cibo, vino e quantobasta per essere felici

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, ti informiamo che questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Una serata smart a (quasi) tutta trota

 

Nello stabilimento Friultrota di San Daniele del Friuli, località Aonedis, c'è anche una accogliente e attrezzata sala con cucina. Ci sono stata qualche sera fa per un corso/lezione/degustazione/cena  diretto dallo chef del ristorante “Vitello d’Oro” di Udine, Massimiliano Sabinot. Ci sono andata per

q.b. quantobasta FVG che sempre vuole che sia verificato di persona quanto poi sarà pubblicato. Innanzitutto lasciatemi ringraziare per l’ospitalità e la cortesia i padroni di casa, i signori Pighin, che hanno organizzato una serata indimenticabile sotto vari punti di vista. Arrivata un po’ in anticipo, non conoscendo bene la strada, sono stata accolta da sorrisi e cortesia, e ho potuto sbirciare nel loro punto vendita tutte le leccornie che poi ho assaporato nei piatti che ci sono stati spiegati e proposti. Conoscevo già qualche prodotto Friultrota, ma dopo la serata di degustazione il mio orizzonte si è notevolmente ampliato. Al piano superiore la sorpresa: ogni tavolo era apparecchiato come al ristorante, con candele, fermatovaglioli in legno colorato, piatti e posate e bicchieri, non me l’aspettavo una lezione di cucina così smart!  L’arredamento era caldo e informale e si respirava subito un’atmosfera amichevole.  Una quarantina circa di persone,  ansiose di poter imparare i “trucchi del mestiere” di un grande chef come Massimiliano Sabinot. E non siamo stati delusi!


La competenza, la chiarezza, la disponibilità e l’uso di materie prime di facile reperibilità e dalla preparazione semplice sono un metodo intelligente e indovinato per far conoscere i prodotti Friultrota, abbinandoli a gusti e consistenze inusuali e anche nuovi come le fave di tonka. Ho pensato così che il modo migliore per farvi capire le mie sensazioni fosse quello di trascrivere le ricette imparate e alla fine di ognuna mettere una mia considerazione personale.
Non mi eleggo a critica, per carità, ma mi piace mangiare, chi mi conosce lo sa bene.  Mia nonna era cuoca di trattoria; mia suocera era molto apprezzata per i prelibati piatti tipicamente friulani che proponeva in una delle più storiche “osterie con cucina” di Udine, quindi almeno per osmosi un po’ di cultura gastronomica me la sono fatta. Una gran fortuna. Le ricette le troverete giustappunto alla sezione Ricette. Non subito però, una a una, man mano che le provo a rifare anch'io.

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

Gli articoli più letti degli ultimi sette giorni:
(questa finestra si chiuderà automaticamente entro 10 secondi)