cibo, vino e quantobasta per essere felici

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, ti informiamo che questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Turismo esperienziale per scoprire il territorio

Artès turismo esperienzialeArtès turismo esperienziale

Prodotti tipici e territorio sono la strategia vincente per nuove forme di turismo slow, come quello esperienziale. Un turismo che può attrarre persone di altri paesi, ma anche fare scoprire luoghi e prodotti unici proprio dietro casa. Ne è testimonianza l’esperienza vissuta qualche giorno fa da dipendenti e collaboratori di Ali Energia, impresa di consulenza con sede a Varmo (UD), con la Storia Artès “ Il Figo Moro da Caneva conquista il Giappone” di Giuliana Masutti, perito agrario ed esperta di produzioni agroalimentari.
I partecipanti hanno giocato a studiare sul campo il Figo Moro e a trovarne i migliori abbinamenti a tavola con i formaggi del Caseificio Dalle Celant e vini della Cantina Rive Col De Fer, da segnalare allo chef giapponese Taisuke Hamasaki, amico di Giuliana. Un’esperienza divertente e originale che ha coinvolto produttori locali e che si è conclusa con la consegna agli assaggiatori di un attestato di ringraziamento del Consorzio del Figo Moro da parte del vicesindaco di Caneva Dino Salatin.

Le storie di ARTES


La storia sul Figo Moro è una delle tre proposte del pordenonese di turismo esperienziale, secondo il modello Artès, progettate da operatori locali e vendute da Artès s.r.l. società benefit, tour operator di Milano. Le altre due Storie Artès “Il buonissimo Frico Friulano di nonna Marisa” di Alessandra Disnan e “Quadreria di Spilimbergo, un prosciutto per la tua opera” di Tamara Gaiatto hanno invece come palcoscenico rispettivamente Pordenone-Porcia e Spilimbergo. Le tre esperienze saranno prossimamente proposte, in collaborazione con il Consorzio Turismo Pordenone.
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.:
-

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.