cibo, vino e quantobasta per essere felici

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Farina di mais senza glutine: filiera territoriale

Presentato domenica 4 novembre sul palco principale di GOOD 2018, il progetto di filiera territoriale per la produzione di farina di mais senza glutine.  L’idea nata più di un anno fa si è concretizzata grazie a una collaborazione sinergica tra gli agricoltori di Buttrio, Agro Forum Iulii, il Molino Pussini e l’Associazione Italiana Celiachia FVG.

Da una ricerca effettuata infatti si è appreso che la farina di mais, senza contaminazione da glutine, utilizzata dai panificatori e pasticceri friulani fino a oggi proviene da produzioni extra regionali. Ora, grazie a questo progetto, è disponibile farina di mais, tutta friulana, certificata. Presenti il sindaco Giorgio Sincerotto in rappresentanza degli agricoltori butriesi, Alessandro Tomat per Agro Forum Julii, Giuliano Pussini coadiuvato dai suoi giovani collaboratori Roberto Pussini e Sergio Schingaro per il Molino Pussini, il Presidente regionale AIC Stefano Collauto e il coordinatore progetti AIC FVG Andrea Patroncino. Naturalmente era presente anche qbquantobasta, perchè #ociseioseguiqb

La produzione di mais per la quale è stato seguito un protocollo per evitare qualsiasi contaminazione di glutine già dalle prime fasi di produzione, ha interessato gli agricoltori buttriesi che si sono impegnati in proprio anche della operazione di essicazione conferendo al Molino Pussini il prodotto entro le 24 ore dal momento della raccolta per valorizzare le peculiarità della farina ottenuta.

Il Molino, specializzato nelle lavorazioni in assenza di contaminazioni da glutine, ha prodotto la farina di mais provvedendo anche al suo confezionamento sottovuoto che garantisce l’integrità del prodotto fino alla tavola del consumatore. 

 Agro Forum Julii ha coordinato tutte le fasi del progetto.  L’associazione Italiana Celichia FVG ha supervisionato il progetto sostenendolo fin dall’inizio e concedendo il proprio marchio a garanzia del prodotto finale. L’amministrazione comunale nella persona del sindaco Giorgio Sincerotto, nonché assessore alle attività produttive,ha avviato e sostenuto il progetto concedendo il marchio BURI - 100% agricoltori di Buttrio, coinvolgendo la Pro Loco locale per la promozione dei prodotti locali.

L’Associazione Cuochi della Provincia di Udine si è messa a disposizione per offrire la possibilità ai visitatori di GOOD di poter assaggiare la prima polenta certificata senza glutine 100% friulana.
Un traguardo che ha reso tutte le parti coinvolte molto soddisfatte e orgogliose di questa prima farina regionale senza glutine. Una scommessa che testimonia come l’unione e la sinergia rappresentino la strada giusta da percorrere per realizzare prodotti controllati e certificati a km 0.

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

Informazioni