cibo, vino e quantobasta per essere felici

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, ti informiamo che questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Conoscete questo formaggio fresco e grumoso?

Appassionati di formaggi e cheese addicted, riconoscete questo formaggio? E' fresco, la consistenza della cagliata è grumosa, secondo alcuni somiglia a un cavolfiore.  Nella Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea L 203 del 01/08/2019 è stato registrato come STG. E' il Rögös Túró ungherese. Con il termine Rögös (grumoso) si indica proprio la caratteristica del prodotto. Con la parola Il termine Túró, difficilmente traducibile, si indica un formaggio fresco specifico, dal gusto gradevolmente acidulo e aromatico.

Aspetto e Sapore: All’esterno il Rögös Túró STG si presenta con un colore avorio uniforme o color crema per la tipologia a latte intero. La consistenza è caratterizzata dalla presenza di ammassi di grumi morbidi di aspetto simile al cavolfiore costituiti da grumi (di 4-20 mm) in cui possono apparire piccole quantità di siero di latte. Se i prodotti sono confezionati meccanicamente, si presentano sotto forma di un blocco omogeneo che può essere frazionato in grumi morbidi. Al palato la consistenza è notevolmente grumosa, senza però risultare difficile da deglutire. L’aroma e il sapore sono gradevolmente aciduli, freschi e sapidi. Grazie per la segnalazione all'amico giornalista Attilio Barbieri.  

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.