fbpx
cibo, vino e quantobasta per essere felici

Grado cooking in Laguna

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1

Grado Cooking in Laguna, alta cucina con le food-star.  A beneficio di chi frequenta Grado anche in bassa stagione, continua il progetto “Grado Cooking in Laguna” elaborato dalla società White Sheep, sostenuto dalla Regione, da Turismo FVG e dal Consorzio Grado Turismo, con la partecipazione dell’Istituto Alberghiero di Grado. La partenza col botto ha visto all’opera il re della pasticceria Maurizio Santin, The Black Chef, grande estimatore di Grado dove torna sempre con entusiasmo. Prima della canonica coking class a Grado, Santin ha voluto visitare in volata il laboratorio triestino di produzione del cioccolato innovativo Chox, accolto dal produttore e ideatore di Chox, Fabio de Visintini e dal titolare del laboratorio Sebastiano Scaggiante di Eppinger. Il weekend successivo è trascorso sotto il segno di pizza e dintorni, con la docenza di Rita Monastero del Gambero Rosso Channel,  esperta di pane e pizze. La lezione di Monastero è stata accompagnata dai giovanissimi neo imprenditori Teo Beltrame e Alejandro Metzger, ideatori dell’originalissimo new business triestino “Hops Beer”, in via Madonna del Mare, dove si possono reperire birre delle tipologie più balzane (peperoncino, canapa, arancia, finanche cioccolato!) che hanno tenuto banco su birre artigianali e relativi abbinamenti. Il weekend del 27-28 settembre ha visto all’opera un altro seguito personaggio televisivo: Alberto Marcomini guru del formaggio, uomo di punta di Rai UnoMattina, autore fra l’altro dei libri “Asiago in malga” e “Non toccatemi il formaggio”, nonché curatore della Guida del Formaggi per il Gambero Rosso. La linea di prodotti che Marcomini ha scelto per la sua lezione a Grado è quella di Dario Zidaric, il “Cavernicolo” produttore del carsolino Jamar, formaggio di vera grotta carsica (80 metri di profondità) che, visitata in epoca recente, ha sorpreso il guru tanto da fargli ammettere  "Una delle esperienze più impressionanati della mia vita" . La lezione del sabato si è tenuta a La Tavernetta All’Androna a Grado, che la famiglia Tarlao ha gentilmente messo a disposizione. Nel weekend 4-5 ottobre è atteso Gabriele Ferron, titolare delle omonime riserie di Passolongo di Isola della Scala, in provincia di Verona, nate attorno a una pila da riso nel 1650, considerata la più antica pila in Italia (7,5 metri di diametro, azionata dall'acqua della Fossa Zenobia) ancora attiva. La Pila Vecia, attraverso un procedimento che impone lentezza e perizia, lavora una limitatissima quantità di riso che alla fine si presenta leggermente grezzo e conserva intatte le qualità nutritive e sensoriali, ed è destinato esclusivamente all’alta ristorazione. Gabriele Ferron, pure titolare del Ristorante Pila Vecia, rinomato per le degustazioni a base di riso e quale sede di degustazioni didattiche, porterà a Grado tutta la linea della sua premiata riseria. Il ritrovo con i corsisti è previsto sabato pomeriggio e domenica mattina, presso l’Hotel Astoria.  L’accompagnamento enologico di Grado Cooking ha visto la presenza dei migliori vini friulani: da Le Vigne di Zamò, a Venica & Venica. Da Livio Felluga a Villa Russiz, passando per Fabrizio Gallo con Masut da Rive, Piera Martellozzo con i suoi spumanti, i grandi rossi di La Viarte e quelli del Carso di Zidarich. L’Istituto alberghiero di Grado, dove si svolgono la maggior parte delle lezioni si è rivelato prezioso quanto gli albergatori di Grado, Astoria in primis, così come la Sala d’Aste della Pescheria gradese: tutti hanno contribuito fattivamente alla buona riuscita di questo progetto che aggiunge alla conoscenza delle migliori produzioni territoriali agroalimentari anche l’arte del ricevere e il piacere della buona tavola, per un marketing territoriale di qualità.
Orari dei corsi: sabato dalle ore 14 alle ore 18,30. Domenica dalle ore 10 alle ore 12
Informazioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Copyright © 2009-2022 QUBI' Editore
Riproduzione riservata