cibo, vino e quantobasta per essere felici

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Prugna sanacore

Buon Boccone, Damaschina, Coscia di Monaca, Favorita del sultano, Fiocco del cardinale,

sono solo alcuni dei nomi di specie di prugne e susine a cui si aggiungeranno

 fra pochissimo gli ibridi ciliegugna (prugna-ciliegia) e prugnocca (un sexy incrocio fra prugna e albicocca...).

Dalla Sicilia viene la piccola e dolcissima susina bianca Sanacore (oggi presidio Slow Food) che porta gioia al palato ma anche al sentimento. 

Nella specie tardiva Ariddu di core (per la forma del seme-nocciolo a due punte) le prugne venivano incartate nella carta velina,

legate con lo spago e appesa in forma di salamini (circa dieci per filo) in luogo fresco per disidratarsi,  

conservando aromi e profumi fino a Natale.

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

Informazioni