cibo, vino e quantobasta per essere felici

La nutrizionista Monica Cigar risponde alle vostre domande

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1

 

La nutrizionista dott. Monica CigarLa nutrizionista dott. Monica Cigar

Buon giorno a tutte e tutti, con piacere comincio in questo mese di luglio la mia rubrica di consigli e risposte sul quotidiano on line di qb, di cui da tempo apprezzo la rivista mensile cartacea. Abbiamo lanciato l'idea solo alcuni giorni fa e sono subito arrivate le prime domande. Ogni venerdì pubblicheremo le risposte e sicuramente andremo più specificamente a parlare di diete. Ma quello che più mi interessa sottolineare è l'importanza della corretta e sana nutrizione, adeguata e difersificata secondo le esigenze di anziani e bambini, sportivi e persone dalla vita sedentaria. La nutrizionista non si occupa solo di farvi apparire perfetti alla "prova costume"!

1) Adoro il pompelmo, però ho letto che ci sono controindicazioni, è vero? Giovanna C. 

Questo frutto è un vero e proprio toccasana per la nostra salute, ma con qualche precauzione! Il pompelmo, frutto originario della Cina, è ricco di vitamina A, B e C, di sali minerali (calcio, fosforo, potassio, magnesio, zolfo, ferro ecc.) e di flavonoidi, potenti antiossidanti. Tra i flavonoidi presenti, il più abbondante è la naringenina con azione antiossidante e antitumorale.
Oltre a ciò, il pompelmo può essere un valido aiuto per la nostra salute in quanto facilità la digestione, è indicato per depurare il fegato, per insufficienza renale, capillari fragili e infezioni polmonari. I semi di pompelmo hanno invece un’importante funzione antibiotica naturale.
Ma attenzione a non assumere medicinali in contemporanea! Infatti alcune molecole in esso contenuto possono interferire con il metabolismo delle medicine limitandone l’assorbimento oppure aumentandone il tempo di eliminazione e quindi aumentandone l’azione, come se ne avessimo assunto 20-40% in più!
Queste effetto si ottiene sia bevendone il succo che mangiando il frutto!
Attenzione quindi se assumete antiaritmici, antibiotici, antistaminici, ansiolitici, statine, immunosoppressori, chemioterapici, anticoagulanti ecc! Gli effetti iniziano quasi immediatamente, dopo poche ore dall’assunzione del pompelmo e perdurano per un periodo relativamente lungo, anche 3 giorni!

pompelmopompelmo

 

2) Salve, ho sempre fame e soprattutto mangerei in continuazione pane e pasta. Come mai? Marta O. 

La sensazione di fame può essere legata ad aspetti psicologici e fisiologici. In particolare i carboidrati contribuiscono alla produzione indiretta di ormoni del piacere (endorfine e serotonina), determinando uno stato di benessere, migliorando il nostro umore e creando una sensazione di soddisfazione. Invece da un punto di vista fisiologico, un eccesso di carboidrati ad alto indice glicemico, può causare un rapido innalzamento della glicemia, innescando la secrezione di insulina, un ormone ipoglicemizzante che favorisce l’ingresso del glucosio nelle cellule, la formazione di glicogeno e di grasso. Poche ore dopo, ci si ritrova in una situazione di ipoglicemia e si sente nuovamente la necessità di assumere carboidrati. Questo fenomeno viene definito “craving da carboidrati” (dall’inglese to crave “desiderare”).
Tuttavia l’indice glicemico degli alimenti può essere influenzato dall’interazione con proteine, grassi e fibre, che ne rallentano l’assorbimento a livello intestinale oltre che dal metodo di cottura.

 

Scrivetemi qui alla mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. o ponete le vostre domande nei commenti sulla pagina FB di qbquantobasta o su IG. 


Copyright © 2009-2020 QUBI' Editore
Riproduzione riservata

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.