cibo, vino e quantobasta per essere felici

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, ti informiamo che questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Festa degli asparagi di Tavagnacco

Tenero come il burro, buono come un dolcetto, profumato come una rosa. Che cos’è? Indovinato! È l’asparago di Tavagnacco, come lo proponeva il gruppo 3P nel 1963, nella bella immagine d’epoca che ci è stata gentilmente
concessa dalla Pro Loco. L’edizione 2018 della Festa degli Asparagi Festa degli Asparagi sarà inaugurata il 27 aprile alle 18 e proseguirà nei giorni 28, 29, 30 aprile e 1, 5, 6, 12, 13 maggio. È una tra le più antiche manifestazioni di promozione del prodotto agricolo e della gastronomia che si organizzano in Friuli e di gran lunga la più longeva e ricca di storia tra le sagre dedicate all’asparago della nostra regione.

La prima edizione della Festa degli Asparagi di Tavagnacco risale al 19 maggio 1935 “con gran successo di pubblico nonostante la pioggia battente”. La coltivazione dell’asparago bianco era stata introdotta a Tavagnacco quasi per caso nell’Ottocento, allorché si pensò di risolvere il problema dell’eccessiva umidità di alcuni fondi coltivati a vigneto sistemando, tra un filare e l’altro, alcune asparagiaie. La pianta trovò subito il suo habitat ideale che esaltava le qualità organolettiche del prodotto e in pochi anni, la coltivazione dell’asparago prese il sopravvento su quella della vite. L’idea di organizzare una manifestazione che promuovesse le qualità di un ortaggio allora ancora poco conosciuto in Friuli fu del botanico Zoilo Zanussi, intraprendente animatore in paese di numerose iniziative culturali e ricreative. Nel 1949 addirittura il Maestro Luigi Garzoni compose una “Vilote dai Sparcs” che, nelle sue rime, esalta le delizie degli asparagi di Tavagnacco e l’atmosfera semplice e allegra che si respira nella Festa a essi dedicata. Dal 1966 la Festa è organizzata dalla Pro Loco di Tavagnacco che in questi ultimi anni ha voluto puntare sulla qualità dei piatti a base d’asparagi serviti al numeroso pubblico che ogni anno affolla gli stand. Da non dimenticare anche i seguitissimi laboratori del gusto in collaborazione con ONAV, ONAF e OLEA. 

Tutte le info in dettaglio QUI 

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.