cibo, vino e quantobasta per essere felici

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, ti informiamo che questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Festa della cicerchia a Serra de' Conti

Cesto di cicerchieCesto di cicerchie

 

La cicerchia, antico legume servito nella caratteristica “pagnotta” di pane appositamente scavata, è fra i piatti protagonisti della festa di Serra de’ Conti (AN), suggestivo borgo di stampo medioevale racchiuso da una possente cinta muraria e adagiato tra i dolci colli trapunti di vigneti.

 

Siamo fra l'altro nel territorio di un’autentica eccellenza vitivinicola il Verdicchio dei Castelli di Jesi. La cicerchia è un legume antico per tanto tempo caduto nell’oblìo, che oggi ritorna  alla ribalta in virtù delle sue proprietà nutritive e delle proteine nobili che racchiude.

Zuppa di cicerchiaZuppa di cicerchia
Per l’occasione, le cantine, le grotte, le locande e le osterie del caratteristico centro storico di Serra de' Conti si trasformano in altrettanti locali presso i quali degustare oltre cento ricette della tradizione gastronomica marchigiana. Al centro dell’attenzione piatti a base di cicerchia, tra i quali polenta preparata con farina derivata dal prezioso legume, tagliatelle al ragù di cicerchia e, soprattutto, cicerchia cucinata con la ricetta tradizionale e servita dentro a una pagnotta di pane scavata al suo interno per contenere l’appetitosa zuppa.

Potrebbe interessarti anche la ricetta Zuppa di cicerchia


Ci saranno anche i presidi Slow food del Friuli Venezia Giulia, in qualità di comunità ospite, e gli “agricoltori custodi della biodiversità” con le loro tipicità: cipolla di Suasa, favetta di Fratterosa, pomodoro da Serbo e anche “l’officina dei mestieri”, che mostrerà i manufatti dell’artigianato di tradizione.
Tutte le informazioni QUI 

La Festa rappresenta la penultima tappa del Grand Tour delle Marche 2019, promosso da Tipi-cità ed ANCI Marche con la partnership di Banca Mediolanum e Mediolanum Private Banking.

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

Gli articoli più letti degli ultimi sette giorni:
(questa finestra si chiuderà automaticamente entro 10 secondi)