cibo, vino e quantobasta per essere felici

Acquista la copia digitale!

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, ti informiamo che questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Alla scoperta del figo moro di Caneva

Da luglio ad agosto si svolge la raccolta di un frutto tipico delle colline del Comune di Caneva in provincia di Pordenone. Si tratta del Figo Moro, frutto dalla buccia sottilissima, con polpa rossa intensa e succosa, dal gusto dolce e delicato. Un prodotto che viene trasformato in deliziose confetture, salse, prodotti per la pasticceria e per la gelateria. Alcune caratteristiche del territorio, come il carbonato di calcio presente nel terreno, l'inversione termica che produce un clima più temperato in collina, e una costante ventilazione sono i segreti della particolarità del Figo Moro, con una tradizione di coltivazione e utilizzo ultra centenaria.

Il Figo Moro è un vero e proprio caso di successo di valorizzazione di un prodotto tipico di alta qualità, ma anche un esempio di aggregazione fra produttori agricoli che ha determinato una svolta organizzativa nella produzione, nella trasformazione e nella vendita. Dai 14 produttori con qualche centinaio di piante, si è passati agli attuali 50 consorziati con circa 2000 piante per una produzione attuale di 300 quintali con un programma di prossima espansione a oltre 500 quintali. Ma è un caso di successo anche perché la cura delle piantagioni ha costituito una leva importante per il miglioramento e per la manutenzione del territorio, con il recupero e valorizzazione delle piante storiche di fico abbandonate e la sistemazione dei ripidi declivi, che caratterizzano per la loro naturale posizione e composizione del terreno le qualità uniche di questo prodotto.

Domenica 28 agosto 2016 a Caneva dalle 16 a Villa Frova a Stevenà di Caneva si potrà conoscere non solo il Figo Moro – con la raccolta dei frutti nelle piantagioni – ma anche apprezzare le eccellenze del territorio con la visita, in occasione dell’apertura eccezionale, degli scavi archeologici del sito palafittico UNESCO del Palù e delle foci del Livenza.  LEGGI ANCHE  PALÙ DI LIVENZA: SITO PALAFITTICO E PATRIMONIO AMBIENTALE

Prenotazioni per lo showcooking al numero 0434 381630.

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

Informazioni