cibo, vino e quantobasta per essere felici

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, ti informiamo che questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

L'università di Udine nel progetto "Reduce"

Il team dell'Università di Udine del progetto "Reduce", al centro i professori Francesco Marangon e Stefania TroianoIl team dell'Università di Udine del progetto "Reduce", al centro i professori Francesco Marangon e Stefania Troiano

All’Università di Udine il compito individuare le principali cause dello spreco alimentare nella refezione scolastica, nell'ambito del progetto nazionale "Reduce" per contribuire a prevenire e ridurre gli sprechi alimentari a livello nazionale grazie ai risultati della ricerca scientifica e ad attività di educazione e di sensibilizzazione sociale. Nel progetto “Reduce”,  finanziato dal Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare, oltre all'atenero udinese sono coinvolte le Università di Bologna (capofila), della Tuscia di Viterbo, del Politecnico di Milano e dell’Unità locale socio sanitaria (Ulss) 20 di Verona. Udine è impegnata con il gruppo di ricerca del Dipartimento di scienze economiche e statistiche, coordinato dai prof Francesco Marangon e Stefania Troiano, con il compito di individuare le principali cause dello spreco alimentare nella refezione scolastica e determinare un modello di calcolo. Il team dell’Università di Udine dovrà analizzare la tipologia degli sprechi prodotti nelle scuole; verificare i momenti in cui si vengono a formare le maggiori quantità; fornire un quadro delle situazioni che producono spreco nelle mense scolastiche; individuare i rimedi e ideare modelli di refezione scolastica a più bassa produzione di sprechi. Dovrà inoltre predisporre misure di sensibilizzazione ed educazione volte alla prevenzione e alla riduzione degli sprechi.

Per studiare i fattori che determinano lo spreco di cibo e il comportamento dei consumatori nel Nordest, a fine 2013 il gruppo di Marangon e Troiano ha condotto un’indagine presso un panel di 500 famiglie di Friuli Venezia Giulia e Veneto. Dalle risposte ai questionari è emerso, in particolare, che lo spreco all’interno delle mura domestiche dipende da precise abitudini d’acquisto, quali la spesa effettuata una volta alla settimana. Ma anche da alcune caratteristiche strutturali, perché si è evidenziato che lo spreco connota le famiglie più giovani e decresce all’aumentare dell’età dei rispondenti.

«Lo spreco di alimenti – spiegano Marangon e Troiano – non è solo un problema di cattiva volontà, ma dipende in buona parte dagli stili di vita imposti dalla moderna organizzazione della vita e del lavoro. Lo spreco non è insomma casuale, ma fa parte del sistema. Fondamentale, quindi, per evitare di avere in futuro una società portata allo spreco di cibo, informare e sensibilizzare le famiglie riportandole sulla via della sostenibilità».
 

Il progetto Reduce intende determinare origine ed entità degli sprechi alimentari, specie nella distribuzione, ristorazione e consumo domestico; integrare le misure di prevenzione degli sprechi alimentari nei piani regionali di prevenzione dei rifiuti; facilitare la donazione degli alimenti invenduti e delle eccedenze alimentari; favorire l’integrazione dei criteri di prevenzione degli sprechi alimentari nei bandi di gara pubblici per la ristorazione collettiva; contribuire all’adozione di buone pratiche di prevenzione nella distribuzione commerciale e nei servizi di ristorazione e catering; sensibilizzare bambini e consumatori sul tema dello spreco alimentare.

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

Gli articoli più letti degli ultimi sette giorni:
(questa finestra si chiuderà automaticamente entro 10 secondi)