cibo, vino e quantobasta per essere felici

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, ti informiamo che questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Nuova pizza a Eataly Trieste

Il 9 maggio dalle 20.00 a L’Osteria del Vento di Eataly Trieste sarà presentata la nuova pizza Eataly. Ad accompagnare gli ospiti nel percorso di degustazione sarà il pizzaiolo corporate di Eataly Francesco Pompilio. Oltre alla pizza margherita e alle pizze classiche, nel menù di ogni Eataly in Italia è presente una pizza dedicata alle eccellenze del territorio locale: la Pizza Trieste sposa il gusto del prosciutto San Daniele Dok dall’Ava con quello del Montasio fresco Ca Form.

Sarà una serata speciale dedicata alle Pizze del Territorio, nate dalla collaborazione di Eataly e Slow Food per celebrare le eccellenze e i presìdi locali italiani. Saranno dieci le pizze in degustazione dalle 20. Né romana, né napoletana ma “Eataly”. Una pizza basata su solidi pilastri che la rendono unica: filiera, lavorazione, leggerezza. La filiera, elemento distintivo dell’approccio di Eataly con la rete di produttori, è espressione della profonda conoscenza dei territori e dei processi produttivi di tutti gli ingredienti, da quelli di base a quelli destinati alla guarnizione. La lavorazione è il naturale punto di arrivo di conoscenze maturate nel corso degli anni ed è l’incontro di tradizioni, lunga pratica e competenza dei pizzaioli Eataly. A garantire la leggerezza concorrono diversi fattori: l’accurata selezione delle farine, l’utilizzo della biga con una minima quantità di lievito, una lavorazione complessiva di almeno 50 ore, la cottura delicata e la semplicità delle guarnizioni. Pompilio si è dedicato allo studio dell’impasto e delle guarnizioni con il supporto dell’executive chef Enrico Panero, del produttore delle farine Fulvio Marino e dell’esperto pizza di Slow Food Italia Antonio Puzzi.

 

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

Informazioni