cibo, vino e quantobasta per essere felici

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, ti informiamo che questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Stagionare o affinare, la nuova frontiera dei formaggi

Renato Brancaleoni foto PaccagnellaRenato Brancaleoni foto Paccagnella

Nell'ambito di “Aspettando la Festa del formaggio”, gli eventi promossi a Gemona del Friuli dall’Ecomuseo delle Acque, in collaborazione con il Comune, la Pro Glemona e la Condotta Slow Food “Gianni Cosetti” venerdì 28 ottobre 2016 alle 17.30 nel Laboratorio sul terremoto in piazza Municipio 5, interverrà uno dei maggiori affinatori italiani di formaggi, Renato Brancaleoni, docente presso Alma, la Scuola internazionale di cucina italiana diretta da Gualtiero Marchesi. Titolo della conferenza: “Stagionare o affinare, la nuova frontiera dei formaggi”.

Il mestiere dell’affinatore per Brancaleoni altro non è che la prosecuzione di una tradizione di famiglia che in Romagna ha radici antichissime: a Roncofreddo nella valle del Rubicone, nel trecentesco Palazzo Dominici, gestisce la Fossa dell’Abbondanza, un locale di stagionatura conosciutissimo dagli addetti ai lavori, chiamato così perché luogo di stoccaggio e conservazione di derrate alimentari fin dai tempi dei Malatesta. La grande esperienza e l’enorme passione di Brancaleoni si è riversata nel volume “Caseus. Il grande libro dei formaggi italiani” (Alma Plan, 2015).

Il formaggio rappresenta uno dei prodotti più adatti a svolgere il ruolo di ambasciatore della cultura gastronomica di un territorio. Le sue caratteristiche dipendono infatti dall’incrociarsi di molteplici fattori, spesso inscindibilmente legati a particolari zone e, quindi, non riproducibili altrove. Ecco perché l’Italia, Paese che come pochi altri presenta varietà di paesaggi e culture, è la culla di un inimitabile scrigno di sapori, forme, aromi e profumi anche in questo ambito. Renato Brancaleoni conosce e sa descrivere il formaggio in tutte le sue dimensioni: storia, legislazione, classificazioni, tecniche e strumenti per la conservazione e il taglio, criteri per la scelta e gli abbinamenti. L’Italia, Paese che come pochi altri presenta varietà di paesaggi e culture, è la culla di un inimitabile scrigno di sapori, forme, aromi e profumi anche in questo ambito.

Vi ricordiamo che sta per scadere il termine per partecipare al concorso Raccontate il vostro formaggio del cuore in collaborazione con qbquantobasta,

le cui premiazioni si svolgeranno a Gemona domenica 13 novembre 2016  Raccontate il vostro formaggio del cuore Concorso 2016

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.