cibo, vino e quantobasta per essere felici

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, ti informiamo che questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Sapori Pro Loco 2016, al via i tre giorni finali


Sapori Pro Loco: novità del secondo weekend: i sapori di montagna della Pro Loco Moggese. Convegni-degustazione con Ersa e tanta musica: si parte con i Carnicats.  Tutto pronto per il secondo weekend di Sapori Pro Loco 2016, la grande manifestazione enogastronomica di Villa Manin che dal 20 al 22 maggio vedrà 43 Pro Loco pronte a proporre 111 piatti tipici a prezzi popolari insieme a vini del territorio nell’Enoteca regionale e birre artigianali nella Birroteca. Tra le novità degli ultimi tre giorni di festa l’arrivo della Pro Loco Moggese, all’esordio assoluto, che proporrà il Brovadâr,  di cui abbiamo molto scritto nelle pagine del mensile qbquantobasta,  che non è borvada ma qualcosa di davvero unico e quasi scomparso, più il Pan di sartuç (biscottone con l’uvetta).  La Pro loco Moggese prende il posto, in un’ottica di collaborazione tra Pro Loco, di quella della Val Resia che nel primo fine settimana ha ricevuto molti apprezzamenti per i suoi piatti tradizionali.

Si riparte dunque  venerdì 20 maggio con l’apertura degli stand enogastronomici alle 18.00. Alle 19 nello Spazio incontri allestito dall’Italian Chair District di Manzano, nuovo appuntamento del progetto dell’Ersa “La valorizzazione dei prodotti tipici del Friuli Venezia Giulia”: l’incontro-degustazione “L’olio extravergine di Oliva del Friuli Venezia Giulia: la storia e il suo valore” permetterà di spiegare ai visitatori come assaggiare e apprezzare questo “oro verde”. L’incontro sarà preceduto alle 18 dal convegno su App e turismo con l’Art&Grafica di Santa Maria La Longa. Alle 19.00 il Groupe Folklorique La Ronde di Bettembourg (cittadina lussemburghese gemellata con Flaibano) presenterà le sue musiche e balli tradizionali.
Alle 20.30 i rapper carnici Carnicats saranno sul palco allestito nel Giardino d’onore di Villa Manin, dove porteranno tutta la loro energia nella terza edizione di “Tiere di Savôrs, Tiere di Musiche”.


Sabato 21 maggio. Stand enogastronomici aperti dalle 10.30. Allo Spazio incontri alle 10 Ersa e Consorzio per la Tutela del formaggio Montasio presenteranno “La produzione del formaggio Montasio e della ricotta friulana”, incontro al quale seguirà la degustazione guidata, mentre un casaro preparerà la ricotta in diretta. Alle 18.30 sempre l’Ersa in collaborazione con l’Ais, Associazione italiana sommelier del Friuli Venezia Giulia, presenterà un “Breve corso di approccio al vino”, (fino a esaurimento posti). Nel pomeriggio dalle 16 lo Spazio incontri ospiterà Cibo e paesaggio, con l’Istituto Regionale per il Patrimonio Culturale del Friuli Venezia Giulia: si parlerà di produzione e commercio d’olio nell’antichità, dell’ecomuseo della Val Resia e di quello Lis Aganis, della Pitina e del vino Piculìt con un particolare ricordo del terremoto del 1976 (seguirà degustazione).
Per la musica alle 18.00 la mini band dei Flames, tutta composta da bambini delle colline di Buja, proporrà le sue canzoni cover pop rock. Alle 20.30 concerto corale del coro Copetti di Tolmezzo, in collaborazione con l’Usci Fvg, unione dei cori regionali. Concerto corale alle 22.30 con il coro Chei di Guart di Ovaro. In mezzo a queste proposte alle 21.30 spettacolo Le Maschere di Ravinis in “Lunari dai Guriùz”, con le maschere del Carnevale artistico di Paularo.
Domenica 22 maggio. Il giorno del gran finale gli stand enogastronomici saranno aperti dalle 10.30.  Alla stessa ora partirà Carrozze in Villa, che offre ai visitatori l’opportunità di percorrere fino alle 18.30 (con pausa dalle 12.30 alle 14.30) i viali del parco secolare di Villa Manin con le carrozze degli aderenti all’Afac (Associazione Friulana Appassionati Carrozze). Dall’alba al tramonto En Plein Air in Villa, esposizione d’arte con il Circolo Culturale Artistico Quadrivium in piazza dei Dogi.
Allo Spazio incontri ancora tre appuntamenti da non perdere con l’Ersa. Dalle 11.30 di nuovo degustazione dei grandi vini del Friuli Venezia Giulia con Ersa e Associazione italiana sommelier del Friuli Venezia Giulia (fino ad esaurimento posti). Dalle 16 Ersa con il Parco Agroalimentare di San Daniele del Friuli presenterà “La Coppa suina”, incontro per conoscere e degustare questo tipico insaccato friulano. Infine alle 17.30 Ersa di nuovo insieme al Crita presenterà “Formaggi di Malga, formaggi caprini, latteria e altri prodotti della tradizione casearie del Friuli Venezia Giulia”. Un momento di approfondimento sui formaggi locali, dalla produzione fino alla degustazione.
Alle 15 sul prato tra le esedre della Villa animazioni per bambini con il gruppo Maravee. Per la musica alle 18.30 Concerto aperitivo in collaborazione con l’Anbima Fvg, l’associazione regionale delle bande. Alle 22.30 Note di Sapori, suggestivo concerto della civica orchestra di fiati Giuseppe Verdi di Trieste.

Mostre. In occasione di Sapori Pro Loco la mostra “Memorie - Arte, immagini e parole del terremoto in Friuli” rimarrà aperta fino alle 21 e avrà biglietto d’ingresso a costo ridotto (€ 3,00). Inoltre sarà accessibile il parco insieme a mostre di foto e arte. In più aperti anche i musei civici di Codroipo: quello delle Carrozze d’epoca e quello archeologico.

L’incendio della Villa è il nome dello spettacolo pirotecnico che alle 22.30  chiuderà la manifestazione (a cura dello stabilimento Pirotecnico FriulVeneto).



Primo bilancio. Il primo week end nonostante il maltempo ha permesso di rodare la “macchina” di Sapori Pro Loco. “L’avvio - ha dichiarato Valter Pezzarini presidente del Comitato Regionale del Friuli Venezia Giulia dell’Unione Nazionale delle Pro Loco d’Italia a capo del gruppo organizzatore - ci ha comunque permesso di testare le novità introdotte in questa 15ma edizione, le quali devo dire sono state molto apprezzate dal pubblico: dalla birroteca con le birre artigianali selezionate al nuovo arredamento dello Spazio Incontri, allestito dall’Italian Chair District di Manzano. Ma anche i “classici” di Sapori Pro Loco, a partire dai piatti tipici più richiesti in ogni edizione, hanno funzionato. Causa pioggia non abbiamo avuto picchi di affluenza, ma le presenze sono state comunque continue lungo la giornata di domenica e molte persone hanno anche approfittato dell’apertura prolungata e dello sconto per visitare la mostra Memorie a Villa Manin, che ha registrato una delle sue giornate migliori domenica 15 maggio. In complesso, quindi, Sapori Pro Loco ha saputo comunque attrarre il suo pubblico: speriamo che una migliore condizione meteorologica ci consenta di chiudere in crescendo questo secondo fine settimana”.

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

Informazioni