cibo, vino e quantobasta per essere felici

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

A Gradisca con la Rosa dell'Isonzo

Si conclude oggi 17 febbraio 2019 la tre giorni dedicata alla rosa dell'Isonzo, a Gradisca. Fiera Mercato, degustazioni, show cooking con grande partecipazione di pubblico. Una valida promozione economica del territorio, della tradizione culturale e agricola dell’Isontino.

Un gruppo di agricoltori che si sono riuniti sotto un unico marchio “Radicchio Rosa dell’Isonzo” per promuovere e valorizzare questo speciale prodotto del territorio. Come partner fondamentale all’iniziativa il locale Istituto Tecnico Agrario “G. Brignoli” che, come ha sottolineato il dirigente scolastico dott. Marco Fragiacomo, assieme a tutti gli studenti, è stato determinante per i risultati fin qui ottenuti, ed è dal giugno 2018 il proprietario del marchio depositato.

Presenti numerosi produttori dall'area di Aquileia, Cervignano, Cormons, Gradisca d'Isonzo, Grado Monfalcone, Palmanova, Ronchi dei Legionari. La rosa attualmente è coltivata da 23 produttori nell'area attraversata dal fiume Isonzo che va da Gorizia a Fiumicello Ho partecipato anche una interessante degustazione con test sensoriale per esprimere valutazioni sulle caratteristiche della rosa, colore, piacevolezza, croccantezza.

Nell'occasione di questo evento, cui ha partecipato attivamente anche l'associazione Gradisca, cav. Paolo Mocchiut, è stato presentato un libro con la storia di questo radicchio. 

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

Informazioni