cibo, vino e quantobasta per essere felici

Acquista la copia digitale!

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, ti informiamo che questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 292

Come si mangiano le ciliege

Poca frutta ha il consenso del Galateo per l’uso delle mani: uva e ciliegie sono tra queste, che vengono presentate già sciacquate o in una ciotola con acqua.

Si prende una ciliegia alla volta per il picciolo, dividendole prima se dovessero essere a grappolo, si porta alla bocca e con garbo si deposita il nocciolo nella mano chiusa a pugno.

Nelle case più raffinate si fornisce il commensale di un cucchiaio per questa operazione. Non si “sputa”! Attenti alla eventuale fuoriuscita del succo dalla bocca! Il nocciolo va deposto nel piatto o coppa che si avrà davanti.

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

Informazioni