cibo, vino e quantobasta per essere felici

Asparagi

Asparago di Zambana e il suo flan

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1

Come pelare gli asparagi courtesy piana rotaliana ph. Pillow LabCome pelare gli asparagi courtesy piana rotaliana ph. Pillow Lab

ASPARAGI. Bianchissimi e dal sapore delicato, sono particolarmente teneri e privi di fibre grazie al terreno in cui crescono, sabbioso e di origine alluvionale. Eccellenza del territorio trentino, gli asparagi di Zambana, sono coltivati nella località da cui prendono il nome e sono oggi commercializzati a marchio La Trentina. Una produzione rinomata, tanto che da alcuni anni fa parte dei prodotti “dell’Arca” nel presidio di Slow Food Italia. La raccolta di questi particolari ortaggi viene ancora effettuata a mano. Ve li proponiamo in versione flan. 

Flan di asparagi di Zambana courtesy foto pianarotalianaFlan di asparagi di Zambana courtesy foto pianarotaliana

 

Ingredienti


1 l di latte
10 uova
150 g di Trentingrana grattugiato
asparagi bianchi di Zambana freschi q.b.
120 g di burro
120 g di farina
sale q.b.


Preparazione

 

  1. Pelare leggermente gli asparagi bianchi di Zambana nella parte bassa del gambo e reciderne una piccola porzione per eliminare il taglio.
  2. Lavarli con cura e metterli in posizione eretta in una pentola di dimensioni adeguate (alta e stretta); aggiungere, quindi, acqua calda salata fino a farli emergere per circa tre quarti della loro lunghezza. Coprire con uno straccio o un coperchio e lasciar cuocere per circa 20-30 minuti. Appena diventano morbidi, toglierli dal fuoco e scolarli.
  3. Nel frattempo, preparare il roux, mescolando farina e burro. Aggiungere, quindi, i tuorli e il latte, fino a farlo diventare una soluzione omogenea.
  4. Porre il composto in una terrina o uno stampo, cospargere la superficie con 150 g di Trentingrana grattugiato e infornare a bagnomaria. Cuocere per 25 minuti a 160 °C.
  5. A cottura ultimata, guarnire con gli asparagi tagliati a pezzetti. 

Copyright © 2009-2021 QUBI' Editore
Riproduzione riservata

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.