cibo, vino e quantobasta per essere felici

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, ti informiamo che questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

#Eatmantua Il giardino dei Sapori a Palazzo Te

Da sabato 26 agosto a domenica 10 settembre 2017 si svolgerà a Palazzo Te Il Giardino dei Sapori, seconda tappa del progetto #EATMANTUA. L’atmosfera conviviale che attirò alla corte rinascimentale dei Gonzaga pensatori, artisti e reali da tutta Europa sarà rievocata da inedite degustazioni di garden food che portano la firma di giovani chef internazionali, da cocktail show spettacolari, musica, poesia e performance. Nel giardino dell’Esedra prenderà vita un convivio contemporaneo in cui il cibo e i gesti della sua preparazione saranno al centro di un rituale sociale più ampio, dove si celebra una festosa sinestesia dei sensi, poiché, come sosteneva lo scrittore Walter Scott, «mangiare senza allegria e musica, procura una cattiva digestione». L’iniziativa, promossa dal Comune di Mantova, dal Centro Internazionale d’Arte e di Cultura di Palazzo Te e dal Museo Civico di Palazzo Te, è parte integrante del cartellone di eventi dedicati a Ea(s)t Lombardy, European Region of Gastronomy. Il prestigioso riconoscimento internazionale è all’origine di un fitto programma di valorizzazione del ricco patrimonio fatto di materie prime eccellenti e ristorazione di qualità della Lombardia Orientale costituita dalle terre comprese fra Bergamo, Brescia, Cremona e Mantova.

Dopo la prima tappa, che nel mese di giugno ha visto la riedizione di Cucina Mantovana di Principi e di Popolo e una grande partecipazione di pubblico al Festival della Pasticceria Tradizionale Mantovana, dal 26 agosto (nell'immagine l'articolo che abbiamo pubblicato nel mensile cartaceo qbquantobasta, per tre weekend consecutivi, sono stati chiamati a interpretare alcuni prodotti tipici mantovani tre chef di Spagna (nella foto sotto Ramòn Dios Barberìa), Francia e Austria, membri dell’associazione Jeunes Restaurateurs, che riunisce i migliori e i più giovani rappresentanti dell'alta gastronomia internazionale. Le loro proposte creative si affiancheranno ad assaggi della gastronomia mantovana, a cura dall’Accademia Gonzaghesca degli Scalchi, a una selezione di prodotti della pasticceria locale e a vini tipici del territorio. Un percorso che si snoda in quattro aree tematiche, e che racconta le eccellenze enogastronomiche del territorio, che da sempre per Mantova sono manifestazione dell’identità della sua terra.  


IL PROGRAMMA
Il primo week end, sabato 26 e domenica 27 agosto, ospiterà Ramón Dios Barbería (nella foto), che è stato prima Presidente dei JRE della Spagna e poi Presidente dei JRE d’Europa. Ristoratore, insegnante e imprenditore esperto della cucina tradizionale spagnola. Insieme a lui, Matteo Malara, bartender tra i primi dieci barman flair di tutto il mondo, proporrà per questo fine settimana e quello successivo una inebriante selezione di cocktail. Le due giornate saranno dedicate non solo ad armoniose composizioni in cucina, ma anche in musica con ospiti di fama internazionale.  Sabato si esibiranno i tedeschi Club Des Belugas, collettivo artistico poliforme unito sotto l’imprescindibile vincolo della sperimentazione Lounge e NuJazz di assoluta qualità, brand di indiscutibile charme per gli appassionati di musica di accompagnamento.
Domenica sarà la volta dei Floating Head Lovers che trasporteranno il pubblico in un viaggio nella sensualità dei gusti, nei riverberi della musica e delle forme visive con la loro performance, un vero e proprio dialogo tra i sensi.
Sabato 2 e domenica 3 settembre, sarà Hubert Wallner, considerato uno dei dodici migliori chef austriaci, a rappresentare i Jeunes Restaurateurs. Il pubblicò avrà modo di assaggiare la sua cucina alpina e adriatica abbinata alla musica Swing, la Bossa Nova, la Latin e i NuJazz grooves dei Tape Five, band internazionale che miscela diversi stili musicali.  L’acqua che scorre, il fischio del bollitore, il rumore delle posate sui piatti e il tintinnio dei bicchieri, suoni familiari ed evocativi si trasformeranno in un corpo sonoro omogeneo nella performance della domenica di Musica da Cucina, progetto di Fabio Bonelli che crea un tappeto sonoro su cui strumenti tradizionali tessono intime melodie.
Giovedì 7, venerdì 8 e sabato 9 settembre Palazzo Te si aprirà a La parola che canta, un evento realizzato in collaborazione con il Festivaletteratura in corso in quei giorni. Poeti, musicisti, studiosi, antropologi, linguisti, artisti terranno conversazioni, performance, lezioni, piccoli concerti, letture, improvvisazioni felicemente disperse tra cortili e stanze affrescate. Ogni singolo intervento offrirà una distinta porta d'ingresso all'universo della parola in musica che occuperà idealmente tutto il Palazzo. Nel giardino dell’Esedra, lo chef Raymond Cornelissens, offrirà al pubblico la sua cucina raffinata ed elegante che cavalca i grandi classici della cucina tradizionale con qualche piacevole sorpresa.Domenica 10 il duo Food Ensemble realizzerà Cooking&Sampling, una performance in cui ogni brano è composto partendo dai suoni e dai rumori prodotti dalla realizzazione in scena di piatti, come in un vero cooking show.
Oltre gli eventi in calendario, le Fruttiere ospiteranno una video installazione ideata da Giancarlo Malacarne, con la regia di Gianmaria Pontiroli, che racconta la storia dell’enogastronomia mantovana con approfondimenti sui suoi grandi protagonisti di ieri e di oggi. L’opera trasporterà il pubblico in un viaggio di ricognizione nei luoghi cardine della storia mantovana, riscoperti grazie a documenti dell’ampio archivio dei Gonzaga, o conservati nelle sale e nelle cucine di prestigiosi ristoranti della città, che ancora oggi accolgono e deliziano gli ospiti provenienti da tutto il mondo.  

Per ulteriori informazioni cliccare QUI
Il Giardino dei Sapori è promosso dal Comune di Mantova, dal Centro Internazionale d’Arte e di Cultura di Palazzo Te e dal Museo Civico di Palazzo Te, nell’ambito di Ea(s)t Lombardy - European Region Of Gastronomy, con il sostegno di Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Mantova, della Fondazione Cariverona e della Fondazione Banca Agricola Mantovana, con il contributo del main sponsor Banca Monte dei Paschi di Siena, dello sponsor Mantova Outlet Village, e degli sponsor tecnici Apam, Berto’s, Coldline, Consorzio Vini Mantovani, Consorzio Virgilio, Fiera Millenaria di Gonzaga, Molino Magri, Unox.



Salva

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.