cibo, vino e quantobasta per essere felici

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, ti informiamo che questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

ALLA "CASASOLA" DI MANIAGO IL PREMIO TRIVELLI

Una riuscita rivisitazione della mesta, antico piatto friulano, una farinata simile allo zuf, ma un po' più densa, spiega il Pirona, ha consentito a Florina Enache, fantasiosa chef della trattoria "Alla Casasola" di Maniago, di aggiudicarsi l'ottava edizione del Premio Trivelli, manifestazione gastronomica ormai storica che ha accompagnato la Pitina nel percorso che l'ha portata, nel luglio 2018, nell'Olimpo dei prodotti a Indicazione Geografica Protetta. Seguendo un criterio di rotazione tra le varie località nelle quali è consentita la produzione della Pitina IGP, la festa della premiazione si è svolta quest'anno a Navarons di Meduno, nella sala della ex latteria. Leggi anche Conoscete la Pitina?

Una trentina i locali in concorso. I quattro premi speciali della Giuria - tutti secondi a pari merito - sono andati al maestro pasticcere Stefano Venier (Arte Dolce di Spilimbergo) che ha proposto un originale panettone gastronomico; alla Locanda Vecje For di Andreis che ha proposto il Raviolo al sapore di Valcellina; alla Trattoria Vigna di Castelnovo del Friuli per i Maltagliati di grano saraceno con Pitina e  alla trattoria Ai Cacciatori di Cavasso Nuovo. per il Cestino di Frico con Gnocchi, Formai tal Cit, Cipolla rossa di Cavasso e Pitina croccante. Un ulteriore premio, denominato "Pitina e Territorio", messo in palio dall'Azienda vinicola Ronco Margherita di Valeriano, è andato al Ristorante La Torre di Spilimbergo, dove lo chef Marco Talamini e il suo staff hanno portato in tavola il "Tiliment", un piatto dedicato al re dei fiumi alpini.

Potrebbe interessarti anche Pitina IGP approvazione definitiva



Per la sezione produttori, la miglior Pitina IGP è risultata ancora una volta quella de “La Tana delle Pitine”, l'azienda di Tramonti di Sopra dei fratelli Manuel e Sandro Gambon che si era già aggiudicata le edizioni 2016 e 2018. La cerimonia di premiazione è stata preceduta da un convegno sul tema "La Pitina dalla sussistenza alla sostenibilità", al quale hanno preso parte fra gli altri il presidente dell'Ecomuseo Lis Aganis, consigliere regionale Pierpaolo Bidoli e il direttore marketing di Promoturismo FVG Bruno Bertero. Indirizzi di saluto sono stati portati dal sindaco di Meduno, Marina Crovato, e dal presidente dell'Associazione Produttori Pitina IGP, Filippo Bier. 

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.