cibo, vino e quantobasta per essere felici

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, ti informiamo che questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Asparagus 2011

Asparagus 2011, l’asparago bianco riletto dai migliori chef del Fvg


Sei prestigiosi ristoranti reinventano l’asparago bianco friulano, in abbinamento a una selezione dei migliori vini del Fvg.

È la sedicesima edizione di Asparagus, manifestazione biennale partita dalle brillanti idee di Isi Benini ed Elio Grop nel 1981 e rinnovata nuovamente anche per il 2011: si parte il 15 aprile e si conclude il 27 maggio, con sei gustose serate al Ristorante “Da Toni”, alla Lokanda “Devetak”, a “La Primula”, a “La Taverna”, “Al Grop” e “Là di Moret”.


«Abbiamo voluto portare avanti questa importante manifestazione nonostante l’assenza dei contributi della Regione, che quest’anno ci sono venuti a mancare, portandoci a eliminare le due date internazionali che caratterizzavano l’evento  – ha sottolineato, pur senza polemica, il “Duca” Piero Villotta, accompagnato nella presentazione dall’esperto Walter Filiputti in sede di conferenza stampa nella sede di Friuli Future Forum.  L’iniziativa si svolgerà ugualmente e con la stessa elevatissima qualità, grazie alla partnership della Cciaa per la promozione e con l’impegno del Ducato e dei ristoratori, che hanno deciso di sostenere direttamente i costi del piatto di ceramica personalizzato che ogni partecipante agli appuntamenti culinari riceverà in omaggio».

 E proprio qui s’innesta una delle novità della kermesse 2011: agli studenti dell’Istituto Statale d’Arte “G. Sello” di Udine è stata affidata la realizzazione dei bozzetti, che sono stati trasposti sui piatti-ricordo dell’evento; in cambio, il Ducato si è impegnato a sostenere le spese, nonché a promuovere delle borse di studio per i ragazzi.

Una bella novità, oltre al “link” con Friuli Future Forum, che avvia quest’anno proprio il progetto Ciboduemilaventi, un percorso di conversazioni ed happening sugli scenari del settore agroalimentare e del gusto nel Friuli del futuro, in cui Asparagus s’innesta perfettamente.

Come scrive uno dei Saggi, Senatore del Ducato dei vini, Silvano Bertossi, «l’asparago bianco del Friuli Venezia Giulia è coltivato in più di 150 comuni ed è una pianta esigente. I terreni devono essere alluvionali o morenici, quindi caratterizzati da presenza di ciottoli o ghiaia, con capacità di drenaggio delle acque e profondità dello strato fertile». Il miglior modo per assaggiarli in tutte le sfumature è proprio l’intervento dei maestri della cucina friulana e l’abbinamento con i migliori vini della regione, nello speciale percorso che si snoderà secondo questo calendario: 15 aprile Ristorante “Da Toni” - 29 aprile Lokanda “Devetak” - 6 maggio Ristorante “La Primula” - 13 maggio Ristorante “La Taverna” - 20 maggio Ristorante “Al Grop” - 27 maggio Ristorante “Là di Moret”.
Per prenotazioni e informazioni telefonare direttamente ai ristoranti.

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

Gli articoli più letti degli ultimi sette giorni:
(questa finestra si chiuderà automaticamente entro 10 secondi)