cibo, vino e quantobasta per essere felici

Editoriale del numero di aprile 2019

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1

Grande successo e molti apprezzamenti da parte dei lettori per l’inserto speciale del numero di marzo “Stella Boschi Laguna”. Il che ci spinge ad approfondire ulteriormente nelle nostre pagine le tematiche relative alle bellezze naturalistiche artistiche e architettoniche della nostra regione e non solo, all’insegna di quelli che sono i nostri claim fin dagli inizi: “turisti per un giorno” e “turisti tutti i giorni”. Ecco perché nell’editoriale ho voluto mettere l’immagine di una pianta dai fiori rosa: l’Armeria helodes, noto come Spillone delle Risorgive o Spillone palustre. Il suo periodo di fioritura è compreso tra i mesi di maggio e giugno, quindi avete tutto il tempo di cercarlo e ammirarlo. Trattasi di una rara specie endemica della zona centrale della bassa pianura friulana a sud della linea delle Risorgive. È il fiore che la Società Botanica Italiana ha scelto come simbolo floristico per rappresentare la nostra regione (accanto alla Primula di Palinuro, al Pino loricato della Basilicata, alla Sassifraga argentata del Piemonte, per citarne solo alcune) al fine di promuovere e tutelare la biodiversità vegetale.

ph: Giovanni Comissoph: Giovanni Comisso

Naturalmente il numero di aprile è ricco di ricette di stagione dalla pinza triestina, fotografata magistralmente da Marina Raccarph Marina Raccarph Marina Raccar

all’uovo di Pasqua da provare a fare da soli in casa, alla Pasimata dolce tipico pasquale della Garfagnana.

E vi raccontiamo tutto o quasi della Osterjause, la caratteristica merenda pasquale carinziana.  Continuiamo a invitarvi a leggere sempre le etichette dei prodotti al momento dell’acquisto: con la sua consueta acribia e con dati alla mano Enos Costantini ci racconta degli asparagi del Perù: attualissimo invito “sovranista” a scegliere gli asparagi locali.

A proposito di asparagi segnatevi le date di Asparagus®, il progetto di promozione del territorio, dei suoi vini e dei suoi cibi che il Ducato dei Vini Friulani continua a sostenere nello spirito dei fondatori del Sodalizio.
Scrivetemi le vostre osservazioni e i vostri suggerimenti, oltre alle critiche (speriamo poche) a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

E buona lettura!

Dello stesso autore:

Copyright © 2009-2020 QUBI' Editore
Riproduzione riservata

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.