cibo, vino e quantobasta per essere felici

Acquista la copia digitale!

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, ti informiamo che questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Guinness gubana da 102 kg

Oltre il quintale il peso della gubana che il 1° gennaio 2019 è stata presentata a Cividale del Friuli negli spazi del Caffè San Marco. Sono 14 i record consecutivi per la gubana gigante del Forno Cattarossi di Cividale del Friuli e del suo titolare Berto Blasuttig: il peso della gubana 2019 è 102 kg contro i 98 kg dell’edizione precedente. Sotto il loggiato del palazzo comunale di Cividale è stata ammirata e poi offerta in degustazione per il brindisi augurale di capodanno, con le bollicine offerte dal gruppo coltivatori dei Colli orientali. Autorità cittadine e regionali hanno presenziato all’evento condividendone le finalità rivolte al rilancio del dolce tipico friulano.

Assaggi giuria 2018Assaggi giuria 2018
Nel capodanno ducale è pure stato presentato il concorso “Gubana Day-Premio Bepi Tosolini”, la cui 14^ edizione si svolgerà a fine del prossimo febbraio: un weekend all’insegna delle degustazioni di gubana e, da ben 11 anni, anche di una dolcissima difida tra dolci di confine. Dopo aver sfidato la Putizza goriziana (2009), il Presniz triestino (2010), il tipico dolce carinziano Kartner Reindling (2011), l’Oreshaza istriana (2012) lo Strudel sappadino (2013), il Tiramisù carnico (2014), la Sacher torte viennese (2015)., il confronto con il panforte di Siena nel 2016, il Frustingo di Ascoli (2017) e la Pinsa di Vittorio Veneto ha aperto una nuova fase per la gubana che ora si accinge a nuove avvincenti e golose sfide con rinomati dolci tipici italici. Il prossimo sfidante sarà il pane di San Siro, tipico di Pavia, scelto a distanza di 1450 anni dalla nascita del regno Longobardo in Italia di cui la la città lombarda è stata capitale e Cividale il primo ducato. Siro, discepolo di S. Ermagora, primo vescovo di Aquileia, fu a sua volta primo vescovo di Pavia (l’antica Ticinium) e patrono della città la cui festa cade ogni 9 dicembre e per l’occasione le pasticcerie pavesi producono il dolce dedicato al santo protettore che è a base di pan di Spagna al cacao, leggermente imbevuto di rhum e ricoperto di glassa di cioccolato. 

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

Informazioni