fbpx
cibo, vino e quantobasta per essere felici

Chiedilo a qb

Conoscete il principe rosso?

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1

radicchio di chioggiaradicchio di chioggia

Il principe rosso è il nome con cui viene identificato il radicchio di Chioggia, che gode del riconoscimento IGP dal 2008. Ne esistono due diverse tipologie: “precoce”, con raccolta dal 1° aprile al 15 luglio, e “tardivo”, con raccolta dal 1° settembre al 31 marzo.

La zona di produzione del Radicchio di Chioggia IGP tipologia Precoce comprende l’intero territorio dei comuni di Chioggia (VE) e di Rosolina (RO). 
La zona della tipologia Tardiva comprende i comuni di Chioggia, Cona e Cavarzere in provincia di Venezia, di Codevigo e Correzzola, in provincia
di Padova, e di Rosolina, Ariano Polesine, Taglio di Po, Porto Viro e Loreo in provincia di Rovigo. Tutte le località si trovano nella regione Veneto.

radicchio di Chioggiaradicchio di ChioggiaCespo tondeggiante, consistenza piuttosto croccante, il Radicchio di Chioggia IGP si consuma soprattutto crudo, da solo o in insalate miste; molto adatto anche a essere grigliato con altre verdure. Grazie al caratteristico sapore gradevolmente amarognolo, si presta alla preparazione di risotti lasagne pasticciate, involtini con pancetta. 

Qui sotto la ricetta di Sonia Peronaci per farlo in polpette.
Ingredienti per circa 30 polpette. * 500 g di radicchio di Chioggia * 370 g di ricotta vaccina * 2 uova * 200 g di mollica del pane * 100 g di formaggio grattugiato * 50 g di olio evo * pangrattato q. b. * sale e pepe q. b.
Come procedere. Lava e asciuga il radicchio, elimina la parte più dura, taglialo a metà e poi a striscioline fini (i francesi direbbero a chiffonade).
Fai scaldare l’olio evo in una padella dal fondo largo, aggiungi il radicchio e cuocilo fino a che perde tutta l’acqua; aggiusta di sale e pepe, quindi
lascialo raffreddare. Una volta freddo mettilo in una ciotola e unisci il resto degli ingredienti. Amalgama il tutto e forma delle polpettine di 30 g l’una.
Puoi friggerle in olio di arachidi a 170 °C, cuocerle in umido con del sugo di pomodoro. Vuoi un consiglio? Prova a lessarle  in un buon brodo caldo!


Copyright © 2009-2021 QUBI' Editore
Riproduzione riservata