx
cibo, vino e quantobasta per essere felici

Lutto nel mondo dell'enogastronomia friulana, è morto Aligi Grop

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1

Il 28 agosto 2016 presso l’ospedale di Palmanova si è spento Aligi Grop uno dei più rilevanti ristoratori del Friuli Venezia Giulia. Ne danno notizia la moglie Elsa Tibaldi e i figli Ezio, Mary e Clia. Conosciutissimo – a livello nazionale – apprezzato gourmet e grande intenditore di vini, Aligi ha valorizzato la cultura gastronomica del Friuli e in particolare quella della Bassa Friulana, con un lavoro di riscoperta fatta con grande intelligenza ed eccezionale cognizione del gusto e della storia delle culture materiali.

Nato a Popetto nel 1935, è stato per oltre cinquant’anni animatore del Ristorante La Tavernetta di Porpetto e della “Fieste dai nemoraz dal purzit”. Aligi all’inizio degli anni Sessanta rilevò l’osteria di famiglia, che in pochi anni diventò uno dei ristoranti più blasonati del Nord-Est.  Quasi per scherzo, per gioco e per sfida, nel 1968 Aligi (con l’aiuto degli amici Ezio Toneatto e di Isi Benini, indimenticato giornalista, gourmet e wine-writer di raffinata competenza), pensò che “Fieste dai nemorâz dal purzìt” (Festa degli innamorati del maiale, in friulano) potesse essere un buon nome e una bella idea per far conoscere la cultura cucinaria del Friuli. Il tempo gli ha dato ragione, la festa ha avuto e continua ad avere un successo eccezionale di critica e di pubblico. Aligi individuò un menù a base di carne di maiale basato sulla tradizione. Per questo, da appassionato conoscitore della cultura della propria terra, scomodò un’antica ricetta friulana riportata nel magistrale “Mangiar Friulano” di Giuseppina Perusini Antonini (leggendaria e centenaria contessa del Picolit di Rocca Bernarda, tante volte raccontata da Luigi Veronelli, maestro della critica enogastronomica e grande estimatore di Aligi). (m.t.)

Leggi anche Alla Tavernetta da Aligi x Nemorâz dal purcit

Copyright © 2009-2021 QUBI' Editore
Riproduzione riservata